Il divano

Divano moderno in ampio soggiorno

Nella scelta dell’arredo di un soggiorno o di un salotto, se questo spazio è ben delineato e comunque separato dalla zona pranzo, la prima valutazione da fare è la scelta del divano e delle poltrone ed il loro posizionamento all’interno della stanza. Il divano e le poltrone hanno come funzione principale il relax per la famiglia, ma anche l’accoglienza per gli ospiti. Nell’arredo di un soggiorno pertanto, insieme al divano, verranno valutati anche altri complementi d’arredo funzionali al relax, alla conversazione, al riposo, alla lettura, pertanto una volta scelta la posizione del divano, bisognerà crearvi intorno un ambiente che preveda una corretta illuminazione con lampade a piantana nella zona adibita alla lettura, mensole e librerie che possano accogliere libri e riviste, una serie di prese della corrente per poter godere degli elettrodomestici adatti alla zona soggiorno, come un impianto stereo, una presa per il telefono, una per la televisione che ovviamente dovrà essere posizionata in maniera frontale al divano e comunque non soggetta alla luce diretta di aperture come porte o finestre che potrebbero creare fastidiosi punti luce e ombre sullo schermo.
Se la stanza soggiorno è ampia, potremo poi valutare l’inserimento di un tavolino da fumo, di un pouf, di una o più poltrone, di una sedia a dondolo…Il divano risulta essere pertanto il fulcro del soggiorno e quindi nella scelta della forma, dell’imbottitura e del rivestimento bisognerà optare per un mix vincente di funzionalità, comodità e estetica.

La forma del divano più amata è quella tipica ad L, ma in carenza di spazio, se si ha una sola parete libera bisognerà optare per un divano 2-3 posti (circa 120 cm) e posizionare magari un bel tappeto con dei cuscini morbidi per creare sedute alternative nel caso di ricevimento ospiti. La forma a L invece, è caratterizzata dalla possibilità di sfruttare l’angolo di incontro di due pareti perpendicolari con l’inserimento magari di una penisola che permette un relax completo.
Ultimamente è molto richiesta la struttura dei divani componibili, si tratta di sistemi di moduli aggregabili, vari tra loro per forme, dimensioni ed elementi (penisole, angolari, pouf, dormeuse…), in questo modo è possibile creare diverse ambientazioni inserendo o togliendo i moduli componibili anche se le soluzioni compositive alla fine sono principalmente tre: asimmetriche, angolari e lineari. Ovviamente ogni divano può essere arricchito dai suoi accessori che sono: poggiapiedi, cuscini, tavolini, poggiatesta, braccioli, schienali attrezzato o reclinabile.

Un divano angolare bianco in stile modernoEsiste poi la soluzione ‘ibrida’ di divano che assume la caratteristica di letto, ovvero il divano letto.
Spesso viene utilizzato nelle abitazioni che per loro natura sono rivolte all’accoglienza di più ospiti come le case al mare o in montagna, ma in carenza di spazio, può diventare necessario anche nell’appartamento di città. Alcuni modelli del divano letto si posizionano orizzontalmente grazie al ribaltamento dello schienale creando così un unico piano e un letto di circa una piazza e mezzo della lunghezza di circa 200 cm e della larghezza di circa 140 cm. Altri modelli di divano letto, si trasformano in un letto vero e proprio senza l’ausilio di materassi o sottomaterassi in quanto viene sfruttata la stessa imbottitura del divano che con pochi movimenti meccanici diventa appunto letto.

I principali rivestimenti del divano si possono riassumere in tre materiali:

  • Rivestimento in tessuto; si tratta di rivestimenti naturali o sintetici (in base alla lavorazione) molto vari per quanto riguarda colore e superficie. La scelta è ampia nei tessuti che possono essere in lino, lana, velluto, cotone…
  • Rivestimento in pelle ovvero ricavato da un derivato di origine animale che rispetto al rivestimento in tessuto ha un fascino indubbiamente maggiore e una resistenza pressoché eterna. La scelta dei colori è più ridotta ed è consigliabile posizionarlo lontano da fonti dirette di calore che ne indurirebbero l’elasticità.
  • Vimini; ovvero un materiale completamente naturale, intrecciato (spesso paglia o rattan) caratterizzato dalla leggerezza e flessibilità.

Per la manutenzione del divano è consigliabile utilizzare panni umidi senza l’utilizzo di saponi (ad eccezione di quelli neutri) e nel caso di macchie è necessario intervenire immediatamente con la rimozione; nel caso di divani in tessuto la loro pulitura è più semplice in quanto spesso sono sfoderabili.
Nel caso dei divani con rivestimento in pelle ci preme precisare che molto spesso si sente parlare di ‘pelle’ anche quando si tratta di rivestimenti completamente sintetici che vengono ottenuti dalla lavorazione di materiale vergine e non di pelle rigenerata. La pelle pieno fiore invece è la versione naturale della pelle che si ricava dagli strati superiori delle pelle animali ed è particolarmente morbida o durevole. Al tatto i due prodotti si possono distinguere, in quanto: se la pelle nella sua parte posteriore è ugualmente morbida e sembra quasi uno scamosciato si tratta di pelle vera, se invece la pelle, nella sua parte posteriore è più simile ad un tessuto, allora in quel caso si tratta di pelle artificiale.

9 pensieri riguardo “Il divano

  • 7 novembre 2010 in 21:46
    Permalink

    Sono interessato al divano bianco come riporta la foto in questo blog.Vorrei avere coordinate dell’azienta produttrice per acquisto privato.
    Ermanno

    Risposta
  • 8 novembre 2010 in 17:27
    Permalink

    Salve,
    sono interessata al divano della terza foto,vorrei sapere chi è il produttore.
    Ringrazio anticipatamente.
    Tania

    Risposta
  • 2 dicembre 2010 in 17:07
    Permalink

    Sono interessato al divano bianco come riporta la foto in questo blog.Vorrei avere coordinate dell’azienta produttrice per acquisto privato.
    grazie

    Risposta
  • 14 giugno 2011 in 12:50
    Permalink

    Buongiorno,
    vorrei sapere il nome dell’azienda produttrice del divano bianco, ultima foto.
    Ringrazio anticipatamente.

    Alessia

    Risposta
  • 4 luglio 2011 in 14:33
    Permalink

    Buongiorno, interessa anche a me sapere il nome dell’azienda produttrice del divano nella 2a foto (quella con il tavolino quadrato e tappeto nocciola).
    Grazie

    Risposta
  • 9 agosto 2011 in 14:16
    Permalink

    Buongiorno, anch’io sarei interessata al nome dell’azienda produttrice del divano nella 2a foto (quella con il tavolino quadrato nero e tappeto nocciola).
    Grazie

    Risposta
  • 31 gennaio 2013 in 10:21
    Permalink

    buongiorno,
    posso sapere quanto costa questo divano?
    grazie

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *