La cabina armadio

Una cabina armadio per appendere i vestitiLa cabina armadio si può realizzare anche in spazi non necessariamente superflui e costituisce un’alternativa al guardaroba in termini di design e costi. Rispetto al normale guardaroba, oltre alla funzione prettamente di contenitore di vestiti, la cabina armadio può essere adibita anche a spogliatoio. Se la camera da letto ha sufficiente spazio (profondità di almeno 4 mt e misura minima di 14 mq), la scelta del dove posizionare la cabina armadio ricade senza dubbio in questa stanza, ma in mancanza, può essere ricavata in locali di passaggio come i disimpegni o i corridoi. La forma della cabina armadio non è solamente lunga e rettangolare, ma ne esistono di quadrate, rotonde, triangolari e irregolari, quest’ultime si adattano perfettamente allo spazio che abbiamo a disposizione. Esistono tuttavia misure minime al fine di poter installare una cabina armadio.
Per creare una cabina armadio adatta ad una sola persona sono sufficienti cm 130 x cm 150, in questo caso la cabina verrà attrezzata su due lati o su uno soltanto al fine di lasciare un passaggio di circa 70 cm. Nelle stanze con forma rettangolare, la soluzione più adatta è a tutta parete con suddivisione in due parti indipendenti (lui-lei), mentre per le stanze a forma quadrata è più funzionale una cabina armadio ad angolo con i due lati corti attrezzati che dovranno misurare almeno 200 cm. Quando abbiamo a disposizione una nicchia basterà lasciare libero il lato che non presenta moduli al fine di collocarvi la porta di accesso.
La struttura più economica di una cabina armadio si può realizzare sfruttando le ante componibili autoportanti che vengono vendute in kit semplici al montaggio; sono strutture con schienali e fianchi che andranno fissati alle pareti della cabina, all’interno dei quali andranno inserite le aste porta vestiti e i ripiani necessari. I telai portanti in genere sono in alluminio che è adatto a carichi anche più pesanti. In caso di spazi particolarmente ridotti è consigliabile installare le ante scorrevoli (necessitano di 60 cm) o pieghevoli a libro. Le porte a battente, sono le più comode ma hanno bisogno di più spazio (almeno 120 cm) e pertanto sono adatte a cabine armadio di dimensioni più ampie.

Le pareti della cabina armadio, possono essere realizzate, oltre alle strutture in alluminio autoportanti, in muratura o in cartongesso; le ante di accesso sono quasi sempre dotate di profili antipolvere e si possono scegliere di vari materiali: legno, vetro sicurezza, vetro sintetico… E’ consigliabile comunque, se la scelta è il vetro, che questo sia satinato o opaco al fine di non lasciar intravedere l’interno della cabina.
Le strutture all’interno delle pareti verranno poi attrezzate con aste per gli abiti, basi e ripiani, mensole, cassettiere, bastoni appendiabiti, scarpiere, boiserie in legno… Inoltre, grazie agli ingranaggi con dentatura, tutti gli elementi mobili che si usano per fissare i ripiani, potranno essere variati nel tempo a seconda delle esigenze. Per attrezzare un piccolo spogliatoio all’interno della cabina armadio basterà inserire uno specchio a figura intera e una seduta morbida (va bene anche un ripiano imbottito) che useremo per indossare agevolmente le scarpe.
L’ultimo dettaglio da non sottovalutare è l’illuminazione che in genere viene realizzata con l’incasso di faretti nel cielo della struttura, è preferibile utilizzare lampadine a bassa tensione (12 v al massimo!) che non alterano la percezione dei colori e producono meno calore.

Come costruire una cabina armadio

La struttura iniziale senza montantiDi seguito riportiamo un procedimento semplice per crearsi da soli una cabina armadio con struttura e montanti in acciaio, pareti in cartongesso ed una porta scrigno a vetri. Nel nostro caso abbiamo preso come esempio una cabina armadio rettangolare (370 cm x 100 cm) particolare in quanto ricavata in una parte bassa di una mansarda.

Per prima cosa è necessario prendere bene le misure dei muri in modo da realizzarli in squadra ed evitare allargamenti o restringimenti della cabina armadio. Una volta tracciato il percorso dei muri è necessario invividuare il punto preciso dove andrà inserita la porta di accesso (nel nostro caso una porta larga 90 cm a scrigno) e lasciare libero il passaggio tagliando la struttura alle misure adeguate.

La struttura della cabina armadioUna volta fissata la struttura alle basi è opportuno prendere le misure anche ai soffitti ed alle pareti cercando sempre di realizzare angoli di 90° e di mantenere in squadra tutta la struttura. Una volta creata la ‘struttura di perimetro’ è opportuno fissarvi dei montanti che serviranno a sorreggere il tutto ed eventualmente come punto di fissaggio per quadri, mensole o oggetti vari da montare una volta finita la cabina armadio.
Nel nostro caso abbiamo utilizzato anche una porta scrigno che va ben fissata sia alla struttura che a quella bassa, a sua volta fissata con un paio di viti al pavimento.

Visuale dei pannelli del cartongesso della cabina armadio 2Visuale dei pannelli del cartongesso della cabina armadio 1Una volta realizzata la struttura ben stabile bisogna tagliare i pannelli di cartongesso prendendo via via le opportune misure ed applicandolo direttamente sulla struttura forando con un trapano e fissando con dei rivetti. Non importa che i pannelli tra loro siano completamente adiacenti in quanto nelle fuge successivamente applicheremo un opportuno stucco, che una volta secco si presenterà proprio come una parte continua ed omogenea tra i due pannelli di cartongesso. Sarebbe meglio applicare una retina da stucco (lo troverete in mesticheria o in un centro edile) in modo tale che col passare del tempo lo stucco una volta secco e soggetto alle sollecitazioni della porta che si apre e si chiude non generi delle crepe brutte esteticamente.

Negli spigoli è opportuno applicare, sopra ai pannelli di cartongesso, un opportuno paraspigoli per evitare la lo sbriciolamento dello stucco o del cartongesso stesso in caso di urti con materiali duri. All’interno della struttura è possibile passare le forassiti e/o i cavi dell’antenna per la televisione; applicando dei fori nel cartongesso è infine molto semplice applicare delle scatole di derivazione e delle prese per la corrente con interruttori o antenne per la televisione.

Fatto questo basta passare dello stucco nei buchi rimasti pari e renderlo pari con delle opportune palette. Una volta secco bisogna pareggiarlo ulteriormente grattandolo con un’opportuna carta vetrata a grana fine.
A questo punto siamo proprio alla fine…. Prendete la vernice del colore che preferite e date due mani lasciando passare qualche ora tra l’una e l’altra e…
Et voilà! La vostra cabina armadio è pronta per l’uso! Inserite all’interno opportune strutture per appendere abiti e cassettiere per gli indumenti intimi…

6 pensieri riguardo “La cabina armadio

  • 4 novembre 2009 in 19:10
    Permalink

    Vorrei sapere dove posso trovare aziende che progettano e costruiscono cabine armadio in cartongesso nella zona di Modena e provincia.
    Grazie

    Risposta
  • 20 marzo 2010 in 19:56
    Permalink

    Buona sera, sono un appassionato del fai da te in particolare del legno.Vorrei costruire la camerina di mio figlio e mi piacerebbe realizzarvi una gabina armadio ad’angolo con i rispettivi lati di un metro e venti per un metro e venti (cm). Mi piacerebbe sapere da voi come assemblarla, come organizzarla interiormente e come studiare le porte da renderle pratiche e non deformabili visto la loro altezza circa 2,60 centimetri.
    In attesa di una vostra risposta vi ringrazio in anticipo della vostra cortesia.
    Buona sera

    Risposta
  • 6 luglio 2010 in 10:03
    Permalink

    Vorrei realizzare una cabina armadio in un piccolo stanzino di cm. 114×210 (vivo da sola, quindi dovrebbe bastarmi). Il lato di 140 cm. è di fronte all’entrata quindi vorrei sfruttarlo inserendo contenitori con profondità di 50/60 cm. Sul lato più lungo (210)forse potrei mettere anche solo delle mensole di profondità non superiore a 30/35 cm., in modo da potermi muovere agevolmente all’interno. l’altezza della stanza è 3 mt. ;è quindi importante riuscire a sfruttare lo spazio in altezza. Mi piacerebbe avere qualche vostro consiglio sulla disposizione e sui materiali da usare – meglio se fai da te. Abito a Pisa. grazie
    Buona sera

    Risposta
  • 1 aprile 2011 in 17:53
    Permalink

    Salve, volevo sapere dove posso trovare aziende che progettano e costruiscono cabine armadio nella zona di Vicenza e avere inoltre informazioni sul costo di tale opera.
    In attesa di una vostra risposta, vi ringrazio anticipatamente.
    Cordiali saluti, Antonella.

    Risposta
  • 20 ottobre 2011 in 19:45
    Permalink

    Buonasera, mi sto accingendo a trasformare uno sgabuzzino in cabina armadio, chiusa da una porta e con una presa luce in alto. Va bene se fodero le pareti col cartongesso, per evitare che la polvere del soffitto cada sugli abiti? O posso usare un altro sistema? La ringrazio in anticipo per tutti consigli che vorrà darmi. Cordiali saluti, Giurtalia.

    Risposta
  • 7 aprile 2012 in 11:04
    Permalink

    Realizziamo vari lavori in cartongesso-Librerie in cartongesso, Paretti attrezzate in cartongesso, Mensole in cartongesso con faretti, Cabine armadio con porte a scrigno, Scaffali in cartongesso, Nicchie velette in cartongesso, Archi Volte a crociera, Abbassamenti decorativi con inserto di faretti, Paretti divisorie, Contro pareti coibentati, Coibentazioni interni, Insonorizzazioni, Isolamenti con lastre in cartongesso preaccopiate con polistirolo, lana di vetro, lana di roccia, Ristrutturazioni interni, Paretti curve, Ristrutturazioni Uffici etc.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *