Come tappezzare una parete

La scelta. La prima cosa di cui sincerarsi, al momento dell’acquisto, è che la tappezzeria sia lavabile. Per le altre caratteristiche è utile ricordare che esistono simboli internazionali che riportano le specifiche qualità dei vari tipi di tappezzeria. Conoscerli è chiaramente di grande aiuto. Ad esempio: il grado di resistenza alla luce è rappresentato dal sole; quello intero significa ottima resistenza; il mezzo sole significa che il prodotto, esposto a intense fonti luminose, non dà pieno affidamento, tende cioè a scolorirsi. Il grado di lavabilità è rappresentato, nel suo livello più basso, da un’onda, mentre quello massimo (detersivi abrasivi) da una spazzola sormontata da un’onda.

Preparare le pareti. Prima della posa della tappezzeria è evidentemente molto importante sincerarsi delle condizioni dei muri ed intervenire in modo opportuno, soprattutto se questi presentano tracce di umidità. La predisposizione delle pareti dipende poi dalla loro superficie, se sono cioè intonacate, dipinte, già tappezzate, oppure rivestite con piastrelle.

Muri umidi. Sui muri umidi non si possono posare le tappezzerie perchè prima o poi finiscono per scollarsi. Per tappezzare quindi muri nuovi, sempre un po’ umidi, bisogna lasciar passare qualche mese (almeno sei). Le macchie di umidità sulle vecchie murature, quando non sono provocate da tubazioni che perdono, possono essere causate da superficiale umidità di condensa o anche da acqua assorbita dal terreno (per capillarità). Nel primo caso si può applicare sul muro, prima della tappezzeria, un foglio di polistirolo espanso. Se l’umidità sale dal terreno è necessario applicare sulla parete un sottofondo a lamine metalliche con supporto in carta dopo aver scrostato le eventuali imperfezioni.

Pareti intonacate. Sono le pareti grezze, ricoperte solo da uno spessore di malta: si lavora di raschietto e poi si passa la superficie con carta vetrata a grana grossa. Se il muro non si presenta adatto ad essere tappezzato (la superficie è molto grezza), è necessario rasare a stucco l’intonaco. L’intonaco a gesso è invece liscio e va passato con carta vetrata di grana media. Prima di applicare la tappezzeria, bisogna spolverare con cura le pareti (precedentemente carteggiate) in modo che la colla tenga bene. Per completare la preparazione delle pareti, si deve dare una spennellata di fissativo a base di resine viniliche, che deve essere diluito con acqua, secondo le indicazioni riportate sulla confezione. Se l’intonaco ha una superficie decisamente poco compatta, è consigliabile un fissativo acrilico che ha potenza legante molto accentuata.

Pareti tinteggiate. Se non sono ben compatte e quindi non offrono un valido sottofondo alla colla, devono essere raschiate. Di solito vanno tolte tutte quelle pitture che si presentano poco aderenti o quelle che sfarinano. Prima di preparare le pareti, è bene quindi rendersi conto di quale trattamento hanno avuto in precedenza.

La pittura a calce, che tende a sfarinarsi, va tolta passandola con una spazzola metallica o con un raschietto, quando è necessario. Quella a tempera o a gesso e colla, che si scalfisce facilmente e, se bagnata, lascia il colore, va asportata completamente se la tappezzeria da applicare è di un certo pregio. In caso contrario basta raschiare le parti meno aderenti, rappezzare con lo stucco e passare una mano di fissativo vinilico o acrilico. L’idropittura lavabile è di solito ben aderente e compatta e costituisce un buon sottofondo alla tappezzeria. Naturalmente i muri vanno sgrassati e lavati prima dell’applicazione. La vernice a smalto, la cementite o pitture di questo tipo non vanno bene come sottofondo perchè non assorbono la colla. Bisogna quindi carteggiare con carta vetrata media, lavare con acqua e soda (non più di 50 grammi in un litro d’acqua) e sciacquare molto bene. Si applica poi una carta-fodera oppure si esegue una rasatura a stucco.

Pareti tappezzate. Se la vecchia tappezzeria è in ordine, può benissimo fare da sottofondo a quella nuova. Gli eventuali strappi devono essere accuratamente stuccati e poi carteggiati con carta vetrata fine. Le bolle, invece, vanno incise con un taglio a croce e i quattro lembi riattaccati con cura. I rivestimenti vinilici non sono adatti come sottofondo poichè la loro superficie è impermeabile. Quindi, o si toglie la pellicola vinilica cercando di strapparla dall’alto, o si rimuove del tutto la tappezzeria sottostante. Il vecchio rivestimento va tolto non solo quando è in cattive condizioni e quindi non può fare da sottofondo, ma anche quando è stato applicato su un’altra tappezzeria, oppure è già stato tinteggiato. Per togliere la vecchia tappezzeria può essere sufficiente impregnarla d’acqua calda, ma il lavoro riesce più facile usando gli appositi prodotti emollienti.

Pareti piastrellate. È possibile tappezzarle: naturalmente richiedono un’accurata preparazione. Dopo aver lavato la superficie con acqua e soda per togliere ogni traccia di grasso, le si passa con un apposito prodotto che facilita la presa della rasatura a stucco, che deve essere passato su tutta la superficie e non solo riempire le fessure fra una piastrella e l’altra. Per ottenere un buon risultato si può applicare una carta fodera prima della tappezzeria.

Accorgimenti

  1. Si inizia a tappezzare partendo dallo stipite di una porta o di una finestra dopo aver controllato con il filo a piombo che il punto d partenza sia perfettamente verticale; se non lo è, bisogna tracciare una linea verticale di riferimento (utilizzando il filo a piombo) distante dallo stipite due o tre centimetri meno della larghezza dei teli: se il telo è alto 50 centimetri, la traccia va segnata a 47-48 centimetri dallo stipite.

  2. La posa, di solito, va fatta a giunti accostati (soprattutto se la tappezzeria è consistente).
  3. Se la tappezzeria è molto leggera, meglio sovrapporre i giunti di qualche millimetro.
  4. I giunti vanno sempre sovrapposti negli angoli fra le pareti.
  5. Non vanno fatti tagli sugli spigoli di eventuali sporgenze, perchè le giunte potrebbero aprirsi facilmente.

Preparare i teli. Dopo aver preso le opportune misure, si stende la tappezzeria sul tavolo da lavoro (facendo attenzione che il diritto sia rivolto verso l’alto) e si segna il punto da cui iniziare il taglio, lasciando un margine di 5-10 centimetri. Si piega poi il parato nel punto tracciato, facendo ben combaciare i bordi in modo da avere un taglio preciso e soprattutto diritto. Questo nel caso di una tappezzeria a tinta unita. Se è a disegni di tipo geometrico il raccordo fra i motivi si ottiene sovrapponendo il telo successivo (senza tagliarlo) a quello già applicato in modo che i disegni coincidano (tappezzeria a
rapporto pari). Quando invece la tappezzeria è a motivi sfalsati (ad esempio fiori e motivi ornamentali) il secondo telo va tagliato seguendo le indicazioni che sono riportate sul rovescio della tappezzeria. Si parla in questo caso di tappezzeria a rapporto dispari.
Prima di iniziare a incollare, bisogna aver pronti tutti i teli e gli spezzoni (sovraporte, sottofinestre) tagliati in misura; per riconoscerli è necessario riportare sul rovescio un numero progressivo. A questo punto bisogna spianare i teli arrotolandoli leggermente in senso inverso, con il rovescio verso l’alto, e sovrapporli secondo la numerazione programmata.
La colla va stesa direttamente sul muro o sul rovescio dei teli in base al tipo di tappezzeria. Il primo sistema è consigliabile per carta fodera, tappezzerie molto sottili oppure tessuti resinati che assorbono facilmente la colla e si macerano in fretta. Se la tappezzeria ha un’altezza standard (53 centimetri) e media consistenza, si applica utilizzando una pennellessa abbastanza morbida. La colla va stesa uniformemente e in misura abbondante partendo dal centro verso i bordi e incrociando le pennellate in modo da non lasciare zone asciutte (è importante quindi lavorare controluce in modo da poter controllare meglio l’uniformità dello strato di colla). A questo punto si ripiegano i bordi del telo senza marcare la piega (retro contro retro), in modo da poterlo maneggiare con facilità al momento dell’applicazione al muro. Se la tappezzeria ha un’altezza superiore a quella standard, e quindi diventa difficile maneggiare i teli già incollati, è meglio applicare direttamente la colla sulle pareti. Si procede stendendola verticalmente a strisce che superino abbondantemente la larghezza del telo, usando un pennello largo oppure il rullo.

Accorgimenti

  1. Le carte sottili e i tessuti devono essere applicati entro pochi minuti dall’incollaggio.

  2. Le tappezzerie di consistenza media richiedono una macerazione di circa un quarto d’ora, perciò per sveltire il lavoro è meglio preparare i teli uno dopo l’altro.
  3. I materiali spessi devono riposare per un periodo più lungo; si stende poi una seconda mano di colla e si applicano immediatamente.
  4. Il negoziante consiglierà i tempi di riposo secondo la tappezzeria che si è acquistata.
  5. La colla va stesa sia sul muro sia sul telo soltanto nell’applicazione delle tappezzerie metallizzate, che non vanno piegate per non rovinare la superficie (in questo caso è consigliabile lavorare in coppia).

La posa dei teli. Tenendo il telo in doppio sul braccio, si svolge delicatamente la metà superiore, la si accosta alla parete reggendo il bordo risvoltato con tutte e due le mani e si lascia, in alto, un margine di qualche centimetro. Quando il telo è nella giusta posizione (controllare l’allineamento laterale) lo si fa aderire premendolo al centro con le mani. Via via si stende anche la parte inferiore operando nello stesso modo. Per togliere eventuali rigonfiamenti si usa, secondo il materiale che si sta applicando, la spazzola, la spatola o il rullo che vanno passati dall’alto verso il basso e, a lisca di pesce, dal centro verso i bordi. Se è necessario eliminare qualche piega, si stacca delicatamente il telo partendo dal basso.
Una volta applicato il telo alla parete, si rifilano le eccedenze nell’angolo in alto, fra parete e soffitto, e in basso, contro lo zoccolino. Per farlo è sufficiente passare leggermente le forbici sulla tappezzeria, staccare un poco il bordo e tagliare in modo preciso. Quindi si preme bene la parte perchè aderisca perfettamente. Nel caso di tappezzerie lisce o compatte i bordi vanno ripassati con un rullino di plastica senza premere troppo per non far uscire la colla: per i rivestimenti vinilici bisogna invece usare una pressione maggiore e, infine, per quelli in tessuto è necessario usare l’apposito rullino zigrinato. Sulle tappezzerie in rilievo e su quelle facilmente deformabili non si usa mai il rullino, ma si passano delicatamente le dita, con una leggera pressione. Dovendo tappezzare il soffitto, è bene disporre i teli partendo dalle finestre, in modo che la luce non metta in evidenza eventuali giunti. Se la tappezzeria è a grandi disegni (geometrici o no) bisogna fare attenzione a mantenere una continuità armoniosa fra soffitto e pareti.

Accorgimenti

  1. Applicati tre o quattro teli è bene verificare con il filo a piombo se sono perfettamente verticali: eventualmente, si può rimediare sovrapponendo leggermente i teli.

  2. Negli angoli delle pareti si applica una striscia di tappezzeria tagliata in misura e risvoltata di almeno un centimetro per parte.

  3. Se gli interruttori e le prese non sono stati smontati si rifilerà con cura la tappezzeria lungo i contorni; in caso contrario si applica la tappezzeria, ritagliando poi quel tanto che basta per lasciare passare i cavetti.

  4. Usando la carta metallizzata fare attenzione che non venga in alcun modo a contatto coi cavetti elettrici.

  5. I radiatori vanno abilmente aggirati e la parte di muro in vista va ricoperta, pazientemente, cercando di fare meno giunte possibili.

  6. La tappezzeria va fatta passare al di sotto delle tubature a vista; se non è possibile, è meglio rifilarla piuttosto che coprire i tubi con il telo.

Tappezzeria preincollata. Ha la colla già applicata così che basta solo inumidirla per poterla posare. Offre quindi evidenti vantaggi rispetto agli altri tipi di tappezzeria. Si procede nel seguente modo. Dopo aver tagliato in misura i teli e averli numerati, si prende il primo, lo si arrotola in modo non molto stretto (iniziando dal bordo superiore), con il rovescio della tappezzeria rivolto verso l’esterno. A questo punto si immerge il telo nell’apposita vaschetta, riempita per tre quarti d’acqua, dove deve rimanere per tre-quattro minuti, secondo la consistenza del materiale. Si svolge poi lentamente (tenendo con le mani il bordo superiore) e lo si applica nella posizione prestabilita, lasciando sgocciolare l’acqua di troppo. Il fissaggio definitivo viene fatto con una spugna che va passata con cura procedendo dal centro verso l’esterno. Per eventuali ritocchi bisogna passare un sottile strato di colla sulla parete, prima di posare il telo.

I quadrotti. Possono essere in sughero, materiale plastico o feltro. Sono venduti in scatole, ognuna delle quali ne contiene un numero sufficiente per ricoprire un metro quadrato di superficie e misurano 30 centimetri di lato. La posa in opera è piuttosto semplice. Dopo aver preparato le pareti, come per la posa delle altre tappezzerie, si stende l’adesivo a contatto sia sul retro del quadrotto sia sul tratto di parete dove deve essere applicato. Dopo qualche secondo, quando la colla diventa appiccicosa e non aderisce più alle dita, si può posare il materiale. Attenzione a posizionarlo correttamente perchè poi non è più possibile spostarlo. Per eventuali rifiniture si usa un coltellino ben affilato e una riga metallica. Negli angoli e negli spigoli, dove la rifinitura può essere un pop approssimativa, è consigliabile applicare un listellino di legno che copra le imperfezioni. I quadrotti in legno sono disponibili anche autoadesivi.

13 pensieri riguardo “Come tappezzare una parete

  • 7 maggio 2008 in 23:07
    Permalink

    Salve, mi rivolgo a voi perchè non riesco a trovare la ditta che produce gli adesivi da attaccare al muro tipo carta da parati raffiguranti, anzi con vari tipi di muro o mattoni disegnati .
    grazie

    Risposta
  • 8 maggio 2008 in 11:25
    Permalink

    ciao, capisco la tua difficoltà perchè in Italia non esiste un gran mercato di carta da parati e simili, pertanto ti posso consigliare dei siti dove troverai un po’ di materiale, sono tutti stranieri ma ti posso assicurare che la spedizione è precisa e comunque hai la possibilità di acquistare dei piccoli campioni per poi scegliere con calma il prodotto che ti convince di più:
    http://www.osborneandlittle.com (c’è un contatto anche in italia)
    http://www.ninacampbell.com
    http://www.living.unlimited.dk
    spero di esserti stata di aiuto.

    Risposta
  • 22 luglio 2008 in 05:20
    Permalink

    Sono disperata, ho tolto 250 mq di pannelli di compensato dal soffitto ed ora non riesco a togliere i residui di cartone e gli spessori di colla per ritinteggiare, esiste qualcosa che io possa fare? Urgente! Grazie millecento!
    Sandra

    Risposta
  • 22 luglio 2008 in 10:17
    Permalink

    Ciao Sandra, tutto dipende dalla quantità del residuo da togliere, comunque, le soluzioni sono:
    mettersi lì con tanta pazienza e grattare con mazzolo e scarpellino, come se tu dovessi fare un buco ma in trasversale e poi rintonacare dove hai tolto gli eccessi; oppure
    fare impacchi con cotone e diluente nitro, in questo caso dovrai prendere dei panni di cotone imbevuti di diluente, applicarli alle zone con residui da rimuovere, lasciare agire per almeno un’ora e vedere se in questo modo la superficie da trattare risulta ammorbidita, a quel punto i residui verranno via con una spatolina; gli stessi impacchi potrai farli con la pasta di cellulosa ma a seconda della quantità di cui hai bisogno diventa un intervento un po’ costoso; oppure,
    comprare un vasino di pasta di fino e, dopo aver grattato il più possibile, riempire con la pasta (del colore dell’intonaco) i vuoti lasciati. La pasta dovrà essere applicata con una spatolina, la pasta è morbida e riuscirai a lavorarla bene, dovrai cercare di rendere la superficie più liscia possibile perchè dopo quando andrai a tinteggiare il soffitto, eventuali difformità di superficie si noteranno di più.
    Buon lavoro.
    Elettra

    Risposta
  • 29 gennaio 2009 in 14:18
    Permalink

    Buongiorno,

    vorrei sapere che metodo/prodotto esiste per rimuovere la tappezzeria dalle pareti di cartongesso per poi imbiancare. Alcuni piccoli pezzi si sono staccati da soli. Usare l’acqua penso che danneggi il cartongesso….

    Grazie per il vostro aiuto.

    Buona giornata,

    Barbara

    Risposta
  • 29 gennaio 2009 in 19:23
    Permalink

    Ciao Barbara, il metodo è lo stesso che con altre pareti (impacchi di cotone con diluente nitro da lasciar agire per un minuto), solamente devi prestare molta più cautela in quanto il carton gesso potrebbe danneggiarsi.

    Risposta
  • 30 gennaio 2009 in 11:21
    Permalink

    Grazie Elettra. Ci provo!
    Ciao, Barbara

    Risposta
  • 9 novembre 2009 in 16:44
    Permalink

    Buongiorno, aiuto! avevo messo in salone un bordo adesivo su una tinta color avorio (lavabile); adesso vorrei toglierla; iniziando da un piccolo punto della stanza, è stato difficilissimo; aiutata dal phon ho tolto il bordo ma la colla rimane! ho provato anche con l’alcol ma resta sempre il colore un pò + scuro della colla e quell’appiccicaticcio che mi sta facendo impazzire. Cosa posso fare? C’è un rimedio o devo proprio chiamare un pittore? Grazie. Saluti. Patrizia.

    Risposta
  • 15 dicembre 2009 in 00:11
    Permalink

    Vorrei sapere se esiste un modo per reincollare i margini dei teli della carta di tappezzeria di alcune pareti o se, con l’ausilio di qualche materiale adesivo, si può mascherare l’imperfezione.Vi ringrazio anticipatamente.

    Risposta
  • 15 dicembre 2009 in 00:31
    Permalink

    devo attaccare sul muro 3 pergamene di carta sottilissima (narrazione inferno purgatorio paradiso)comprate alla casa di dante in firenze mi e stato detto di usare la tecnica decoupage cioe’ 1 strato di vinavil sotto 1 strato sopra e poi dopo asciugato passare una vernice all’acqua lucida faccio bene?

    Risposta
    • 15 dicembre 2009 in 16:28
      Permalink

      buongiorno Giuseppe, dipende dal tipo di effetto che vuole ottenere, la colla poi dovrà essere diluita…si informi presso i centri del fai da te. saluti

      Risposta
  • 16 aprile 2011 in 20:20
    Permalink

    Salve, mio fratello ha preso un kiosko sulla spiaggia, la struttura è tutta in ferro (metallo), la cucina deve essere piastrellata, come deve fare per rivestirla? esistono dei materiali fatti a posta per fare un lavoro del genere??? AIUTOOOOO …

    attendo con ansia una risposta grazie
    Alessandra

    Risposta
  • 10 marzo 2012 in 11:56
    Permalink

    buongiorno, ho letto l’articolo, ma non ho ancora le idee chiare sulla posa della carta soprattutto negli angoli e spigoli. Ecco il mio dubbio è se gli angoli e spigoli non sono perfettamente verticali come faccio a ripartire correggendo la verticalità sia con carte da parati a tinta unita, sia con quelle con motivi? negli angoli non perfetti il risvolto della carta (2.5 cm) si sgualcisce e non si possono praticare dei tagli perchè sceglierò la posa accostata. Poi mi chiedevo se casualmente i fogli capitano sulla linea precisa dell’angolo e la linea dello spigolo?
    ringrazio con anticipo.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *