Ristrutturazione, ricostruzione e nuova costruzione

Ristrutturazione di un appartamentoImmobili. Ristrutturazione, ricostruzione e nuova costruzione, quali differenze tra questi termini? Con gli incentivi legati all’approvazione da parte delle Regioni del Piano Casa, la Cassazione interviene per chiarire quando effettivamente opere edilizie sono da intendersi come ristrutturazione.
Ristrutturazione, ricostruzione e nuova costruzione. Concetti simili ma nello stesso tempo molto differenti tra loro. Tanto che, proprio di recente è dovuta intervenire la Cassazione che con una sentenza (la numero 19287 del 7 settembre di quest’anno) riassume e sintetizza proprio la nozione (e le varie differenze) tra i suddetti termini. È dunque proprio la Corte di Cassazione a dirci che la ristrutturazione avviene nel caso in cui ‘gli interventi, comportando modificazioni esclusivamente interne’ ed inoltre vadano ad interessare ‘un fabbricato le cui componenti essenziali, quali muri perimetrali, strutture orizzontali e copertura siano rimasti inalterati’.

La ricostruzione invece viene a verificarsi quando ‘le componenti dell’edificio, per un evento naturale o per fatto umano, siano venute meno’ e di conseguenza l’intervento che viene posto in essere successivamente non vada a comportare ‘alcuna variazione rispetto alle originarie dimensioni dell’edificio, con particolare riferimento alla volumetria, alla superficie di ingombro occupata ed all’altezza’.
Sempre nella suddetta sentenza la Corte di Cassazione affronta anche la differenza tra ricostruzione e nuova costruzione, andando a precisare che nel particolare caso di ‘aumento di una delle componenti dell’edificio, si è presenza di una nuova costruzione, da considerare tale agli effetti del computo delle distanze rispetto agli immobili contigui’.

Un intervento necessario quello della Cassazione anche in virtù delle recenti approvazioni, in varie regioni italiane del Piano Casa che, prevede numerosi incentivi fiscali per chi vuole porre in essere dei lavori di ristrutturazione e ricostruzione di immobili già esistenti. Una legge, quella che va sotto il nome del Piano Caso, posta in essere per incentivare tutto il settore economico legato all’edilizia.

Ed anche per questo motivo oggi è più conveniente che mai cominciare a porre in essere dei lavori di ristrutturazione edilizia, anche perché tali tipo di lavori possono costituire una interessante alternativa al cambi di abitazione. Varie le motivazioni di chi intende prendere la scelta di ristruttura le propria casa. A prescindere dalle motivazioni però, una volta ultimati i lavori sempre più spesso c’è il problema della pulizia. Molto spesso è l’azienda che si occupa dei lavori a provvedere anche a risistemare il tutto, cosa resa possibile anche da eventuali clausole da aggiungere nel contratto che si pone in essere con la ditta operante la ristrutturazione. In ogni caso, comunque, il fai da te è sempre sconsigliato. Non è proprio semplicissimo pulire dopo interventi del genere. Il consiglio dunque è di rivolgersi a aziende e ditte specializzate in questo settore.

Fonte: Quotidiano Il Roma del 30 Novembre 2009

9 pensieri riguardo “Ristrutturazione, ricostruzione e nuova costruzione

  • 3 dicembre 2009 in 17:00
    Permalink

    Buongiorno,

    ho visto al Cersaie 2009 i prodotti Slimtech di Lea Ceramiche, piastrelle e superfici ceramiche di 3 millimetri di spessore.
    Tali prodotti possono essere applicati sopra ad un pavimento già esistente senza dover rompere nulla, con grande risparmi di tempi e di costi.
    Chiedo se avete notizie a tale proposito e se potete darmi qualche consiglio aggiuntivo.

    Grazie, Maurizio.

    Risposta
  • 15 gennaio 2010 in 22:56
    Permalink

    A fine mese cominceremo una serie di lavori di ristrutturazione nella casa appena acquistata. Gentilmente vorrei sapere se per lavori quali pavimentazione totale dell’appartamento, rifacimento completo del bagno, installazione nuova caldaia a metano, sono previste agevolazioni fiscali. grazie

    Risposta
  • 14 aprile 2010 in 16:19
    Permalink

    Buongiorno,mi accingo fra pochi mesi a costruire ex novo una casa,che risulterà come prima abitazione.Sarà una casa a totale risparmio energetica:costruzione in legno con materiali naturali e biologici (Casa clima della Rubner Haus) e altamente isolanti,così come tutti gli infissi.Inoltre abbiamo scelto di riscaldare con stufe a legna e pellets e di utilizzare per energia elettrica i mulini a vento.Fino a pochi giorni fa ero convinta di avere diritto alla defiscalizzazione sull’intera costruzione.Oggi invece mi sono sorti dei dubbi.Cosa devo aspettarmi in realtà e quali passi devo compiere?E un’altra domanda?Conta anche la regione di residenza,nel mio caso la Toscana

    Risposta
    • 16 aprile 2010 in 15:39
      Permalink

      si, deve rivolgersi all’ufficio urbanistico del suo Comune, saluti

      Risposta
  • 21 aprile 2010 in 15:48
    Permalink

    Buonasera,
    vorrei affrontare le spese di ristrutturazione di un appartamento non di mia proprietà ma col benestare del proprietario: a tal proposito la mia domanda è:
    posso usufruire delle agevolazioni fiscali del 36%?
    o è prerogativa del proprietario?
    il mutuo per la ristrutturazione dovra essere a me intestato
    grazie
    a presto

    Risposta
  • 13 giugno 2011 in 12:29
    Permalink

    Salve,
    vorrei togliere la cortina dalla facciata di uno stabile anni ’70 che vorrei acquistare, mi chiedevo se esistono dei prodotti come ad esempio speciali vernici coprenti, pannelli che la foderino, altri materiali da incollarci sopra… o devo per forza demolirla?
    Grazie a presto

    Risposta
  • 22 gennaio 2012 in 15:11
    Permalink

    salve,
    vorrei acquistare direttamente dal costruttore un immobile indipendente, derivante da un rudere da abbattere a riedificare completamente, la mia domanda è, che permessi servono al costruttore e tempistica per il rilascio del ok da parte del comune?
    il rudere si trova in genova voltri delegazione crevari.
    grazie

    Risposta
  • 15 gennaio 2013 in 16:16
    Permalink

    Buongiorno.
    Dovendo mettere in sicurezza un terrazzo (balcone? larghezza cm. 120 circa) che circonda la mia casa costruita nel 1911 interamente di mattoni, posso usufruire delle detrazioni fiscali? Tale casa é sulla via del vino ed é stata segnalata dalla Regione per la sua particolare costruzione.
    Grazie.
    Pier Rita Calcagno 14032 Casorzo (AT)

    Risposta
  • 24 luglio 2014 in 16:51
    Permalink

    Bellissimo sito, pieno di informazioni intriganti.
    Lo utilizzerò brevemente anche io.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *