Come ricavare un nuovo punto luce

luci a ledIl modo di concepire l’illuminazione ha avuto un evoluzione molto ampia nello scorso secolo. Cinquant’anni fa, l’unica fonte luminosa proveniva dal soffitto, concepita come lampadario o plafoniera.

Oggi la distribuzione delle fonti di illuminazione ha una funzione di primo piano per la valorizzare un’abitazione, anche tenendo conto della destinazione delle varie stanze e dell’arredamento. Proprio per questo, molto spesso, esiste la necessità di ricavare un nuovo punto luce in un certo punto della nostra casa.

Oltre quindi l’illuminazione principale si è portati a collocare nei punti giusti, una fascia o punti luminosi al di sopra di ripiani di lavoro, della zona cottura, nell’angolo lettura ecc. ecc.

Disporre una nuova lampada a muro

Se ci accorgiamo che una zona della nostra casa ha bisogno di una lampada a muro (applique) per ripartire o convogliare meglio la luce in un determinato punto, dovremo quasi sicuramente disporre un nuovo punto luce sotto traccia, intervenendo sull’impianto elettrico esistente e diramando una linea dedicata per la collocazione della lampada.

Certo che chiamare un elettricista risolverebbe il problema in poco tempo. Ricordiamoci però che in questo caso si dovrà intervenire anche sulle opere murarie e di rifinitura della parete relativa al lavoro.

In questo articolo daremo la possibilità ai nostri utenti di realizzare il lavoro da soli senza grosse difficoltà e con la soddisfazione, alla fine, di aver ricavato un nuovo punto luce risparmiando centinaia di euro.

Le tracce nel muro

Per questo tipo di lavoro è preferibile realizzare una canalizzazione incassata in modo da nascondere il tracciato dell’impianto.

Innanzitutto dopo aver spostato i mobili dalla parete interessata e averli coperti con delle protezioni in pvc, si traccia il percorso della scanalatura del muro servendosi di un filo a piombo, di una riga e di una matita. Nella tracciatura evitiamo le scanalature oblique, preferendo quelle orizzontali e verticali.

Dopo la tracciatura, con uno scalpello largo da elettricista e un mazzuolo, apriamo la scanalatura avendo cura di non battere con troppa energia per non danneggiare il tramezzo. Naturalmente il tracciato dovrà partire dall’interruttore più vicino e proseguire fino alla collocazione del nuovo punto luce sempre intervenendo in senso verticale e orizzontale. Nei punti di deviazione del percorso allarghiamo la scanalatura, per fare posto ad una cassetta di derivazione.

Tubazione e cavi

Una volta terminato il tracciato, si infilano i cavi nella tubazione corrugata prima che questa venga sistemata nella traccia. L’estremità dei cavi vanno uniti e avvolti con del nastro adesivo e spolverate di talco per proteggerli durante i lavori di opere murarie e per un migliore infilaggio degli stessi. Comunque i cavi possono anche essere infilati dopo la predisposizione dell’impianto.

La tubazione e i cavi dovranno essere a tagliati per la sola lunghezza del tratto orizzontale o verticale fino alle cassette di deviazione. Ricordiamoci di prevedere una lunghezza più lunga per i cavi in modo da avere la possibilità di poterli unire ai morsetti dei comandi e nelle giunzioni tra essi.

Chiusura delle tracce

Una volta che abbiamo sistemato la tubazione, le cassette e i cavi, si procede con la chiusura delle tracce. Bagniamo il tracciato con un pò di acqua, in modo da far aderire meglio l’impasto di chiusura. Prepariamo il gesso o la scagliola in una bacinella e mescoliamo energicamente battendo con una cazzuola.

Applichiamo l’impasto preparato sul fondo della scanalatura e sotto le scatole di deviazione, spostandole un pò con la mano. Sistemiamo ora la tubazione e le cassette facendole aderire al sottofondo di gesso e riempiamo il tracciato con l’impasto usando sempre la cazzuola.

Quando il gesso incomincia ad asciugarsi lisciamo la superficie con una cazzuola da stuccatore levigandolo successivamente con una levigatrice o con un blocchetto di legno avvolto in carta vetro.

Collegare i cavi

Una volta che la traccia si è asciugata, uniamo i cavi nelle cassette di derivazione e dopo aver staccato l’interruttore generale di corrente procediamo ad unire i cavi ai morsetti del nuovo interruttore che andrà posizionato nella cassetta esistente.

Infine pitturiamo la parete intera in questione e procediamo all’applicazione della lampada a muro precedentemente acquistata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *