Il deumidificatore

Un deumidificatore per togliere l’umidità

Si tratta di una particolare macchina frigorifera. L’aria che entra nel Deumidificatore attraversa prima una superficie fredda quindi una calda (corrispondenti rispettivamente alla serpentina interna (evaporatore) e quella esterna (condensatore) del frigorifero domestico. Nel primo tratto l’aria si raffredda (l’umidità così cresce) e quando ha raggiunto il 100% di umidità, ovvero quando è satura, comincia a cedere acqua che viene raccolta in una vaschetta e fatta cadere in una tanica. Riusciamo così a ridurre drasticamente il contenuto di vapore acqueo dell’aria. Nel secondo tratto l’aria raggiunge una temperatura di poco superiore a quella iniziale; il risultato è quindi aria con U.R. notevolmente inferiore a quello iniziale e con minor contenuto d’acqua. Un Umidostato automatico regolabile consente di mantenere in ambiente l’umidità al livello desiderato. Un dispositivo di sicurezza arresta la macchina quando la tanica è piena d’acqua.

La differenza con il condizionatore. Viene spesso proposto un Condizionatore normale in alternativa al Deumidificatore. Anche il Condizionatore toglie l’Umidità ma, essendo nato per altri scopi, non è indicato, salvo casi particolari, per risolvere un problema d’eccesso d’Umidità. Il Condizionatore classico da finestra non è assolutamente indicato in quanto riduce il contenuto d’acqua ma, poiché abbassa la temperatura, non riduce l’umidità L’aria compie solo la prima parte del ciclo che compie nel Deumidificatore. Il discorso può avere significato per i condizionatori portatili di nuova concezione, nei quali è possibile, quando li si vuole utilizzare come Deumidificatori, mandare in ambiente l’aria calda che, normalmente, viene espulsa. In realtà anche queste macchine non sono indicate per risolvere il problema dell’Umidità in quanto:

  1. Non hanno alcun dispositivo di controllo della Umidità, a differenza del Deumidificatore, perciò Non possono funzionare in modo automatico.

  2. Il Condizionatore non è progettato per deumidificare, ma per raffrescare e per questo motivo a parità d’acqua condensata consuma molta più energia elettrica.

  3. Se la temperatura ambiente è inferiore a circa 20° C. la batteria fredda si copre di brina che impedisce il regolare funzionamento della macchina e, a lungo andare, la danneggia.

Un pensiero riguardo “Il deumidificatore

  • 29 marzo 2009 in 18:19
    Permalink

    é possibile far funzionare un deumidificatore come raffrescatore a basso consumo elettrico x piccoli ambienti, auto camper tramite inverter? è possibile eliminare il secondo passaggio dove l’aria si riscalda x tornare nell’ambiente essiccata?

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *