I balconi e i terrazzi

Il balcone o il terrazzo possono diventare importanti per l’ambiente su cui si aprono, come il balcone della zona giorno che amplia la zona giorno stessa.
Nella bella stagione, dotato di una tenda estensibile, un tavolino, qualche seduta, piante verdi e da fiore, aggiunge superficie al salotto. Nella brutta stagione rimane comunque un fondale più distante del muro perimetrale e, se abbellito con sempreverdi, amplia ugualmente l’ambiente.

Impianti, verde, finiture ed illuminazione. Viste queste considerazioni, si cerchi di non occuparli in maniera antiestetica con impianti di condizionamento o di trasformarli in ripostigli: sarebbe veramente un’occasione sprecata per ampliare e abbellire con un tocco di raffinatezza la propria casa. Nel posizionamento degli impianti della climatizzazione si faccia attenzione a dove verrà diretto il getto d’aria calda: possibilmente non dovrebbe rendere invivibile il balcone, anche se poi nel momento in cui si usa il condizionatore tutti i vetri saranno chiusi, ma troppo calore brucia le piante.
Nella scelta delle piante si cerchino anche dei sempreverdi così da avere una bella quinta anche nella stagione fredda.
Se è possibile scegliere le finiture, non ci si fermi alle solite mattonelle da terrazzo, ma si pensi anche a mattonelle con una certa valenza estetica oltre che di resistenza alle intemperie. Si può anche usare un paramento lapideo sui muri perimetrali.
L’illuminazione potrà richiamare quella interna, come anche differenziarsene in modo romantico, usando lanterne o prodotti tradizionali del luogo.

10 pensieri riguardo “I balconi e i terrazzi

  • 4 marzo 2009 in 13:29
    Permalink

    Gradirei sapere come districarmi tra norme e leggi a proposito degli oneri verdi, deruralizzazioni e comany…non ci sto capendo più niente! La nostra casa in campagna con terreno (23 ettari) che fino a ieri era edificio rurale dovrà essere divisa fra me, mio fratello e mia madre (attuale proprietaria); ora, se la situazione di “rurale” non è cambiata, cioè persistono i requisiti, perchè devo pagare degli oneri per derurarizzarla?

    Risposta
  • 9 marzo 2009 in 20:19
    Permalink

    Vorrei sapere quanto vale il mio lastrico solare di mq.150 posto al quato piano fuori terra a Reggio Calabria zona centrale, via Nicola Furnari.

    Risposta
  • 10 marzo 2009 in 10:47
    Permalink

    Salve Domenico,il lastrico solare ha una duplice funzione, quello di terrazza e quello di copertura, pertanto nel calcolo della superficie commerciale, se il lastrico è di proprietà esclusiva dell’appartamento direttamente sottostante, si considera un 30% del valore stabilito al metro quadrato (per metodo comparativo, il valore è riferito a quello di un appartamento in quella zona) fino a 25 mq di superficie e 10% per la quota eccedente.
    saluti

    Risposta
  • 10 marzo 2009 in 11:53
    Permalink

    grazie per la vostra disponibilità a professionalità domenico

    Risposta
  • 20 maggio 2009 in 15:00
    Permalink

    abito in un appartamento di un condominio edificato nel 1995 acquistato all’asta in quanto il costruttore e fallito.nei piani alti dello stesso vi abita un condomine che con il suo balcone difettoso (infiltrazioni di acqua piovana)per errata pendenza, ha rovinato la facciata condominiale facendo distaccare buona parte dell’intonaco esterno dei sottostanti appartamenti tutt’ora sotto proprietà del tribunale fallimentare.Vorrei sapere se il condomine proprietario del terrazzo e responsabile totalmente del danno in quanto non ha provveduto negli anni a ripristinare la pendenza del suo balcone, e se tutte le spese di ripristino della facciata del sottostanta condominio sia a carico suo?
    Grazie
    Distinti Saluti

    Risposta
  • 20 maggio 2009 in 16:59
    Permalink

    Buongiorno Romolo, per stabilire l’effettiva responsabilità del condomino, bisognerebbe incaricare un perito e richiedere un risarcimento del danno, in questo caso, se il problema deriva da un difetto strutturale, la responsabilità non è totalmente sua, pertanto ti consigliamo di raggiungere un accordo in via amichevole.

    Risposta
  • 3 luglio 2009 in 11:18
    Permalink

    Abito in un condominio di 4 palazzine collegate tra loro in un unico blocco.
    Ogni palazzina ha 5 piani. Al quinto piano, dove abito io, c’è un solo
    appartamento e l’accesso ad un terrazzo condominiale chiuso e non usato da
    nessuno, di circa 100 mq. E’ possibile acquistare il terrazzo? Qual’e la procedura da seguire?
    Come viene valutato l’importo? I soldi vanno al condominio o a ogni singolo
    condomino? Viene fatto un atto notarile?
    Grazie,

    Risposta
  • 27 marzo 2010 in 22:18
    Permalink

    Nel preliminare di compravendita risulta un terrazzo di proprietà,ma fatto il rogito il terrazzo nell’atto non è scritto.Il notaio dice che non c’è perchè non è di proprietà e in più scopro che è un lastrico solare a mio uso esclusivo.Nè il venditore,nè la tecnocasa mi avevano detto ciò.Come devo fare per recuperare il denaro speso in più per un terrazzo che non è di mia proprietà?
    Grazie!!

    Risposta
    • 16 aprile 2010 in 18:41
      Permalink

      dovrà chiamare in causa la parte venditrice, ma avrebbe dovuto chiedere uno sconto all’atto di acquisto, saluti

      Risposta
  • 20 luglio 2010 in 15:23
    Permalink

    Buongiorno, l’uso esclusivo del lastrico solare dev’ essere indicato obbligatoriamente sull’atto di proprietà?
    Nel mio caso sono proprietario di un appartamento al 2 piano di una villetta bifamiliare. I due apprtamenti sono identici, ma dall’appartamento al 1° piano rialzato si accede internamente alla taverna, mentre dal mio, e solo da esso, si accede al terrazzo con lastrico solare.
    Nell’atto sono presenti le servitù di passaggio per quanto riguarda l’ingresso e l’accesso esterno alla taverna( il proprietario del piano rialzato, infatti, può accedere sia dalle scale interne sia da una porta esterna posta di fianco a quella della mia taverna.)
    Nulla viene detto sul lastrico solare in merito a servitù di passaggio o uso esclusivo. Adesso io vorrei abbellirlo con un gazebo e delle piante e vorrei capire se posso farlo o se il proprietario del piano inferiore può contestare qualcosa. Se, invece, volessi costruire un nuovo piano basterebbe ripristinare il lastrico solare sulla copertura o dovrei comunque pagare qualcosa al proprietario del 1° piano?
    Grazie

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *