Vendita di una casa tramite agenzia immobiliare

Scegliere l’agente immobiliareLe regole da applicare, tra clienti e agenti immobiliari, per non trovarsi spiacevoli sorprese. Ci sono delle leggi che è bene seguire nella scelta dei professionisti della compravendita di case. Contengono norme che è necessario conoscere prima di stipulare un qualsiasi accordo.
Patti chiari, amicizia lunga. Tra chi? Tra chi compra e/o vende una casa e l’agente immobiliare a cui viene affidato l’incarico di trovare un acquirente o scoprire la dimora dei propri sogni. Ci sono delle regole che è bene seguire nella scelta dei professionisti del mercato degli immobili, regole che è necessario conoscere prima di stipulare un qualsiasi accordo. E che possono assicurare dei vantaggi strategici di non poco conto.

Dal 1996, dall’entrata in vigore della legge sulle clausole abusive contenute nei contratti, il cliente di agenti e mediatori è stato fornito di una rete protettiva di indubbio valore. Infatti, tutti i codicilli vessatori, inseriti furbescamente nei patti, vengono considerati inefficaci. Queste regole sono state accolte dalle più importanti associazioni di agenti, soprattutto quelle che raccolgono nelle proprie fila i migliori professionisti.

La conoscenza delle norme evita dunque di cadere nelle ‘braci’ di personaggi poco credibili. Gli elementi da tenere sempre presenti riguardano soprattutto l’incarico con cui si affida all’agente immobiliare il compito di trovare un compratore: non deve essere un ‘mandato’ o una ‘procura’ che, in ogni caso, gli darebbe diritto ad un onorario anche se non trova un acquirente. L’esclusiva impegna il proprietario a non vendere direttamente l’immobile e a non affidare l’incarico ad altri soggetti. In cambio può ottenere la rinuncia al rimborso delle spese nel caso in cui non riesca a concludere l’affare.

Attenzione, se non indicato nell’incarico di mediazione, il rimborso delle spese è un diritto riconosciuto. Viene invece considerata vessatoria la clausola che impone al cliente il pagamento dell’onorario pattuito, quando quest’ultimo commette una leggera infrazione al mandato. La durata del contratto varia secondo il prezzo proposto e la tipologia del fabbricato. Le case di villeggiatura o in quartieri a rischio hanno bisogno di più tempo di un bilocale in centro di una grande città. La durata media di un incarico è di quattro mesi, quando oggetto della trattativa è un immobile commerciale. È più lungo quando si tratta di altre tipologie di fabbricati.

Nel definire la caparra, è bene prevedere la perdita di una certa somma se uno dei contraenti è inadempiente, anche se comunque, resta la possibilità di pretendere l’esecuzione del contratto e richiedere i danni. Infine, l’onorario del mediatore. Tradizionalmente si versa alla firma del preliminare d’acquisto (compromesso), ma può essere pagato al rogito o alla sua trascrizione nei registri immobiliari.
Viene calcolato in base a percentuali secondo il prezzo di vendita e diminuisce con la crescita del valore del fabbricato.

Fonte: Quotidiano Il Milano del 23 Settembre 2009

420 pensieri riguardo “Vendita di una casa tramite agenzia immobiliare

  • 21 ottobre 2009 in 23:52
    Permalink

    Un’amica ha firmato un mandato di vendita con una agenzia immobiliare,sono passati tre giorni dalla stipula del contratto e la parte venditrice ovvero la mia amica ha deciso di recidere il contratto,l’agenzia chiede la provvigione.Ho saputo che si possono recidere i contratti se non sono ancora passati 7 giorni .E’ vero?come deve comportarsi per recidere il contratto senza rimetterci soldi ? Grazie

    Risposta
    • 22 ottobre 2009 in 11:31
      Permalink

      Buongiorno Enza, non riusciamo a capire la sua domanda, cosa intende per ‘recidere un contratto’? Inoltre, il mandato di vendita è un incarico che viene conferito ad un’agenzia immobiliare ma non comporta spese se non a lavoro svolto, ovvero, l’agenzia ha diritto a ricevere la provvigione se ha trovato un acquirente disposto ad acquistare alle condizioni indicate nel mandato.
      saluti

      Risposta
  • 1 novembre 2009 in 21:48
    Permalink

    Buon giorno,
    esiste un sistema che tuteli chi acquista casa in merito alla perdita della caparra nel caso in cui non si riesca a vendere la propria prima del rogito?
    Grazie

    Risposta
    • 2 novembre 2009 in 16:52
      Permalink

      buongiorno Massimo, se lei ha sottoscritto un preliminare di acquisto, può solo chiedere una proroga per prendersi più tempo per rogitare, in mancanza, ci sono alcune banche che propongono soluzioni “tampone” così dette “mutuo ponte”, in italia può rivolgersi a CHE BANCA gruppo mediobanca. saluti

      Risposta
  • 2 novembre 2009 in 20:42
    Permalink

    buonasera ho fatto e firmato una proposta di acqisto vincolata al mutuo per una casa in data 1 ottobre,in data 20 novembre ho richiesto l’annullamento e l’agenzia mi ha fatto vedere la proposta firmata in data 10 ottobre e mi ha detto che non si può annullare senza smenarci…non dovevano farmi vedere quella proposta firmata entro 15 giorni?

    Risposta
    • 4 novembre 2009 in 13:22
      Permalink

      Buongiorno Marco, se lei firma una proposta di acquisto, lei firma una proposta di contratto che diviene contratto dal momento in cui viene sottoscritta per accettazione dall’altra parte, per cui non si può annullare unilateralmente ma ci deve essere l’accordo delle parti.
      saluti

      Risposta
  • 5 novembre 2009 in 18:44
    Permalink

    Buonasera, io ho visto un immobile con un’agenzia immobiliare ma non mi ha messo in contatto con nessuno ho semplicemente visto.
    Ho saputo che anche l’impresa edile vende direttamente l’immobile, posso acquistarlo in questo modo senza che l’agenzia mi faccia problemi?
    Grazie

    Risposta
    • 5 novembre 2009 in 19:38
      Permalink

      Gentile Michela, se lei si è rivolta ad un’agenzia e questa le ha proposto un immobile che è di suo interesse, è suo dovere avviare una trattativa tramite l’agenzia. Se poi intende avviare una strada così detta ‘furba’, la informiamo che l’impresa edile che vende l’immobile avrà conferito un mandato di vendita all’agenzia stessa, pertanto, se provvederà ad acquistare questo immobile dovrà pagare la mediazione che le verrà richiesta.

      Risposta
  • 6 novembre 2009 in 12:08
    Permalink

    Anche se questi immobili sono dati a più agenzie immobiliari e vende anche l’impresa? Se un immobile si vedesse con più mediatori quale di questi avrebbe diritto al compenso?
    é un argomento da me non conosciuto.
    grazie

    Risposta
    • 6 novembre 2009 in 12:23
      Permalink

      Certo Michela, se lei si avvale del lavoro di un’agenzia, a questa spetta il compenso secondo gli usi e consuetudini. Che senso avrebbe andare di proposito a vedere lo stesso immobile con più agenzie? quando. per errore, capitano situazioni del genere, bisogna avvertire subito la seconda agenzia che l’immobile è già stato visionato tramite l’agenzia X, altrimenti se poi si arriva alla conclusione dell’affare, tutte le agenzie coinvolte hanno il diritto a richiederle la provvigione. Un’agenzia, quando le propone un’immobile, mette a sua disposizione una struttura che comprende un ufficio, degli investimenti pubblicitari, del personale, del tempo e del lavoro e attraverso questa struttura riesce a proporle l’immobile più giusto per le sue esigenze, non è solo una coincidenza.

      Risposta
  • 6 novembre 2009 in 12:33
    Permalink

    ok, grazie. E’ una cosa che mi è capitata che senza saperlo sono capitata nello stesso immobile con due diverse agenzie.
    Grazie

    Risposta
  • 8 novembre 2009 in 18:08
    Permalink

    A giugno ho deciso di vendere la casa, mi sono affidata a un’agenzia, ma non gli ho dato l’esclusiva, quindi ho avvisato che avrei provveduto a far vedere la casa a possibili acquirenti anche per conto mio. Ora c’è una persona, che si è rivolta direttamente a me, interessata, ma non so come comportarmi con l’agenzia (che oltretutto in 5 mesi mi ha portato solo 4 persone), posso annullare il contratto (che scade il 31 dicembre)?
    Grazie.

    Risposta
  • 8 novembre 2009 in 18:14
    Permalink

    dimenticavo… se trovo l’acquirente devo per forza venderla al prezzo di vendita dell’agenzia?

    Risposta
  • 9 novembre 2009 in 13:21
    Permalink

    Buongiorno, purtroppo, da come è articolata la sua domanda non riusciamo a capire la situazione in cui si trova. La sua proposta è stata firmata per accettazione dal proprietario o no? Se è già stata accettata, lui non può tirarsi indietro senza conseguenze, se non l’ha accettata è nel suo diritto rinegoziare nuove condizioni. saluti

    Risposta
  • 9 novembre 2009 in 15:15
    Permalink

    Mi scuso se non sono stata chiara… io sono proprietaria dell’appartamento e un’agenzia si sta occupando della vendita (senza diritto d’esclusiva), mi domandavo se posso vendere l’appartamento per conto mio e se ho vincoli di prezzo.

    Risposta
    • 9 novembre 2009 in 16:19
      Permalink

      Buongiorno Delia, certo che è possibile, lei può vendere indipendemente dall’incarico conferito ad una o più agenzie. saluti

      Risposta
  • 10 novembre 2009 in 16:22
    Permalink

    Buon pomeriggio,
    ho letto recentemente su questo stesso blog che quando il venditore non adempie al contratto, egli deve pagare tutte le spese di agenzia, comprese quelle sostenute dal promissario acquirente che aveva fatto la proposta di acquisto. Potete confermare questo fatto? Qual’è la legge che detta questo comportamento?

    Ciao e grazie,
    Daniela

    Risposta
    • 10 novembre 2009 in 18:23
      Permalink

      Buon pomeriggio, i riferimenti normativi sono dettati dal codice civile articoli 1385 e 1386:
      “se al momento della conclusione dell’affare (1326), una parte da’ all’altra a titolo di caparra, una somma di denaro, la caparra, in caso di inadempienza deve essere restituita o imputata alla prestazione dovuta (1194). Se la parte che ha dato la caparra è inadempiente, l’altra può recedere trattenendosi la caparra (1218), se invece è inadempiente chi l’ha ricevuta, l’altra può recedere dal contratto ed esigere il doppio della caparra (1386, 1826, att 164). Se però, la parte che non è inadempiente, preferisce domandare l’esecuzione o la risoluzione del contratto (1453 e seguenti), il risarcimento del danno è regolato dalle norme generali (1223 e seguenti). In particolare, citando l’articolo 1453 del codice civile in materia di risoluzione viene specificato quanto segue “quando uno dei contraenti non adempie le sue obbligazioni, l’altro può chiedere a sua scelta l’adempimento o la risoluzione del contratto,salvo, in ogni caso, il risarcimento del danno.”
      Pertanto, nel caso in cui il venditore non arrivi ad adempiere alla promessa di vendita è ovvio che la parte acquirente, se non sceglie la strada dell’esecuzione forzata del contratto ma acconsente ad una risoluzione, rinuncerà a richiedere il risarcimento del danno (che comprende le spese di agenzia, le spese tecniche sostenute, il risarcimento per la perdita dell’affare e tutte le conseguenze collegate etc..) per la mancata esecuzione, solo se le spese verranno sostenute dal venditore al momento della sottoscrizione dell’atto risolutivo.
      saluti

      Risposta
  • 11 novembre 2009 in 16:59
    Permalink

    Ho capito, grazie.
    Quindi lo stesso ragionamento vale, in caso di inadempimento del venditore, per le spese sostenute dall’acquirente per le pratiche notarili, ad esempio per la scrittura del contratto preliminare d’acquisto, che sarebbero in questo caso considerate un danno da risarcire?
    Cordiali saluti,
    Daniela

    Risposta
    • 12 novembre 2009 in 12:52
      Permalink

      Buongiorno Daniela, all’acquirente adempiente spetta per legge, con la semplice dicitura di CAPARRA CONFIRMATORIA, la restituzione del doppio dell’importo versato, oltre a questo importo, la parte acquirente ha la facoltà di richiedere un risarcimento danni il cui importo varia da caso a caso. saluti

      Risposta
  • 12 novembre 2009 in 10:15
    Permalink

    Buongiorno,
    ho intenzione di dare un mandato esclusivo ad un’agenzia immobiliare per la vendita di un appartamento. Desiderei sapere:
    1) che documenti devo portare in agenzia nel momento in cui stipulo il mandato (es. è necessario il rogito?)
    2) la casa è intestata a me e a mio marito. Dobbiamo presentarci entrambi o posso firmare solo io la stipula del mandato?
    3) quali domande devo porre all’agenzia per avere una certa sicurezza sul tipo di mandato.
    Vi prego di non evidenziare il mio indirizzo mail. Grazie.

    Grazie e cordiali saluti
    Marina Cremonesi

    Risposta
    • 12 novembre 2009 in 12:47
      Permalink

      Buongiorno Marina, il mandato in esclusiva deve essere conforme a quelli depositati presso la camera di commercio, ad ogni modo è necessaria la firma di entrambi i proprietari e lei dovrà consegnare tutta la documentazione inerente l’immobile all’agenzia ovvero: atto di provenienza, planimetria catastale, eventuali condoni, D.I.A e permessi per lavori eseguiti successivamente all’atto, dati dell’eventuale ipoteca..
      Si ricordi di concordare una scadenza al mandato senza tacito rinnovo. Sul mandato dovrà essere indicato il prezzo dell’immobile.
      Saluti

      Risposta
  • 20 novembre 2009 in 20:42
    Permalink

    Su internet trovo un annuncio di vendita di un attività a me interessante (marzo 2008) chiamo il numero sotto elencato e mi trovo a parlare con un agenzia immobiliare fissiamo un appuntamento e mi reco in agenzia per informazioni sul ‘attività da comprare,firmato la presa visione del locale andiamo a visionarlo e dopo averlo visionato torniamo in agenzia e faccio una proposta firmata la quale in seguito viene rifiutata. A quel punto me ne propongono un altro ++++++++( nel mese di marzo 2009) da prendere in gestione firmato il solito foglio di visione del locale andiamo a vedere l’attività arrivati mi fanno aspettare fuori un attimo e poi mi chiamano a vedere il locale, entro e dentro non ci sono i proprietari ma solo il cuoco e la ragazza delle pulizie tempo 3 minuti salutiamo e usciamo, tornati in ufficio mi dicono che il locale veniva lasciato in gestione con eventuale riscatto chiedo un pò di tempo x pensarci e vado via.Venti giorni dopo(aprile 2009) chiamo fisso un appuntamento e vado a fare una proposta di gestione del locale…idem come sopra dopo qualche giorno mi comunicano che la proposta è rifiutata…Un giorno ritornando in quella zona in cerca di qualche locale in vendita e passando dalle parti del locale+++++++ insieme alla mia compagna decidiamo di andare a rivederlo entriamo , ci sediamo a mangiare e mentre ci alziamo per andare a pagare arrivati alla cassa paghiamo e apriamo il discorso della nostra proposta non accettata e veniamo cosi a sapere che non era stata accettata per il semplice motivo che il mandato era scaduto da circa 6 mesi( scadenza mandato il 1 ottobre 2008) e che era stata fatta anche una a/r all’agenzia dove veniva detto che non intendevano più proseguire con loro nella vendita dell’attività….A quel punto parlando chiediamo se era ancora in vendita e è la loro risposta e si, e cosi passiamo a una trattativa tra noi il quale va a buon fine il 3 luglio 2009 A settembre mi arriva una raccomandata dove l’agenzia mi chiede la sua provvigione o altrimenti passa per vie legali….A questo punto mi chiedo …com’è possibile, e se è legale che un agenzia mi faccia firmare un foglio di presa visione di un ‘attività dove il mandato è scaduto da SEI MESI e non riconfermato tramite a/r… come è possibile che possano pubblicizzare tramite internet un attività non più nel loro mandato e con quale faccia tosta mi abbiano portato dentro a visionare il locale di nascosto dai proprietari e senza il loro permesso tanto è vero che hanno rifiutato la mia proposta iniziale perché presentata dall’agenzia…. Devo pagare o posso chiedere i danni x la scorrettezza e presa in giro nei miei confronti che mi hanno fatto per un mese e mezzo tenendomi all’oscuro dal mandato scaduto?

    Risposta
    • 23 novembre 2009 in 16:42
      Permalink

      Buongiorno Ferruccio, l’agenzia ha diritto a riscuotere la mediazione per il semplice fatto che ha messo in contatto le parti, detto questo bisognerà che lei, tramite assistenza di un legale dimostri le sue ragioni per non pagare. saluti

      Risposta
  • 21 novembre 2009 in 15:17
    Permalink

    buon giorno,purtroppo scrivo perchè mi è successa una cosa davvero spiacevole e vorrei sapere come comportarmi. A fine maggio io e il mio compagno abbiamo acquistato una casa. Premetto che la coppia che vendeva la casa ci è stata presentata da un amico del mio ragazzo. Il giorno che andammo a vedere la casa era presente anche un signore che ci fu presentato come lo zio della signora che vendeva e che se avessimo voluto qualche delucidazione potevamo andare da lui nel suo ufficio. Delucidazione riguardo al tipo di mutuo e alle spese da affrontare. Il sabato successivo andiamo da costui e scopriamo che è un geometra. Ci dice qualcosa riguardo alle spese del notatio e quanto potrà essere l’iva.STOP.Non si parla di spese di agenzia e lui non ci dice che è il mediatore e che saranno comprese anche delle spese di agenzia. Io gli mando una mail per dire che torneremo a parlarne e lui vuole subito i dati x la scrittura privata dopo una settimana che abbiamo visto la casa!!!!!io mi irrigidisco e rispondo che non voglio correre e non capisco quale scrittua voglia fare. Morale :un mese fa arriva ai venditori una lettere dell’avvocato di questi che chiede soldi per una mediazione che non c’è stata. E l’altro giorno è arrivata a noi. Che consiglio mi date?io devo pagare per una mediazione che non c’è stata e nemmeno me ne era stato parlato in nessuna sede?ne’dai venditori ne’ dalla banca ne’ da questo personaggio?per di + noi siamo venuti a conoscenza di questi signori tramite un amico del mio ragazzo. e nulla abbiamo firmato in agenzia. Solo la parte venditrice firmò l’esclusiva. Ma ora che hanno accettato il ns mutuo e siamo andati a firmare dal notatio il mandato era già scaduto. Cosa devo fare?siamo stati raggirati e non c’è stata sincerità.

    Risposta
    • 23 novembre 2009 in 12:12
      Permalink

      Buongiorno Donata, la via più semplice da seguire adesso è quella di controllare se il “personaggio” è iscritto al ruolo Agenti immobiliari in quanto lei ci dice che è un geometra e se fosse così, ovvero un geometra iscritto all’albo che esercita la professione non può, causa l’incompatibilità, essere iscritto anche all’albo degli Agenti Immobiliari, pertanto si tratterebbe di professione abusiva e nulla gli spetterebbe. In alternativa dovrete motivare tramite un legale il vostro lecito rifiuto al pagamento della provvigione.
      saluti

      Risposta
  • 26 novembre 2009 in 19:24
    Permalink

    Buon giorno, la mia ragazza ha stipulato un contratto/incarico di vendita con un’agenzia immobiliare, con un accordo di mandato per 6 mesi. Passato 1 anno l’agenzia la ricontatatta sostenendo che dopo un “cambio gestione” hanno ripreso a mano la sua pratica e quindi vorebbero avere un colloquio. A questo colloquio loro “dicono” (non c’é stato modo di vedere il contratto) che si é rinnovato in dacito accordo, e fin qui puo passare, ma si é rinnovato per 1 anno intero anche se creato di 6 mesi… E informati della decisione di non voler piu vendere l’immobile ci dicono che possono pretendere l’onorario se recidiamo anticipatamente il mandato?
    Nell’eventualita che si aspetti la nuova scadenza del contratto é sufficente una disdetta per raccomandata 1 mese prima? e come andrebbe scritta?
    Mi scuso per la lunghezza della domanda, ma regalare diverse migliaia di euro a persone per non aver fatto nulla (nessuno ha mai visitato la casa, nenache gli agenti immob)non mi aggrada.
    Grazie Fabio

    Risposta
    • 27 novembre 2009 in 11:08
      Permalink

      Buongiorno Fabio, ma lei non ha copia di questo mandato? senza leggerla non possiamo aiutarla ma vedrà che lì ci saranno indicate tutte le condizioni di un eventuale rinnovo. In alternativa, se realmente non intendete più vendere l’immobile, per tutelarvi da qualsiasi richiesta (lecita o meno), inviate una raccomandata all’agenzia dicendo che il loro mandato è scaduto in quanto voi lo avevate sottoscritto con un’altra società(vecchia ragione sociale) e non avete mai autorizzato loro al rinnovo. saluti

      Risposta
  • 4 dicembre 2009 in 08:20
    Permalink

    Buongiorno,
    vorrei chiedere un’infornazione. Ho fatto un contratto di vendita con un agenzia, mi hanno valutato il mio immobile a 170.000 (e hanno aggiunto trattabile 165.000). mi è arrivata un offerta di 165.000, io ho rifiutato e la mia agenzia mi ha detto che sono inadempiente e deveo pagare la penale del 3% piu l’iva: è giusto?

    Grazie e saluti

    Risposta
    • 5 dicembre 2009 in 11:20
      Permalink

      Probabilmente lei ha sottoscritto un mandato di vendita in esclusiva e pertanto se l’agenzia le ha presentato un’offerta che rientra nei parametri indicati nel mandato, ha diritto a percepire la provvigione. saluti

      Risposta
  • 4 dicembre 2009 in 12:28
    Permalink

    ho acquistato una casa da pochi giorni tramite agenzia. quando l’agente ci ha mostrato l’appartamento ha sottolineato che a lui non avremmo dovuto corrispondere nulla inquanto le spese erano a carico dei venditori. dopo il compromesso ci ha contattati per chiedere se volessimo o no la fattura per il suo compenso e, alla nostra richiesta di chiarimenti, ha risposto che essendo riusciti ad ottenere un cospicuo “sconto” sul costo della casa le condizioni erano cambiate. da allora non l’ho più sentito. entrata in amicizia con i venditori ho saputo da loro che anche a loro aveva detto che non avrebbe preso provvigioni ma dal contratto che mi hanno mostrato risulta che la provvigione è fissata al 3%. ora, devo pagare io, devono pagare loro o dobbiamo dividere le spese?

    Risposta
    • 5 dicembre 2009 in 11:13
      Permalink

      Gentile Katia, il comportamento del mediatore ci fa pensare che questo non sia iscritto alla Camera di Commercio, sezione Ruolo AGenti Immobiliari, vi basterà fare una ricerca recandovi all’ufficio preposto chiedendo il numero di iscrizione a ruolo del signore in questione. Se questo non fosse iscritto, nulla gli spetta e sarebbe sanzionabile per esercizio abusivo di professione. Non dimentichi che, sul preliminare di acquisto, se è intervenuta un’agenzia, questa va menzionata con nome della società, sede legale, iscrizione al ruolo e vanno menzionati anche i titoli di pagamento con i quali saldate l’importo concordato a titolo di mediazione. La mediazione va pagata esclusivamente con assegno bancario o circolare intestato all’agenzia e non trasferibile, per tale importo, l’agenzia stessa dovrà emettere relativa fattura. In via generale, ognuno paga all’agente il compenso pattuito e questo non viene mai suddiviso tra le parti in quanto ogni trattativa è un affare a se’. saluti

      Risposta
  • 5 dicembre 2009 in 23:31
    Permalink

    Buona sera, mi chiamo Paolo. Otto anni fa tramite una nota agenzia della mia zona (Siracusa) ho trovato una villetta che rientrava nei miei gusti, e tramite la stessa o stipulato un contratto di compravendita (nella stessa agenzia e non da un notaio) e versando subito una caparra di 10mila euro più la provvigione del 3 per cento all’agenzia. E ottengo il possesso della villetta (nel compromesso era specificato che il possesso sarebbe avvenuto alla stipulazione dell’atto definitivo) Ma mi sono consegnate le chiavi perche era necessario fare delle riparazioni urgenti . dicendomi che potevo sistemare tutte perche non c’era nessun problema. E che entro venti giorni si sarebbe fatto il trasferimento di proprietà. Alla scadenza tutto questo non succedeva. Mi veniva detto che bisognava attendere qualche mese perche si doveva completare la pratica di sanatoria. Dopo circa sei mesi tramite le visure catastali scopro che la villetta ha un pignoramento in corso e per questo non si può fare l’atto. Passano i mesi e l’agenzia non si fa più sentire in sostanza sono abbandonato. Tramite un legale denuncio sia i proprietari sia l’agenzia per truffa. Oggi la villetta e messa all’asta e cercherò in tutti l’aggiudicazione. I proprietari sono morti e gli eredi hanno rinunciato all’eredità. La mia domanda:
    Posso chiedere il risarcimento danni all’agenzia ?
    ancora oggi ho il possesso della villetta, con il compromesso ho il diritto di prelazione nei confronti di altro aggiudicatario?
    la ringrazio
    Paolo

    Risposta
    • 7 dicembre 2009 in 11:20
      Permalink

      Buongiorno Paolo, la situazione è complessa, il preliminare per darle un diritto di prelazione, doveva essere registrato presso la Conservatoria degli Immobili, non sappiamo darle un consiglio in tal senso se non quello di affidarsi ad un buon legale. saluti

      Risposta
  • 7 dicembre 2009 in 22:31
    Permalink

    Buona sera, sono Paolo (commento 33)
    Mi scusi se riscrivo. Volevo sapere se posso chiedere qualche risarcimento all’agenzia.
    Perche bastava fare delle semplici visure catastali per scoprire il pignoramento.
    Ho pagato la provvigione per un servizio che non ha assolutamente.
    Svolto.
    La ringrazio e mi scuso di nuovo
    Paolo

    Risposta
    • 9 dicembre 2009 in 12:21
      Permalink

      Buongiorno Paolo, il catasto non è probatorio e ad ogni modo per controllare la situazione ipotecaria di un immobile bisogna effettuare le visure in conservatoria ma questo ha un senso al momento dell’atto e non al momento del preliminare in quanto un immobile può essere gravato da ipoteca anche il giorno prima del rogito notarile e le visure vengono effettuate dal notaio pochi minuti prima della firma del rogito proprio per tutelare al massimo l’acquirente, non vi è pertanto responsabilità del mediatore. saluti

      Risposta
  • 11 dicembre 2009 in 16:18
    Permalink

    In data 19/11/2009 ho firmato l’incarico di mediazione vendita immobiliare con un dipendente di un’agenzia,non iscritto all’albo degli Agenti immobiliari, il modulo risulta comunque firmato dal titolare dell’agenzia in quanto il dipendente si è presentato a casa mia con il mandato prefirmato.Dopo un mese si ripresenta il dipendente con un assegno di 1000€ e una proposta d’acquisto , che io firmo in tranquillità anche se vedo che il ragazzo pone la firma,chiaramente diversa, del titolare iscritto alla CCIA, nello spazio destinato alla firma dell’agente immobiliare.L’assegno però non me lo lascia a me ma lo tiene lui perchè legato all’accensione di un mutuo da parte del probabile aquirente.
    Volevo sapere se il fatto che sulla proposta c’è la firma palesemente falsa e il fatto che l’agente immobiliare iscritto all’albo non l’abbiamo mai personalmente incontrato, possono essere motivo di scioglimento del contratto.
    Successivamente dopo aver parlato con una persona del settore, abbiamo provveduto a mandare una raccomandata nella quale scoglievamo il contratto a fronte di questi due vizi.Volevo sapere se ci siamo mossi nel giusto.
    La ringrazio per l’attenzione saluti
    Graziano

    Risposta
    • 14 dicembre 2009 in 12:42
      Permalink

      Buongiorno Graziano, lei ha sottoscritto un contratto che, nel caso si verifichi la condizione sospensiva, la vincola alla vendita alla parte promittente acquirente pertanto tale contratto non può ritenersi nullo se non con la volontà esplicita delle parti stesse. La firma dell’agente immobiliare, molto probabilmente è solo a deposito dell’assegno rilasciato dalla parte acquirente. saluti

      Risposta
  • 17 dicembre 2009 in 14:59
    Permalink

    Salve, circa 6 mesi fa mi recavo in un’agenzia che mi portava a visionare un’appartamento pochi giorni dopo. Alla richiesta risposi con un’offerta (fatta con mail) non accettata. Rilanciai l’offerta, di nuovo non accettata. Nel mentre la parte venditrice decise di disdire il contratto con l’agenzia, che accetto confermando la rinuncia all’incarico di vendere. Alcuni giorni dopo questo evento chiedo novità all’agente, che nullami comunica circa le novità accadute. Dopo altri 207255 giorni mi reco in agenzia e uno dei titolari mi comunica a voce che loro non vendono più la casa, per i problemi insorti con la parte venditrice. Nel frattempo chiedo e visiono con loro altre case. Dopo circa un altro mese incontro accidentalmente (piccolo paese) la parte venditrice e dopo un’altra settimana provo a riaprire la trattativa. Il tutto si conclude dopo altri tre mesi con la firma di un preliminare e poi il contratto. La parte venditrice mi mette a conoscenze di dover pagare una penale per l’agenzia, cosa che paga dopo la vendita dell’immobile. Ieri mi telefona un consocio dell’agenzia pretendendo il pagamento della provvigione. E’ giusto, dopo che loro stessi mi hanno detto che “…la loro agenzia non trattava più la vendita dell’immobile”?
    Saluti

    Risposta
    • 17 dicembre 2009 in 16:47
      Permalink

      Buongiorno Arturo, l’agenzia ha messo in contatto le parti e le spetta la provvigione secondo gli usi e le consuetudini in quanto l’affare è stato concluso. (articolo 1754 c.c.) saluti

      Risposta
  • 17 dicembre 2009 in 17:26
    Permalink

    spetta anche se loro hanno confermato (come detto) e scritto che non erano più intenzionati a vendere l’immobile?

    Risposta
    • 17 dicembre 2009 in 20:19
      Permalink

      Si Arturo, il diritto alla provvigione si prescrive in un anno. saluti

      Risposta
  • 21 gennaio 2010 in 12:57
    Permalink

    Gentile avvocato gradirei una risposta ed urgentemente!Il 30 gennaio 2010 scade il mio mandato con un’agenzia.Oggi 22 gennaio,dopo ben un anno di gestione,mi viene comunicato che l’agente avrebbe venduto la mia casa…a 7 giorni dalla scadenza…strano!Io non sono più interessata a vendere e mi chiedevo se,consideriamo che la casa in oggetto è di mia esclusiva proprietà (acquistata precedentemente al matrimonio) e gli ultimi 3 ribassi di prezzo sono stati firmati solo da mio marito,senza delega di nessun tipo,(aggiungo che il mandato è stipulato solo tra me e l’agenzia )posso svilncolarmi se entro il 30 gennaio non mi viene portata una proposta conforme all’ultimo ribasso da me in persona sottoscritto?La ringrazio e la pregherei di rispondermi presto,dati i tempi strettissimi in cui mi trovo!Cordiali saluti.monica

    Risposta
    • 21 gennaio 2010 in 18:27
      Permalink

      gentile Monica, avremmo bisogno di capire com’è stato formulato questo contratto di esclusiva perchè in genere, in assenza di disdetta tra le parti, questo si rinnova automaticamente, quindi le consigliamo di inviare una raccomandata all’agenzia nella quale si svincola dal suddetto mandato per la scadenza prevista. saluti

      Risposta
  • 21 gennaio 2010 in 14:30
    Permalink

    Buongiorno, nel marzo 2009 ho dato il mandato ad un’agenzia in esclusiva per vendere casa mia. A fine mandato, nel luglio 2009, non c’è stata nessuna proposta di acquisto, nonostante fossero venute davvero molte persone a vedere la casa. Ora, a distanza di 6 mesi, una coppia sembra essere intenzionata a fare una proposta di acquisto, ma è una coppia che era stata portata dall’agenzia (cosa che tra l’altro non sapevo perchè si sono presentati con un cognome differente rispetto a quello fornitomi dall’agenzia nella lista dei clienti che mi hanno spedito a fine mandato).
    Secondo il contratto a suo tempo stipulato con l’agenzia, se avessi venduto privatamente ad un cliente portato da loro, avrei dovuto comunque corrispondere la provvigione pattuita.
    La domanda è questa, a distanza di 6 mesi, vale ancora questa clausola?C’è un periodo dopo il quale l’agenzia non può più rivalersi su di me?
    Grazie mille.

    Risposta
    • 21 gennaio 2010 in 18:25
      Permalink

      si Ilaria, all’agenzia spetta il compenso di mediazione, ma questo al di là di cosa c’è scritto nel mandato di vendita con esclusiva in quanto l’affare è concluso perchè il mediatore ha messo in contatto le parti e questo lo stabilisce il codice civile articolo 1754. saluti

      Risposta
  • 22 gennaio 2010 in 00:18
    Permalink

    Salve!Circa un mese fa ho visto un appartamento in un cantiere.Mi era stato proposto da un’agenzia la quale mi disse che c’era la possibilità di “tirare il prezzo” in quanto il venditore aveva necessità di vendere per recuperare i soldi del suo lavoro fatto sulla palazzina (gli infissi).Quindi c’erano tre passaggi (agenzia – artigiano(che aveva dato mandato all’agenzia di vendere) – costruttore).Ho scelto un appartamento all’interno della palazzina e fatto l’offerta.Dopo una settimana mi chiama l’agenzia per dirmi che l’offerta è stata rifiutata.Mi sono fatto fotocopia dell’annullamento con la postilla (annullamento in quanto non è stata accettata dal proprietario).Dopo un paio di settimane, mi contatta un’altra agenzia, vedo un altro appartamento sito nella stessa palazzina.Potrei incorrere in qualche problema se facessi un’offerta???Da tenere presente che non ho firmato alcun “foglio visita” in nessuna delle due agenzie ma solo la proposta d’acquisto rifiutata dalla prima agenzia.

    Risposta
    • 22 gennaio 2010 in 11:35
      Permalink

      Gentile Marco, lei ha sottoscritto una proposta di acquisto che dimostra che la prima agenzia l’ha accompagnata in quel cantiere, quindi, per non incorrere nella possibilità di dover pagare la mediazione a 2 agenzie, le consigliamo vivamente di informare la seconda agenzia che lei ha già visionato il cantiere con un altro mediatore. saluti

      Risposta
  • 22 gennaio 2010 in 09:34
    Permalink

    Gentilile avvocato,le preciso che il mandato si è rinnovato automaticamente per sei mesi,visto che la durata originaria era di sei mesi(quindi 6+6),ed io nonostante non fossi tenuta (essendosi già verificato il primo ed unico rinnovo)ho inviato disdetta il 30 dicembre con raccomandata RR,quindi ben 1 mese prima della naturale scadenza (30 gennaio).Il punto è che loro sostengono di aver venduto la casa (penso intendano che hanno una proposta congrua con il prezzo sottoscritto da mio marito ,175.000)con proposta del 22 gennaio,ma con un prezzo congruo rispetto al ribasso firmato da mio marito (175.000),ma non congruo rispetto all’ultimo ribasso firmato da me precedentemente(200.000).Posso svincolarmi,visto che ha firmato mio marito gli ultimi due ribassi,considerando che la casa non è in comunione dei beni ed io sola ho firmato il mandato,non essendo il loro prezzo congruo con quello sottoscritto da me medesima?Spero di averle fornito con più chiarezza gli elementi di cui ha bisogno per un suo validissimo consiglio.La ringrazio sin d’ora ed aspetto con urgenza una sua risposta!Monica

    Risposta
  • 22 gennaio 2010 in 09:37
    Permalink

    …mi scusi ho da aggiungere un cosa…se è utile…il mandato come tutti i ribassi ,non portano mai la firma dell’agente,nè del titolare dell’agenzia,solo la mia…ha validità comunque?

    Risposta
    • 22 gennaio 2010 in 11:32
      Permalink

      gentile Monica, la situazione è complicata e il nostro consiglio si basa su poche informazioni, il nodo da sciogliere è uno solo: quando è stato accompagnato questo cliente a visionare l’abitazione? lei era presente? chi era presente?
      Questo perchè, il fatto che lei non intenda più vendere, sarebbe dimostrabile solo con il rifiuto di far visionare l’immobile ma se lei o qualcuno per lei, dispone delle chiavi per aprire questo immobile e per accompagnare possibili acquirenti, la volontà di vendere non è opinabile quindi, se intende svincolarsi, è probabile che debba corrispondere all’agenzia, la provvigione concordata. Le consigliamo comunque di prendere un appuntamento con l’agente immobiliare per valutare la proposta di acquisto. saluti

      Risposta
  • 23 gennaio 2010 in 15:34
    Permalink

    La ringrazio elettra!Ho informato la seconda agenzia e mi han detto che non ci sono problemi e nel caso ricevessi qualche lettera di farla pervenire a loro.La nostra proposta è stata accettata dal costruttore (con clausola di accettazione del mutuo).La seconda agenzia mi ha chiesto le provvigioni (senza ricevuta) ma ancora non so se la domanda di mutuo verrà accettata in quanto sono ancora nel periodo di prova a tempo indeterminato.Cosa mi consigliate??e se poi senza ricevuta non mi accettano il mutuo?Perdo i soldi?Grazie per i vostri preziosi consigli.Saluti!!!

    Risposta
  • 24 gennaio 2010 in 03:04
    Permalink

    Salve, avrei una domanda molto semplice ma a cui sembra difficile trovare una risposta.
    Ho visionato un immobile in data 30-12-2008 posto in vendita con mandato in esclusiva ad una nota catena immobiliare. Contestualmente ho firmato un foglio di presa visione dell’immobile.
    Attualmente l’immobile è ancora in vendita con la stessa agenzia.
    Essendo trascorsi più di 12 mesi, posso contattare direttamente il proprietario dell’immobile?
    In caso contrario quando e a che condizioni potrò farlo?
    Grazie per la disponibilità.

    Risposta
  • 25 gennaio 2010 in 18:48
    Permalink

    Salve,
    E’ appena scaduto il mandato di vendita firmato con l’agenzia, nel contempo mi ha contattato una persona che ha visionato l’immobile tramite l’agenzia, firmando il foglio di visita.
    Naturalmente non voglio pagare la penale.
    La domanda è: Quanto tempo deve passare affinchè io possa vendere a persone transitate dall’agenzia? oppure se ad esempio l’ha visitata il marito posso venderla e quindi intestarla alla moglie? Grazie

    Risposta
    • 26 gennaio 2010 in 13:57
      Permalink

      buongiorno Gaetano, lei ci sta chiedendo se è legale truffare un agenzia che ha svolto il proprio lavoro, la risposta è no. sia lei, sia l’acquirente, dovrete rivolgervi all’agenzia che ha accompagnato il cliente e pagare la mediazione concordata qualora lei venda a chi ha firmato la visita ma anche a parenti o affini. saluti

      Risposta
  • 26 gennaio 2010 in 22:09
    Permalink

    Salve ho una impresa di costruzione che sta costruendo una palazzina uso civile abitazione .La mia societa ha firmato un mandato in esclusiva di vendita con una agenzia imobiliare, riservandoci la possibilita di vendere
    direttamente un numero di 4 appartamenti.
    Dopo circa 2 anni dalla stipula del contratto con l’ agenzia immobiliare ho venduto personalmente i 4 appartamenti, non solo ho venduto altri appartamenti riconoscendo all’ agenzia la doppia provvigione di vendita. Ad oggi l’agenzia non ha venduto neanche un appartamento è non ci sono state proposte di acquisto.
    la mia domanda, è se posso annullare il contratto in esclusiva stipulato con l’immobiliare prima della scadenza naturale per inadempienza.

    Risposta
    • 30 gennaio 2010 in 11:14
      Permalink

      buongiorno Gisella, in genere questi contratti hanno una scadenza, ad ogni modo, revochi loro l’esclusiva con una raccomandata con ricevuta di ritorno. saluti

      Risposta
  • 26 gennaio 2010 in 23:46
    Permalink

    Salve Gaetano e complimenti per la sua preparazione non indifferente.
    Mi permetta un quesito.
    Ho fatto un contratto di vendita (in semi esclusiva; potevo anche venderlo da solo)con un’agenzia, nei sei mesi trascorsi mi ha portato due clienti. Uno di questi ha fatto una proposta che non ho accettato. Ne ho parlato con l’agente indicando che per me mancavano 20-25 mila euro alla cifra della proposta per essere da me accettata. Alcuni giorni dopo non sentendo l’agente ho chiamato e questi mi ha detto che i signori potevano rilanciare di soli 10.000 e dunque non se ne è fatto nulla. Ora il contratto (era di 6 mesi) con l’agenzia è scaduto e casualmente per strada ho incontrato la coppia della proposta. Parlando del più e del meno ho scoperto che l’agente aveva detto loro che io non accettavo la loro proposta in quanto bassa ma comunque l’appartamento era stato ritirato dal mercato per problemi miei di lavoro. Invece io lo vendo ancora ma al momento, come privato.
    Mi accerterò (sono ancora interessati)se hanno firmato un foglio di visione (quello della proposta si).
    La mia domanda è: vi è un tempo dopo cui decade l’obbligo di riconoscere una provvigione ?
    Inoltre visto il suo comportamento, lo si può definire scorretto in qulache modo e dunque invalidare ogni sua richiesta futura?
    Grazie Saluti

    Risposta
    • 30 gennaio 2010 in 11:13
      Permalink

      il diritto alla provvigione si prescrive in un anno, detto questo, esiste un documento che prova che i clienti sono stati presentati dall’agenzia, pertanto, per non incorrere in ulteriori spese dovute al recupero crediti, le consigliamo di recarsi con i clienti presso l’agenzia e contrattare con loro. saluti

      Risposta
  • 1 febbraio 2010 in 20:59
    Permalink

    Salve a tutti e grazie per i preziosi consigli.Abbiamo pagato l’agenzia con relativa fattura e siamo in attesa dell’esito della proposta di mutuo.In questo caso,(clausola di accettazione del mutuo nella proposta di acquisto) se la proposta di mutuo venisse respinta, posso perdere i soldi della caparra e quelli per le provvigioni dell’agenzia?Grazie in anticipo a chi vorrà rispondermi!

    Risposta
  • 2 febbraio 2010 in 17:14
    Permalink

    Salve,
    mi sto informando sulla possibilità di intraprendere l’attività di agente immobiliare. Sto chiedendo un pò in giro come funziona di preciso questo tipo di lavoro e come funzionano i mandati e i franchising. Vorrei sapere se per legge io agenzia posso vendere un immobile di un’altra agenzia (titolare del mandato) dietro consenso di quest’ultima. Per quanto ho visto l’art. 1758 cel c.c. prevede la pluralità dei mediatori ed una divisione delle provvigioni. Tutto ciò è possibile?
    Grazie

    Risposta
  • 4 febbraio 2010 in 01:05
    Permalink

    Salve, un paio di mesi fà ho visto un annuncio di un immobile su un volantino di un’agenzia, ho telefonato e preso un appuntamento per visionarlo. L’incontro con l’agente è avvenuto direttamente fuori dall’immobile e non in agenzia, quindi non abbiamo firmato nessuna presa di visione e non abbiamo nemmeno parlato di eventuali commissioni dell’agenzia. Non essendo convinta sull’acquisto decido di non fare nessuna proposta. Dopo 2 mesi vengo a sapere per vie traverse che un’altra agenzia ha il mandato con esclusiva sull’immobile che scadrà fra un mese così mi reco dalla proprietaria e gli chiedo se è ancora intenzionata a vendere e con quale agenzia….La proprietaria mi dice che sta aspettando appunto che le scada il mandato con l’agenzia ufficale in quanto ha deciso di venderla privatamente e che l’agenzia che ci ha portato a casa sua non ha nessun mandato.
    La mia domanda è se posso comprare l’appartamento senza essere vincolata da nessuna agenzia soprattutto perchè non ho firmato nulla e l’agenzia che mi ha presentata conosce solo il mio cognome e se anche la venditrice incorre in qualche problema se ci accordassimo privatamente. Nel caso io debba pagare l’agenzia, dalla visione dell’appartamento quanto tempo dovrebbe passare per effettuare il compromesso o il rogito per evitare che l’agenzia si rivalga su di me??
    grazie

    Risposta
    • 4 febbraio 2010 in 18:12
      Permalink

      Gentile Ilaria, lei ci sta chiedendo se è lecito truffare un’agenzia che ha svolto il proprio lavoro, la risposta è no, se questi non hanno nessun mandato, sarà un loro problema con la parte venditrice ma ne dubitiamo in quanto, qualcuno vi avrà permesso di entrare in casa, pertanto, per evitare situazioni spiacevoli, si rivolga nuovamente all’agenzia che l’ha accompagnata all’immobile e eventualmente esponga loro le sue perplessità sul mandato, saluti

      Risposta
  • 5 febbraio 2010 in 20:42
    Permalink

    Egr. avvocato, ho un quesito da sottoporle:

    Mio figlio, sollecitato da tempo da un agente immobiliare a mettere in vendita l’appartamento nel quale vive con la moglie e un bimbo, si è lasciato convincere e qualche giorno fa (in un momento in cui evidentemente ha abbassato la guardia) ha dato mandato in esclusiva all’agenzia per la vendita.
    Si è reso subito conto di aver agito impulsivamente (non ha un’altra casa dove andare a vivere) e perciò ha inviato all’agenzia un telegramma ed una raccomandata A/R per rescindere il contratto.
    Preciso che nel frattempo (una settimana) non gli è pervenuta alcuna proposta di acquisto anche se l’agente immobiliare diceva da mesi di avere un acquirente per quell’appartamento.

    Considerando che
    – la recessione dall’accordo è dovuta ad un ripensamento circa la vendita in generale
    -che sono passati solo 7 giorni dal conferimento del mandato (dato per altro per “sfinimento”data l’insistenza dell’agente).
    -che, in ogni caso, nel frattempo non è pervenuta alcuna proposta di acquisto.

    Circa l’accordo ecco alcune delle clausole:

    nella sezione “Durata dell’incarico” è scritto che “va da oggi fino al giorno …. (non è riportata alcuna data)” ma successivamente è barrata la casella relativa alla seguente dicitura: “si intenderà risolto a tutti gli effetti”

    per quanto riguarda le penali:
    ad un certo punto è scritto che sarà dovuta “una penale pari al 100% della provvigione pattuita (circa 6.000,00 €) in caso di recesso dall’incarico prima della sua naturale scadenza; rifiuto del venditore di consentire l’esecuzione dell’incarico” ecc…

    Per quanto sopra esposto
    Cosa è dovuto all’agenzia?

    Grazie dell’attenzione

    Risposta
  • 7 febbraio 2010 in 13:00
    Permalink

    buongiorno, ho firmato una proposta di acquisto di un appartamento in agenzia versando una caparra 2000 euro in assegno il propitario a firmato la controproposta. siccome dopo sono sorti dei problemi sull’appartamento e su l’edificio dove e situato l’appartamento. quindi in questo caso ho comunicato all’agenzia di annullare il tutto e di restituirmi la caparra e di non pagare nessuna parcella all’angenzia, l’agenzia mi dice che firmando la proposta e il proprietario la contropoposta non ho diritto a nessuna restituzione della caparra, e inoltre a pagare la parcella all’agenzia. cosa mi consigliate? in attesa la saluto cordialmente.

    umberto de vita

    Risposta
  • 18 febbraio 2010 in 09:17
    Permalink

    Buongiorno, mia madre ha ereditato un piccolo immobile in una città diversa da quella dove viviamo e abbiamo deciso di venderlo. Posso provvedere io a incaricare un’agenzia a tovare un acquirente o il mandato dev’essere firmato da mia madre? Oltre all’individuazione dell’acquirente, quali sono i compito dell’agenzia? Grazie

    Risposta
    • 24 febbraio 2010 in 13:19
      Permalink

      Buongiorno Gianni, se firmate un mandato, questo deve essere sottoscritto dal proprietario di casa, l’agenzia pubblicizzerà l’immobile e provvederà a venderlo nel minor tempo possibile. saluti

      Risposta
  • 18 febbraio 2010 in 19:12
    Permalink

    Egregio Avvocato,
    il mio quesito è il seguente: circa tre mesi fa ho firmato un regolare mandato a vendere con una conosciuta agenzia immobiliare. Il problema è che firmato il contratto sono spariti, nessuna visita e nessun contatto neanche per darci notizie in merito ad eventuali trattative, nulla di nulla.
    Nel frattempo causa trasferimento di lavoro è divenuto urgente riuscire a chiudere la vendita in tempi stretti e mi sono accorto tardi che sarebbe stato meglio seguire la vendita per conto mio. Ora mi chiedo, vista l’inaspettata urgenza e visto l’assenza totale di trattative dell’agenzia, esiste un modo per recedere anticipatamente da un contratto divenuto solo un ‘inutile attesa forzata o un vincolo a non poter agire, restando fermi e fin troppo insoddisfatti?

    Risposta
    • 24 febbraio 2010 in 13:13
      Permalink

      Buongiorno Ivano, se il suo mandato di vendita è in esclusiva, nel caso in cui lei venda l’immobile nel tempo stabilito dovrà comunque corrispondere la provvigione all’agenzia. saluti

      Risposta
  • 19 febbraio 2010 in 00:16
    Permalink

    Mio figlio,intenzionato ad acquistare un appartamento, recentemente ha visitato uno stesso immobile con 3 differenti agenzie. Ciò purtroppo si è verificato perchè nei relativi annunci in internet risultavano indirizzi diversi.
    Egli ha intrapreso le trattative con la prima agenzia, informandola dell’accaduto ed essa ha detto che non aveva l’esclusiva. Nella successiva proposta d’acquisto, su consiglio di un legale, è stata inserita la clausola “qualora i Venditori avessero affidato mandato per la vendita dell’immobile in oggetto anche ad altri intermediari, i venditori con l’accettazione della presente proposta dichiarano di manlevare i proponenti da qualsiasi pretesa di compenso avanzata da detti intermediari nei loro confronti”. Il venditore ha detto che è disposto ad accettare la proposta solo a patto che tale clausola venga eliminata.
    Chiedo gentilmente: le due agenzie escluse dalle trattative, che sono state impegnate solo nella visita, potrebbero realmente pretendere un compenso da mio figlio?
    La normativa vigente si presta a molteplici interpretazioni!
    Eventualmente,cosa si potrebbe fare per tutelarsi?
    Vi ringrazio anticipatamente,
    Cordiali Saluti

    Risposta
    • 19 febbraio 2010 in 11:50
      Permalink

      buongiorno Antonella, suo figlio se appena è giunto all’immobile, ha informato immediatamente il mediatore, che l’immobile era già stato visionato con un’altra agenzia, non ha nulla da temere. saluti

      Risposta
  • 19 febbraio 2010 in 18:50
    Permalink

    Buonasera,
    poco tempo fa un’agenzia mi ha proposto un appartamento ancora in costruzione senza farmi firmare niente,ma poi qualche giorno dopo ho visionato lo stesso immobile direttamente dal costruttore.Questa agenzia ha l’incarico (senza nessun accordo scritto)di vendere il mio appartamento.Cosa succede se io acquisto dal costruttore?
    Posso prendere accordi con l’agenzia,che nel caso la compro tramite loro gli pago una parte di commissioni ora e il saldo,solo nel caso riescono a vendere il mio entro il rogito di quella nuova?Mi scuso ma avevo fatto la stessa domanda nella sezione sbagliata.Grazie

    Risposta
    • 24 febbraio 2010 in 13:01
      Permalink

      Buongiorno Roberto, all’agenzia spetta la mediazione in entrambi i casi, poi, nulla vieta accordi diversi tra le parti. saluti

      Risposta
  • 21 febbraio 2010 in 16:43
    Permalink

    Buongiorno il mio caso è il seguente:
    ho sottoscritto con un’agenzia di vendite immobiliari un contratto con decorrenza maggio 2009 e scadenza 31.12.2009.
    Al momento della sottoscrizione le due caselle relative alla risoluzione del contratto e al tacito rinnovo (con indicazione dei giorni da rispettarsi per l’invio della raccomandata per la disdetta) non sono state barrate. Da gennaio 2010 l’agente ha continuato a portare a casa alcuni potenziali acquirenti con i quali, tuttavia, non è iniziata alcuna trattativa.
    La mia domanda è la seguente:
    Considerato che il contratto sottoscritto era relativo ad un ben preciso lasso temporale, e nella considerazione che entrambe le caselle innanzi citate non sono state barrate, posso considerare il rapporto risolto? Oppure per il semplice fatto che l’agente ha continuato ad occuparsi della vendita (fuori contratto, però!) devo considerare lo stesso tacitamente rinnovato (anche senza approvazione in quanto non barrata la relativa casella contrattuale)?
    In quest’ultimo caso come posso risolvere il contratto nella maniera più celere possibile, non volendo più vendere l’immobile? In caso di rinnovo tacito quale tempistica devo rispettare per l’inoltro della raccomandata, considerato che anche tale dato in contratto non risulta indicato?

    Risposta
    • 24 febbraio 2010 in 12:56
      Permalink

      Buongiorno Debora, dovrà comunicare in forma scritta, all’agente immobiliare che l’immobile non è più in vendita e che quindi intenda risolto il contratto di mandato e non accompagni più persone all’immobile. saluti

      Risposta
  • 27 febbraio 2010 in 15:17
    Permalink

    Il caso è il seguente:Dopo il rogito notarile,l’acquirente reclama al venditore che parte dell’immobile acquistato,risultava abusiva,pertanto richiede al venditore di sanare il tutto.E’tenuto il venditore a sanare l’abuso,pur avendo consegnato tutti i documenti ad una agenzia immobiliare,ed essendo stata fatta una perizia da parte del geometra di una banca,presso la quale l’acquirente stesso aveva richiesto e ottenuto un mutuo finalizzato all’acquisto stesso?Vi è responsabilità del notaio?

    Risposta
  • 1 marzo 2010 in 12:48
    Permalink

    Cinque mesi fà ho visitato un appartamento tramite un’agenzia immobiliare e feci una proposta telefonica di acquisto che non venne accettata. Oggi, tramite una conoscenza comune, sono entrato in contatto con il proprietario di quell’appartamento che sta vendendo ora privatamente essendo scaduto il contratto con l’agenzia. Posso acquistare l’appartamento direttamente senza dover riconoscere alcuna commissione all’agenzia che mi aveva fatto visionare l’immobile? In quell’occasione non firmai nulla, nemmeno una lettera di visita dell’immobile.
    Grazie mille.
    Saluti

    Risposta
  • 1 marzo 2010 in 20:36
    Permalink

    Buonasera,
    Stiamo cercando casa, la nostra prima casa. Abbiamo visionato, tramite agenzia, un appartamento che ci piace molto e vorremmo fare una proposta. L’agenzia ci ha detto che prima, per dimostrare la nostra “buona volontà” dobbiamo dar loro un assegno intestato al proprietario che custodiranno fino a risposta del proprietario. C’è il rischio che, anche in caso di rifiuto della proposta, l’agenzia tenga tutto o parte dell’assegno? Non si può semplicemente fare un’offerta verbale?
    Grazie mille!

    Risposta
  • 4 marzo 2010 in 11:07
    Permalink

    buongiorno, circa una settimana fa ( il 25 febbraio) ho firmato con una agenzia una proposta di acquisto relativa ad un appartamento, per mia inesperienza non ho chiesto entro quando avrei dovuto ricevere una risposta , controllando la proposta di acquisto c’è scritto che il contratto deve essere stipulato entro il 15 aprile, tra un mese e mezzo…è possibile che il venditore aspetti fino a quel giorno per dirmi se accetta o no la proposta??..so che nel frattempo l’agenzia sta continuando a far vedere l’appartamento…è lecito questo dato che ha già avuto una proposta di acquisto da parte mia e da quello che so non possono ricevere più proposte di acquisto contemporaneamente??

    grazie

    Risposta
    • 4 marzo 2010 in 19:38
      Permalink

      Gentile Simona, la proposta di acquisto ha per sua natura una scadenza che deve essere scritta da qualche parte a margine della proposta stessa, entro tale data il venditore deve farle sapere per scritto la relativa accettazione, altrimenti decade.

      Risposta
  • 7 marzo 2010 in 12:13
    Permalink

    Buona sera,la mia situazione è un pò complicata ma cercherò di essere chiara. Tutto inizia con la visione di un immobile tramite agenzia, si fa il compromesso e si da la caparra ai venditori per bloccare l’acquisto..tali venditori sono in trattative per l’acquisto di un immobile usato, nel quale la proprietaria disabile vive ancora.Quest’ultima aspetta di acquistare con i soldi dei suoi acquirenti, una casa di nuova costruzione dove solo il bagno deve essere adeguato alle sue esigenze.
    Quindi uno è legato all’altro.
    Nel compromesso con l’agenzia mettiamo come data ultima il 31/03/2010 per firmare l’atto dal Notaio;ma vista la situazione,si decide di firmare il 16 Dicembre 2009( così tutti hanno i soldi per acquistare), dopo aver concordato con tutte le parti la data di consegna del mio immobile e quindi la mia presa di possesso dell’immobile.
    la data di cui si parla era il 1 Febbraio 2010.
    Io lascio la casa in cui vivevo in affitto il 31 Gennaio, ma son costretta a trovare sistemazione in casa d’altri, poichè sembra ci siano dei ritardi che, a detta dell’agenzia dureranno poco (una settimana, due al massimo).
    Non voglio fare polemica, quindi nel limite del possibile cerco di pressare telefonicamente l’agenzia.Dopo la prima settimana si scopre che la casa in cui i miei venditori si dovrebbero trasferire(e per la quale non è stato ancora firmato un atto)non è in regola…mi illudono di settimana in settimana (gli agenti immmobiliari)e continua a passare il tempo.
    Nell’ultima sett di Febbraio le altre parti sono riuscite a firmare l’atto di compravendita, ma io non riesco ad entrare in possesso della mia casa perchè i vecchi proprietari non vogliono lasciarla sino a che la Signora non trova una sistemazione certa(infatti i lavori del bagno durano da due sett e prima del 13 di Marzo non si muove nessuno).
    Io non vorrei entrare in causa con nessuno, ma vorrei tutelarmi, visto che l’agenzia sapeva dei tempi lunghi e a me non ha detto niente, lasciando che io rimanessi senza casa(per non parlare di altri disagi).
    Inoltre io ho già pagato tutti: ex proprietari e agenzia.
    vorrei solo sapere se: l’agenzia può pagare per i danni fatti?
    mi è stato consigliato di mandare una lettera tramite avvocato ai vecchi proprietari per far sì che se ne vadano, ma io la casa l’ho comprata tramite agenzia e questa a mio parere, non ha portato a termine il lavoro per la quale ha preso dei soldi, visto che io non ho alcuna chiave di casa.
    insomma come posso fare per entrare in casa mia?
    vi ringrazio.

    Risposta
    • 8 marzo 2010 in 16:10
      Permalink

      Buongiorno Daniela, lei ha firmato un contratto, pertanto, lei deve rifarsi su chi non rispetta questo contratto, ovvero i venditori, invii immediatamente una raccomandata chiedendo di lasciare l’immobile e inserisca una penale giornaliera. saluti

      Risposta
  • 7 marzo 2010 in 23:10
    Permalink

    Buonasera, volevo chiedervi un chiarimento mi sono rivolta ad un’agenzia immobiliare per acquistare un’appartamento ed alla stessa agenzia ho chiesto un’ipotetica valutazione del mio immobile sia per un’eventuale vendita sia per eventualmente metterlo in affitto dicendo che ci avrei pensato e nel frattempo ho portato avanti la trattattiva per l’mmobile che desidero comperare!!! Peccato che mi sono tovata l’annuncio di vendita del mio appartamento sia sul loro sito che fuori nella vetrina della loro agenzia senza che io abbia mai dato il permesso e tanto meno abbia firmato un mandato!!!! Possono farlo? quali coseguenze puo’ avere la cosa? Grazie.

    Risposta
  • 10 marzo 2010 in 20:07
    Permalink

    buona sera ;volevo porgli un quesito:è possibile incaricare un amico per vendere casa anche se il suo lavoro e diverso dalla mediazione?
    Questo perche’ ha tante amicizie e mi potrebbe vendere subito casa ,cosa gia’ fatta con un’altra?
    Se si come compilargli un modello che possa convincerlo ad accettare un mio regalo in denaro che corrisponda ad una piccola provviggione per la futura vendita?
    Lui mi dice che dal 2007 la mediazione è conferita solo ad agenzie e non a privati.
    Anche se il privato va a pagare le eventuale tassa su quello che incassa(provvigione)_puo essere motivo di coinvolgerlo nella mia idea?grazie ed arrivederci

    Risposta
    • 11 marzo 2010 in 18:06
      Permalink

      Buongiorno, si tratta di esercizio abusivo della professione ed è perseguibile, saluti

      Risposta
  • 17 marzo 2010 in 15:49
    Permalink

    Buon giorno, ho un mandato in esclusiva per la vendita del mio appartamento che scade tra qualche giorno.
    Un ragazzo che è venuto a vedere la casa tramite questa agenzia, mi ha poi contattato privatamente, per sapere se ero disposto a vendere a lui da privato.
    Capisco che non è molto morale nei confronti dell’agenzia, ma ho dei margini per poterlo fare? Potrei fare scadere il mandato e poi vendere a lui privatamente, anche se in realtà mi e’ stato presentato dall’agenzia? O anche a mandato scaduto avrei delle penali da pagare in quanto mi è stato presentato dall’agenzia stessa?

    Risposta
    • 18 marzo 2010 in 16:57
      Permalink

      Gentile Marco, ci dispiace dover affrontare situazioni del genere, ma non possiamo non dirle che lei ci sta chiedendo se è legale approfittarsi del lavoro di un’agenzia alla quale lei ha affidato il mandato a vendere il suo immobile. La risposta è no, se intende farlo e nel caso l’agenzia non si accorgesse di niente, avrà risparmiato i soldi concordati a titolo di provvigione, nel caso in cui l’agenzia si accorgesse che la vendita è stata conclusa con un loro cliente lei dovrà pagare la mediazione e eventuali spese di recupero crediti. saluti

      Risposta
  • 21 marzo 2010 in 12:08
    Permalink

    Egr. Avvocato
    anticipatamente La ringrazio per il disturbo che Le arreco.
    Siamo tre fratelli eredi di un immobile da parte di un quarto fratello deceduto. Essendo in disaccordo sulla valutazione del bene vorremmo affidare l’incarico di vendita ad un’agenzia immobiliare. Avendo diritto di prelazione e essendo interessato ad avvalermene, gradirei sapere quale clausola dovrà essere aggiunta al compromesso di vedndita con l’agenzia e se la provvigione all’agenzia sarà interamente a mio carico o a carico dei tre coeredi venditori. Cordialmente.
    Augusto

    Risposta
  • 28 marzo 2010 in 16:55
    Permalink

    Pochi giorni fa, tramite agenzia, ho visionato un immobile insieme al mio compagno.
    In agenzia ci è stato fatto fimare un foglio (che non sapevo fosse il foglio visite) che riportava semplicemente il nostro nome e cognome, senza nessun altro dato.
    Abbiamo visto l’immbobile solo esternamente.
    Adesso, siamo obbligati ad acquistare tramite agenzia o possiamo contattare la proprietaria anche privatamente?
    Vorremmo fare i “furbi”, ma non si tratta di furbizia anche far fimare un documento senza spiegare che cosa sia e senza darne una copia?
    (siamo stati stupidi a farlo, forse, ma non eravamo mai stati in un ‘agenzia immobiliare!). Grazie.
    Eventualmente, in cosa si incorre? Soltanto le provvigioni??
    Grazie

    Risposta
    • 16 aprile 2010 in 18:38
      Permalink

      buongiorno Marinella, ci sta chiedendo se è lecito effettuare una truffa, no, non lo è. saluti

      Risposta
  • 4 aprile 2010 in 12:18
    Permalink

    Buongiorno!Spero di riuscire a spiegare bene tutto…Dobbiamo lasciare la casa nella quale abitiamo poichè i proprietari ne hanno bisogno, abbiamo tempo fino alla fine di luglio. Dunque ci siamo messi alla ricerca di un appartamento tramite agenzia.Trovando solo affitti carissimi ci è stato consigliato di comprare casa e metterci un mutuo (a pari prezzo),abbiamo visto una casa in cascina (è ancora abitata dai proprietari)…abbiamo firmato una proposta d’acquisto che non hanno accettato, un’altra non accettata e l’ultima volta è stata corretta sopra la stessa(depennata), la data della consegna perchè serviva agevolare i venditori (non tenendo conto di ciò che dicevamo noi).Noi abbiamo controfirmato (senza saperlo,completamente privi di esperienza e molto impreparati al riguardo…non abbiamo letto tutti i particolari, siamo stati, PURTROPPO, superficiali)…”fidandoci” delle parole dette dall’agente,la proposta d’acquisto, prima che venisse firmata dai proprietari.Non avevavamo neanche una copia della proposta d’acquisto, l’abbiamo ritirata giorni dopo sotto nostra insistenza;infatti,nella nostra copia manca ancora la firma di uno dei coniugi proprietari.Nella proposta c’è scritta la caparra che abbiamo dato che ha ritirato il proprietario(2000€) e la provvigione dell’agente (4000€)non ancora data.
    Siamo andati a vedere la casa un’altra volta, questa volta ci hanno concesso più tempo e abbiamo evidenziato tutti i lavori che ci sono da fare perchè prima erano un pò nascosti…anche dalla bella parlantina dell’agente e dalla nostra inesperienza.
    Tenuto conto che la casa potranno darcela solo 40 giorni dopo il nostro rogito (perchè i proprietari comprano altrove)…e tenendo conto che ci sentiamo ingannati dal fatto che molti lavoretti sono da fare…Possiamo chiedere di togliere qualcosa dal costo della casa o di consegnarla prima, anche se la proposta d’acqisto è già stata portata in banca per richiedere il mutuo?Possiamo pretendere altre condizioni al rogito?(Si farà in estate).Altrimenti,se diciamo ora che ci ritiriamo perdiamo solo la caparra (nell’eventualità) o dobbiamo pagare anche l’ agente e la caparra che i proprietari hanno dato al loro venditore?
    Se mi rispondete ve ne sono grata, stò leggendo di tutto ma sono solo più confusa!

    Risposta
    • 16 aprile 2010 in 16:30
      Permalink

      Buongiorno, la proposta di acquisto controfirmata da entrambe le parti è un regolare contratto, con tutte le obbligazioni conseguenti, pertanto chi si ritira, dovrà pagare le spese e nel vostro caso, perderete la caparra versata, saluti

      Risposta
  • 7 aprile 2010 in 11:47
    Permalink

    Buongiorno
    ho una casa da vendere, per vari motivi, mi sono deciso per un affitto con riscatto e l’agenzia mi ha trovato una famiglia disposta a questo tipo di soluzione.
    La durata dell’affitto+riscatto è di 3 anni. Il valore dell’immobile è stato stabilito in €160.000.
    L’agenzia mi chiede il 3% dell prezzo di vendita; è una cosa giusta? Devo pagare 5000€ per prenderne 23.500 (650*12*36)?
    Cosa devo fare?

    Risposta
    • 16 aprile 2010 in 16:19
      Permalink

      L’agenzia ha diritto a riscuotere nel momento in cui l’affare è concluso, pertanto, potrete discutere sull’importo della mediazione e non sul resto. saluti

      Risposta
  • 11 aprile 2010 in 11:55
    Permalink

    Salve, ho firmato una proposta di acquisto per un immobile con agenzia immobiliare con regolare caparra (prima ed unica proposta per iscritto per l’agenzia)al momento dell’esito di accettazione da parte del proprietario mi è stato riferiro che per rapporti di buon vicinato il proprietario ha chiesto alcuni giorni di pausa per permettere al vicino di far visionare l’immobile al figlio il quale sarebbe disposto a proporre acquisto con la mia stessa somma offerta. E’ legale? come posso acquisire il diritto? grazie

    Risposta
    • 16 aprile 2010 in 16:00
      Permalink

      in nessun modo Valerio, il proprietario, se non ha firmato la sua proposta per accettazione, può disporre del suo immobile senza alcun vincolo verso nessuno. saluti

      Risposta
  • 15 aprile 2010 in 11:01
    Permalink

    Ho una domanda da porre ad un esperto.

    Tramite una agenzia avevo visionato un appartamento in fase di costruzione con terrazza soprastante, nella mediazione svolta in modo grossolano dall’agente non siamo arrivati ad un accordo con il venditore.
    Successivamente ho incontrato per caso il venditore che mi ha proposto l’appartamento con una superfice maggiore senza la terrazza e ci siamo messi d’accordo ed abbiamo stipulato un contatto di compravendità. L’agente immobiliare adesso pretende l’onorario. E’ dovuto?

    Visto che l’affare proposto e quello concluso non sono uguali.
    Visto che le trattative si sono interrotte e poi riprese per effetto di iniziative nuove, in nessun modo ricollegabili con le precedenti.

    Grazie Manfredo

    Risposta
    • 16 aprile 2010 in 15:37
      Permalink

      Buongiorno Manfredo, sia lei sia la parte venditrice, siete giunti alla conclusione dell’affare per il lavoro di segnalazione e successiva visita dell’immobile effettuato da un’agenzia immobiliare che ha diritto a riscuotere la provvigione che le spetta. saluti

      Risposta
  • 15 aprile 2010 in 15:24
    Permalink

    Salve. ho messo in vendita il mio appartamento sia privatamente che tramite agenzia senza esclusiva (non è stato firmato alcun contratto);un potenziale acquirente ha visitato l’immobile con l’agenzia e il giorno dopo mi ha contattato chiedendomi di poterlo rivedere ed eventualmente comprare senza intermediazione dell’agenzia. Anche l’acquirente non ha firmato nessun verbale o contratto con l’agenzia. Posso procedere alla vendita o siamo obbligati a essere seguiti dall’agenzia? Cordialmente Davide

    Risposta
    • 16 aprile 2010 in 15:34
      Permalink

      Gentile Davide, l’aquirente le sta chiedendo di truffare l’agenzia, se lei è d’accordo, si renderà partecipe di una truffa con le dovute conseguenze. saluti

      Risposta
  • 21 aprile 2010 in 10:21
    Permalink

    Buongiorno!…grazie per la risposta…ho scoperto che l’agenzia poteva evitare di chiamare la Broker facendomi risparmiare 5800 euro…se non abbiamo ancora firmato il mandato…posso cercare il mutuo da sola,con un’altra Banca?In questo caso devo lo stesso pagare la broker?Lei collabora da sempre con quello dell’agenzia(sono molto amici)…e col notaio.Hanno infatti scelto tutto loro senza darci nessuna possibilità…ora vogliono pure costringerci a fare il rogito a scelta di chi ci vende la casa dicendo che noi non abbiamo diritto a nessuna scelta…io volevo sapere da voi…se nella propostra c’è scritto entro una data,posso farlo in data ultima?Prima non posso letteralmente.(Loro vogliono anticipare perchè chi mi vende è una loro collega broker…che mi darà la casa più un mese dopo il rogito…ecco vogliono prolungare a 55 giorni!)…
    Attendo una risposta, grazie infinite…se ho fatto domande per voi scontate mi scuso…per me è tutta una novità molto negativa e stressante,visto tutti gli inganni che stò scoprendo!

    Risposta
  • 23 aprile 2010 in 12:11
    Permalink

    Buongiorno,
    ho firmato un compromesso per una casa che è sottoposta a sanatoria vincolando l’effettiva vendita all’accettazione della sanatoria stessa
    L’agenzia intermediaria ha preteso il compenso al compromesso e poi non ci ha più fornito supporto da nessuna delle due parti, non riportando alcune informazioni che avevo chiesto di comunicare al proprietario. Quindi io e il proprietario dell’immobile siamo entrati in contatto diretto.
    La sanatoria è stata approvata in parte, e quindi ci troviamo con il venditore a ri-negozziare il prezzo di comune accordo.
    Volevo sapere se l’agenzia deve restituirmi la differenza che c’è tra la percentuale del vecchio prezzo e quello nuovo.
    E nel caso io e il venditore non ci trovassimo d’accordo sul prezzo e la compravendita andasse a monte, l’agenzia deve restituire il compenso?

    Grazie mille

    Risposta
  • 28 aprile 2010 in 23:22
    Permalink

    Ho firmato un mandato di incarico con un’agenzia per la vendita del nostro appartamento. Il giorno dopo mi sono accorta che c’era una clausola che nel caso avessimo venduto ad una certa cifra il “più” era tutto a favore dell’agenzia. Ho contattato subito il venditore che vedrò tra pochi giorni per le opportune modifiche. Nel caso non fosse disponibile a modificare l’incarico, posso disdire il contratto firmato, visto che non è passata una settimana? grazie

    Risposta
  • 4 maggio 2010 in 19:55
    Permalink

    egregio avvocato il mio quesito e’molto semplice:sono dovute commissioni per acquirenti presentati a mandato scaduto? grazie

    Risposta
  • 6 maggio 2010 in 09:53
    Permalink

    buon giorno, ho trovato un annuncio di una casa che mi interessava ramite una visita di un’agenzia. Mio marito ha firmato una proposta di acquisto, vincolata o alla vendita della ns casa o all’affitto e alla ovvia concessione del mutuo. All’atto della proposta non abbiamo fatto nessun assegno in quanto dovevamo pensare ancora un po’(siamo stati presi un po alla sprovvista). L’agente ci disse che non c’era problema dato che tanto non lo avrebbe potuto portare in visione al venditore finche’ non ci fosse stato l’assegno e poi non avrebbe avutovalidità finche’ l’offerta non fosse stata accettata dal vendititore.(a noi infatti non ha lasciato la copia della proposta ma solo una fotocopia). Nel pomeriggio si è presentato a casa per fare il mandato a vendere o ad affittare della mia casa che sarebbe stato solo nel caso in cui avremmo acquistato quell’immobile. Io (unica proprietaria) ho firmato, ma non mi ha lasciato nessuna copia. Mi disse che me l’avrebbe data al momento in cui svessi portato i documenti della casa de che la pubblicità non sarebbe iniziata se non dopo il ricevimento degli stessi. a distanza di 2 giorni pensandoci bene, anche a livello economico abbiamo deciso di non fare piu’ nulla,l’agente ci ha minacciato dicendo che se lui voleva la casa la poteva vendere comunque, anche senza documenti e che la proposta per l’acquisto dell’atra casa era valida. Mi sono informata ma un’altro agente mi ha detto che finche’ non c’è un assegno e l’accettazione della parte venditrice non è valida come da lui stesso ammesso nella prima fase). Lui puo’ vendere comunque la mia casa? posso recedere dato che ancora non è iniziato nulla? aiutatemi!

    Risposta
    • 13 maggio 2010 in 18:01
      Permalink

      Buongiorno Valeria, la proposta è valida solo se controfirmata entro i termini dalla parte venditrice, nel caso di casa sua, chi può decidere se e come e quando vendere siete lei e suo marito, nulla può fare un agente immobiliare!
      Ci sentiamo di consigliare a lei e a tutti coloro che si apprestano a comprare una casa di sottoscrivere proposte di acquisto solamente quando si è sicuri di poter e voler procedere all’acquisto stesso, non ha senso firmare e poi tentare di recedere. saluti

      Risposta
  • 6 maggio 2010 in 14:13
    Permalink

    Salve, avrei una domanda :
    Io ho visto la casa con un’agenzia , ho firmato la presa visione dell’immobile .
    In un secondo momento un’altra agenzia mi ha proposto la stessa casa , pero’per le spese iniziali mi farebbe risparmiare 10’000,00 € che non e’ una somma indifferente , come mi devo comportare????
    Ovviamente la prima agenzia mi dice che sono vincolata con loro perche’ ho firmato la presa visione

    Risposta
  • 8 maggio 2010 in 09:36
    Permalink

    Salve, 15 giorni fa dopo aver visto un appartamento al momento ancora abitato firmavo un preliminare con caparra di 100 € visto le pressioni della proprietaria e dell’ agenzia. Successivamente mi veniva chiesto di pagare una parte dell’affitto in nero e subivo pressioni nei giorni successivi per la stipula del definitivo. Facevo presente che finchè non avessi visto l’appartamento vuoto e lo stato dei mobili al suo interno dopo che si fosse liberato io non avrei fatto il definitivo, a questo punto l’agenzia mi diceva di dover sentire la proprietaria e da quel momento non ho avuto più nessuna chiamata e contatto con l’agenzia. Dopo 3 giorni comunicavo all’ agenzia di non voler più l’appartamento e questa mi chiede anche le spese di agenziaconvocandomi in ufficio con i suoi colleghi per “metterci d’accordo”.
    Vorrei sapere se devo pagare le spese di agenzia che mi chiedono e eventuale provvigione nonostante il loro comportamento.
    Vi ringrazio!
    Michele

    Risposta
    • 13 maggio 2010 in 17:56
      Permalink

      buongiorno Michele, se lei ha firmato un contratto dovrà rispettarne le obbligazioni, se si ritira perde la caparra e le spese, saluti

      Risposta
  • 12 maggio 2010 in 14:56
    Permalink

    Salve, vorrei saper se si può recedere da un contratto fatto con un’agenzia immobiliare (incarico compravendità) senza pagare niente; mi spiego meglio… Sul contratto c’è scritto che se io recedo il contratto entro 30 gg dalla stipula pago all’agenzia il 30% della provvigione, invece se faccio richiesta di disdetta del contratto dopo 30gg c’è la penale de 50%!
    La mia domanda è questa: è per legge tutto ciò?
    Grazie

    Risposta
    • 13 maggio 2010 in 17:04
      Permalink

      no Debora, non esiste nessuna legge a riguardo ma quello che lei ha firmato è un contratto e ha sottoscritto tutte le clausole, pertanto si è assunta tutte le obbligazioni derivanti. saluti

      Risposta
  • 13 maggio 2010 in 17:36
    Permalink

    se la proposta è stata sottoscritta da entrambe le parti, lei non può ritirarsi senza incorrere nel raddoppio della caparra e accollo delle spese. saluti

    Risposta
  • 13 maggio 2010 in 18:45
    Permalink

    Essendo io il venditore e come meditarice l’agenzia immobiliare, l’acquirente ha fatto la sua proposta seguita dalla mia contr’offerta firmata; l’acquirente ha accettato la mia contr’offerta ma per vari motivi quali tempi di consegna e prezzo della casa non piu conformi alle mie previsioni, vorrei cambiare la contr’offerta attenendomi al prezzo e alla consegna del mandato iniziale ( le somme di offerta e contr’offerta sono inferiori al prezzo del mandato iniziale dell’agenzia): posso ritenere nulla la mia contr’offerta o nel caso rifiuti dovrei pagare la penale come da mandato? preciso che non c’è stata alcuna consegna dell’assegno che ha in mano l’agenzia per conto dell’acquirente. Grazie per l’attenzione e la gentilezza di chi vorrà rispondermi.
    P.S. nel caso servissero ulteriori delucidazioni, pronto a inoltrarle. Grazie

    Risposta
    • 26 maggio 2010 in 15:42
      Permalink

      gentile Aldo, se la proposta è stata firmata da entrambe le parti, è un contratto perfezionato e pertanto,tutte le modifiche vanno fatte per iscritto e con l’accordo delle parti, saluti

      Risposta
  • 15 maggio 2010 in 10:29
    Permalink

    Ciao,

    è possibile rescindere un contratto con l’agenzia immobiliare, nel caso in cui dopo tre mesi dal mandato ancora non ha portato nessun probabile acquirente a visitare l’appartamento. Premetto che si tratta di una zona centrale, nelle vicinanze sono stati venduti molti altri appartamenti da altre agenzie allo stesso prezzo da noi pattuito. L’agente, che mi sembra a questo punto un pò incapace, insiste col farci abbassare il prezzo, cosa che abbiamo già fatto, ma che non intendiamo rifare perchè sappiamo che il prezzo da noi proposto è assolutamente in linea con i prezzi di mercato. Grazie per la cortese risposta.

    Risposta
  • 18 maggio 2010 in 15:01
    Permalink

    Buongiorno ,
    quello che mi e’ accaduto sembra paradossale, ma adesso vorrei solo agire nella legalità. Ad agosto dello scorso anno io e mio marito, allora fidanzati, ci rechiamo presso un’agenzia immobiliare di proprietà di un amico e chiediamo di cercare una casa indipendente obifamiliare o grande appartamento al piano terra in piccola palazzina. Vengo richiamata dopo Qualche giorno e mi reco a visionare gli immobili. Premesso che non sapevo cosa andavamo a vedere e che avevo firmato alla cieca il foglio di visita, tra gli altri si ferma davanti Un cantiere chiuso, appena tira fuori le piantine capisco che le palazzine sono troppo grandi e dico di lasciar perdere. Ora, un mese fa i miei genitori hanno acquistato un piccolo appartamento in quelle palazzine e hanno deciso di intestarlo a me come “regalo”, in quanto non ho alcun bene di famiglia. Quando mi sono recata al cantiere minimamente ho ricordato di quella fugace sosta li di fronte. Ora il mio amico reclama la provvigione. Siamo venuti a conoscnza che lui e’ il preposto della srl che gestisce l’agenzia e che l’unico iscritto al ruolo e’ il titolare, quando lui si e’ sempre spacciato per mediatore. Ora, essendo persone serie e rispettabili, pensa che sia giusto pagare la provvigione o che stiamo trattando con un abusivo???

    Risposta
    • 26 maggio 2010 in 15:36
      Permalink

      gentile Marella, probabilmente il “foglio di visita” che lei ha sottoscritto è intestato al legale rappresentante e mediatore regolarmente iscritto, pertanto all’agenzia spetta la riscossione della provvigione secondo gli usi e le consuetudini. il comportamento più corretto sarebbe stato quello di comunicare tempestivamente all’agenzia stessa, l’interesse sull’immobile visionato con loro tempo prima, saluti

      Risposta
  • 18 maggio 2010 in 21:17
    Permalink

    salve. qualche mese fa ho firmato una proposta di acquisto di un appartamento senza vincolarlo al mutuo proprio perchè non sapevo dell’esistenza ed importanza di tale clausola e pensavo di rivolgendomi ad agenzia bastasse per tutelarmi da spiacevoli sorprese visto che sono pagati . sucessivamente sono venuto a conoscenza di tale clausola .visto che appartamento di cui parliamo di proprietà si segretaria di quell’agenzia( ho capito tutto dopo) mi sembra evidente che agenzia abbia preso parte della sua segretaria ..cmunque ormai dalla data fissata per compromesso sono passati diversi mesi e loro sono in ricerca di una banca che mi lascia il mutuo. ma ancora non siamo riusciti di trovare una banca. e loro ora mi chiedono di fare compromesso comunque e mi garantiscono che al compromesso ci mettono la clausola di mutuo e nel caso negativo mi verrano restituiti i soldi di caparra e agenzia. voglio sapere prima se ho la possibilità di annulare tutto visto le circostanze in cui sono avvenute le cose. ( segretaria.. senza avvertirmi della clausola sapendo benissimo che non ero ancora andato in banca per informarmi di mutuo prima di fare proposta). secondo se come dicono si può ancora mettere la clausoma al compromesso? grazie infinite

    Risposta
    • 26 maggio 2010 in 15:33
      Permalink

      lei ha sottoscritto un contratto ed è tenuto a rispettarlo, il preliminare comunque lo sostituirà, pertanto la soluzione che le propongono, con l’apposizione della clausola sospensiva, è ragionevole e la tutela nel caso in cui non riesca ad ottenere un mutuo per l’acquisto, saluti

      Risposta
  • 26 maggio 2010 in 01:50
    Permalink

    Salve. Vorremmo acquistare una casa che è in vendita tramite una agenzia . Per l’acquisto è necessaria pero’ la vendita della attuale abitazione . Avremmo intenzione di dare mandato di vendita della attuale abitazione alla stessa agenzia .
    La agenzia ha proposto la firma di un modulo di mandato di vendita immobiliare per la casa attuale in cui è specificata una provvigione del 3% sul prezzo di vendita da indicare per la casa attuale ed anche che “il presente mandato è subordinato alla conclusione dell’acquisto della ..casa futura “. Quali sono i rischi principali ? Nel caso tutto si concluda dovro’ pagare provvigione anche sull’acquisto della casa futura ?
    Grazie in anticipo per la risposta.

    Risposta
    • 26 maggio 2010 in 15:10
      Permalink

      gentile Massimo, la provvigione che spetta all’agenzia, se non diversamente concordata, è quella che potrete trovate sugli Usi e Consuetudini della Camera di Commercio della vostra provincia. Nel caso di acquisto con la stessa agenzia è ovvio che dovrete pagare un’ulteriore provvigione in quanto si tratta di due trattative ben distinte, vi consigliamo di pattuire sin da ora la percentuale della provvigione per entrambi i casi. saluti

      Risposta
  • 26 maggio 2010 in 14:14
    Permalink

    Buongiorno. Ho dato incarico esclusivo ad un’agenzia per la vendita della mia casa ma sono subentrati motivi validi per non procedere con la vendita.Dato che l’incarico scade tra 1 mese vorrei dare disdetta e risparmiare la penale. Se nel frattempo però l’agenzia mi porta un possibile acquirente che poi fa una proposta d’acquisto, sono obbligata a vendere o dovrò solo pagare la penale per recesso?
    Preciso che sul contratto firmato con l’agenzia viene riportata questa clausola:
    3) PROPOSTA D’ACQUISTO – Siete autorizzati a far sottoscrivere dagli aspiranti Acquirenti proposte d’acquisto anche a titolo di preliminare, indirizzate al sottoscritto, il quale si obbliga ad accettarle se conformi alle condizioni pattuite con la presente scrittura, garantendo, qualora fosse necessario, il consenso del coniuge e/o degli altri proprietari.
    Grazie.____________________________________

    Risposta
    • 26 maggio 2010 in 15:07
      Permalink

      gentile Monica, basterà informare tramite raccomandata l’agenzia stessa che l’immobile non è più in vendita. saluti

      Risposta
  • 29 maggio 2010 in 19:27
    Permalink

    Salve, la proprietaria del locale in cui esercito l’attività di artigiano ha affidato ad una agenzia la vendita dell’immobile. Ieri mattina si è presentata presso il mio studio la titolare di tale agenzia, dicendomi di avere un acquirente e domandandomi se fossi interessato a far valere il mio diritto di prelazione. Rispondo a questa persona di mandarmi una comunicazione, a mezzo atto da notificarmi tramite ufficiale giudiziario, contenente il prezzo e le condizioni di vendita. La signora pretendeva che le sottoscrivessi una proposta d’acquisto, che mi sono rifiutato di firmare. Le domande sono due: la comunicazione contenente prezzo e condizioni di vendita, può essermi inviata anche a mezzo semplice raccomandata? Avrebbe lo stesso valore? Dal momento che non ho usufruito di alcun servizio di intermediazione da parte dell’agenzia, potrò rifiutarmi di pagare una eventuale provvigione richiestami? Grazie anticipatamente.

    Risposta
  • 4 giugno 2010 in 13:27
    Permalink

    ho visto una casa con un’agenzia. Scaduto il mandato i proprietari hanno messo l’annuncio privatamente io ho fatto la mia proposta e loro hanno accettato. L’agenzia può rivalersi su me o sul propretario visto che io ero andata la prima volta con loro (agenzia) a vederlo?Preciso che non ho firmato nulla con l’agenzia.Grazie mi urge la risposta

    Risposta
    • 5 giugno 2010 in 14:58
      Permalink

      L’agenzia ha tutto il diritto di pretendere la mediazione sia da lei, sia dal venditore, le consigliamo di recarsi all’agenzia e concordare un importo da saldare. saluti

      Risposta
  • 10 giugno 2010 in 18:38
    Permalink

    Buonasera volevo semplicemente sapere se è normale che in attesa del rogito trovo l’appartamento che stò per acquistare in vendita ancora sul sito dell’agenzia..

    Grazie saluto cordialmente.

    Risposta
  • 12 giugno 2010 in 17:52
    Permalink

    Buonasera, ho sottoscritto presso un’agenzia per l’acquisto di un’immobile un “Conferimento di incarico”, lasciando a titolo di deposito cauzionale che varrà come caparra confirmatoria all’accettazione da parte del proprietario di euro 5.000.
    Tre giorni dopo vengo a conoscenza che il proprietario ha ricevuto l’immobile in ” Donazione”.
    Interpellata l’Agenzia, mi smentisce subito dicendomi che non esisteva la donazione.
    A seguito di mie insistenze mi dice che proprio in quei giorni ha effettuato una visura catastale dalla quale è vero che è una donazione ma che non devo preoccuparmi perchè il venditore è proprietario al 1000×1000.
    Ora ritengo di essermi cacciato in una situazione dalla quale non so come uscirne.
    Potete aiutarmi a capire cosa può adesso succedere?
    Vi ringrazio per l’aiuto salutandoVi cordialmnete.

    Risposta
  • 14 giugno 2010 in 17:42
    Permalink

    Salve, tre mesi fa’ ho visto un appartamento tramite agenzia.
    Ho fatto un’offerta scritta con caparra la quale, a detta dell’agenzia, non è stata accettata dalla parte venditrice (ma non ne ho conferma scritta) ne’ ho ricevuto una controproposta.

    Ora ho trovato lo stesso appartamento proposto da un’altra agenzia (infatti parlando avevo saputo che alla prima stava scadendo il mandato).
    Visto che sono cambiate le mie disponibilità economiche vorrei provare a fare una nuova offerta leggermente superiore.
    Il fatto che abbia già visionato e fatto un’offerta con la prima agenzia, questa mi lega in qualche modo a loro?
    E’ loro che devo ancora contattare?
    Oppure posso tranquillamente riprovare a rilanciare con una nuova offerta con la seconda agenzia?

    Non vorrei trovarmi a pagare la provvigione doppia.

    grazie
    Riccardo

    Risposta
  • 16 giugno 2010 in 17:43
    Permalink

    Salve, il mio compagno qualche giorno fà ha firmato un proposta d’acquisto per una casa verando una caparra di € 5.000,00. La proposta è stata accettata dal venditore, ma nel frattempo abbiamo cambiato idea per alcuni problemi sorti in famiglia. Volevo sapere se abbiamo il diritto di riavere indietro la caparra.

    Risposta
  • 21 giugno 2010 in 11:51
    Permalink

    salve, vorrei porre un quesito:
    se io venditore do mandato ad un’agenzia per vendere il mio appartamento e questa trova un acquiuirente al quale fa firmare una proposta d’acquisto che io accetto e mi viene versata anche una caparra confirmatoria, nel caso in cui cambiassi idea e decidessi di non vendere più cosa rischio:
    1) devo restituire il doppio della caparra (ricevuta anche senza aver stipulato un compromesso o preliminare), devo pagare le provviggioni del venditore e dell’acquirente e rischio anche una causa per risarcimento danni?
    2) se non stipulo il preliminare, la caparra confirmatoria essendo un contratto accessorio è legata al “preliminare di preliminare” ma questo è valido?
    3) in definitiva cosa si può fare, e a cosa si va incontro se dopo aver accettato una proposta d’acquisto e ricevuta la caparra confirmatoria si decide di non vendere più?

    grazie e mi scuso per la corposità della domanda
    sperando di essere stato chiaro vi porgo i miei saluti e vi faccio i complimenti per questo forum

    Risposta
  • 21 giugno 2010 in 11:55
    Permalink

    salve di nuovo, vorrei porre un’altra domanda:
    quando si dà mandato ad un’agenzia per vendere il proprio appartamento c’è un termine per il recesso?
    essendo il mandato un contratto, stipulato per giunta fuori dai locali commerciali, non ci dovrebbero essere dei giorni per poter recedere dal mandato?
    grazie

    Risposta
  • 28 giugno 2010 in 20:54
    Permalink

    Salve, scrivo perchè, dopo aver visto una casa tramite agenzia, ho firmato una proposta di acquisto vincolata all’approvazione del mutuo. Successivamente, mi sono accorta dalla piantina del catasto che non era indicato il secondo bagno. Mi sono rivolta ad un arhitetto che, leggendo la planimetria della casa, mi ha spiegato che il bagno costruito nella mansarda è abusivo. L’agente immobiliare, un po’ evasivo, mi ha tranquillizzato, dicendo che è tutto a posto, senza fornirmi però prove certe. Lo stesso agente, si è “scordato” di informarmi che il secondo piano, essendo da catasto soffitta, ha un valore per metro quadro molto inferiore alle stanze normali. Il prezzo pattuito è quindi più alto rispetto al reale valore della casa. Come posso sciogliere la proposta d’acquisto senza perdere soldi?
    Attendo cortese risposta e ringrazio.

    Risposta
  • 4 luglio 2010 in 13:38
    Permalink

    Salve Egr. avv. mi sono rivolto ad un’ ag. immob.per l’acquisto di un appartamento, come da compromesso la caparra confirmatoria e’ stata pattuita di 5000 euro e 20.000 euro quale acconto dell’intero valore dell’immobile pari a 190.000 euro come da accordi presi ho depositato nel box apparten ente ancora al venditore diverse cose di valore dato che in pochi mesi avremmo stipulato il rogito, dopo circa due mesi il venditore mi contatta telefonicamente per anticipare la data del rogito, purtroppo in quel periodo mia moglie ebbe dei problemi di salute e ne avrei parlato con il mediatore dell’ag. imm. anche perche’dal compromesso c’erano ancora 4 mesi di tempo per rogitare,il venditore sempre durante la conversazione telefonica,alla notizia che la mia consorte aveva problemi di salute,inizio ad agitarsi in quanto secondo lui non avrei rogitato fra 4 mesi,e quindi insisteva di rogitare subito,a questo punto fissammo un appuntamento con il mediatori in agenzia.giunto in agenzia mi fecero trovare pronto,una delibera dove indicava il recesso del contratto senza specificare per iscritto la modalita di restituzione dell’acconto di 20.000 euro e la possibilità di acquisto.premetto che tutto questo cioe la restituzione dell’acconto di 20.000 euro e la possibilita di poter ritrattare,fu detto verbalmente e in presenza di un mio amico che puo testimoniare per l’accaduto.tre giorni dopo contattai il venditore dicendogli che ero disposto nuovamente all’acquisto dell’immobile dato che ormai la perizia da parte della mia banca era stata gia effettuata con esito positivo per il mutuo.il venditore mi rispose che non aveva intenzione di vendere al sottosritto l’appartamento e di non restituirmi piu neanche l’acconto.l’agenzia nonostante la pessima mediazione ha preteso comunque la parcella.a questo punto mi sono rivolto da un avvocato civile il quale non riesce a darmi soddisfazione anche perchè dopo circa sei mesi tramite sms mi dice di andare a spostre quanto prima i miei oggetti dal box dell’appartamento in questione ormai venduto ad un’ altra persona,il mio legale avrebbe dovuto agire civilmente anche verso il mediatore? Egr. avvocato mi rivolgo a lei per dei chiariment in merito, tuttora la mia situazione è disperata.Nell’attesa ringrazio anticipatamente per la sua attenzione.

    Risposta
  • 6 luglio 2010 in 19:04
    Permalink

    Salve, nel mese di giugno ho firmato un contratto di compravendita presso una agenzia in merito all’acquisto di una casa versando come caparra un assegno di 1000 euro intestato al proprietario dell’immobile.Non mi hanno passato il mutuo e l’agenzia ,nonostante ciò, pretende la parcella (3%sul prezzo di acquisto dell’immobile. Cosa devo fare? L’agenzia può pretendere questi soldi? Grazie

    Risposta
  • 8 luglio 2010 in 14:08
    Permalink

    salve
    ho firmato un incarico di mediazione alla vendita di una casa di cui solo di fatto sono proprietaria per 1/3, la titolare per rogito notarile è solo mia sorella. Lei non mi ha conferito delega o procura a vendere ma solo ad una valutazione gratuita da parte di un’agenzia. L’agente immobiliare dopo una valutazione gratuita mi ha convinta a firmare nonostante gli avessi detto che non ero io la proprietaria, lui mi risponde che la cosa si poteva regolarizzare dopo. Passati 5 giorni dalla firma comunichiamo all’agenzia di revocare il mandato, ma il loro avvocato mi ha scritto chiedendomi la penale per revoca senza giustificato motivo e il pagamento delle spese di 3 giorni di consulenza pari a 500,00 euro, senza nota spesa e senza fattura?
    Cosa posso fare per non pagare?
    si può annullare il mandato perchè firmato da persona diversa dal proprietario?

    Risposta
  • 8 luglio 2010 in 14:47
    Permalink

    Ho telefonato ad un’ agenzia immobilare per sapere se un immobile era in vendita e loro mi hanno preso subito l’appuntamento con il venditore senza prima chiedermi se ero d’accordo e senza sapermi dire neppure il prezzo. Ho visionato l’immobile con l’agenzia stessa senza firmare nulla e non dando l’incarico per la mediazione; poi dopo qualche tempo d’accordo con il proprietario abbiamo rogitato senza l’intevento dell’ agente immobilare che peraltro non ci ha più contattati fino a dopo il rogito e ora chiede le provvigioni da entrambi anche se non risulta iscritto al ruolo degli Agenti in affari presso la CCIAA della provincia. Minaccia inoltre di intraprendere vie legali per iscritto. Come devo comportarmi? Grazie.

    Risposta
  • 9 luglio 2010 in 22:38
    Permalink

    salve voglio vendere una casa tramite agenzia.Devo pagare quomunque la provvigione all”agenzia anche se,durante il contratto l”agenzia non ha trovato un aquirente?Grazie

    Risposta
  • 13 luglio 2010 in 10:45
    Permalink

    Buongiorno,
    ho messo in vendita il mio appartamento dando l’esclusiva ad un’agenzia, pochi giorni dopo mi ha contattato l’agenzia da cui precedentemente io avevo acquistato l’immobile, proponendomi di far vedere il mio appartamento a qualche suo cliente, dicendomi che in caso di acquisto, io incorro solo nel pagamento della penale presso l’agenzia con cui ho l’esclusiva.
    Se dovessi accettare vado incontro realmente solo a questo o c’è altro?

    Risposta
  • 17 luglio 2010 in 21:10
    Permalink

    Salve, all’inzio del mese di maggio , ho firmato un incarico con un agenzia immobilliare, quasi dopo tre mesi non c’e stata nessuna offerta, adesso non voglio piu vendere la casa devo per forza asspettare la fine dell’incarico che scade alla fine di ottobre o passterebe un racommandata di fine incarico.

    Risposta
  • 20 luglio 2010 in 15:22
    Permalink

    ho acquistato un miniappartamento da ristrutturare con la mediazione di un’agenzia.Abbiamo fatto un’offerta leggermente inferiore al prezzo richiesto dando come caparra un assegno di 5000 euro,ma l’agente ci ha fatto sapere che i proprietari non avevano accettato.Abbiamo accettato il prezzo richiesto e siamo andati al rogito dal notaio.Ci è stato detto che i proprietari, molto anziani, non potevano affrontare il viaggio per fare il rogito e che non si fidavano ad affidare la delega a qualcuno.Quindi avevano scelto di vendere l’immobile ad una terza persona che si trovava in zona e che conoscevano e costui avrebbe venduto a noi.Dopo 3 mesi dal rogito abbiamo scoperto che i proprietari non erano affatto vecchi,ignoravano completamente la nostra esistenza,avevano venduto alla terza persona alla metà di quanto abbiamo pagato noi e la nostra proposta d’acquisto non gli era mai stata sottoposta.I due (agente e primo compratore),evidentemente d’accordo,si sono spartiti la torta.Vorrei capire se si può far revocare la licenza all’agente.

    Risposta
  • 20 luglio 2010 in 16:00
    Permalink

    buon giorno io ho firmato un contratto con un’agenzia per la vendita della mia attività, loro mi hanno trovato un’acquirente, che però non le hanno ancora confermato il finanziamento per l’acquisto , con l’agenzia, mi scade il contratto a settembre, ora io tramite pubblicità e giro di voci ho trovato un’altro acquirente che però non vuole passare tramite agenzia, come posso fare ed è vero che io pago l’uno e mezzo% di commissione e l’acquirente il 3 % all’agenzia, io ho bisogno di vendere, come mi devo comportare? grazie.

    Risposta
  • 23 luglio 2010 in 13:09
    Permalink

    Buongiorno,
    ho firmatoun mandato esclusivo con una agenzia immobiliare per la vendita del mio appartamento da febbraio 2010 scadenza sei mesi. Tramite passaparola sono riuscito ad entrare in trattativa firmando un preliminare privatamente senza intermediari e senza che l’acquirente conoscesse l’agenzia. DOMANDA: Sono tenuto a dare parte della provvigione all’agenzia anche se mi hanno presentato degli acquirenti (2)interessati e comunque facendomi sempre abbassare il prezzo?
    Grazie della vostra risposta. P.S. Non pubblicate la mia e-mail

    Risposta
  • 3 agosto 2010 in 16:26
    Permalink

    Salve,io ho firmato un compromesso di acquisto per una casa a maggio e l’atto si farà per i primi di settembre..oggi il notaio mi ha detto che la casa che acquisterò è pignorata(l’avviso è arrivato da soli due giorni) e il debito ammonta di 7000 euro..il propietario dice che il suo debito puo’essere chiuso da me se io verso la somma che ha bisogno che poi a sua volta andrà a scalare sul prezzo di acquisto al momento dell’atto..io non mi fido piu’di nessuno..e volevo sapere io posso rifiutatre di comprare la casa senza dover pagare somme alte tipo all’agenzia e notaio dal momento che ha gia’fatto i bolli(documenti)..??e mi han detto che l’atto essendo che la casa è pignorata non si potrà fare piu’ma allora coem si puo’risolvere?io la somma richiesta del debito del proprietario ora non l’ho..vi prego se mi diate una risposta..sono troppo confusa.Grazie!

    Risposta
  • 10 agosto 2010 in 11:42
    Permalink

    Buongiorno, avrei una domanda. Un anno fa ho visto un appartamento attraverso un’agenzia che poteva interessarmi. Durante al visita mi sono resa conto che i proprietari li conoscevo da molti anni. Non se ne è più fatto nulla perchè all’epoca non avevo ancora venduto casa mia.
    Ora che finalmente ho la liquidità, i proprietari dell’appartemento, che incontro spesso, mi hanno chiesto se fossi ancora interessata all’acquisto. Essendo passato più di un anno dalla visita, se lo acquistassi per conto mio senza informare l’agenzia, devo comunque pagare la provvigione qualora me la chieda? Ed eventualmente c’è un limite di tempo entro cui decade l’eventuale obbligo di pagare la commissione all’agenzia? Grazie

    Risposta
  • 27 agosto 2010 in 22:01
    Permalink

    Salve, ho urgente bisogno di una risposta. Ho appena terminato un contratto con un agenzia (31 luglio) e iniziato con un’altra (ad Agosto è però chiusa per ferie ed inizierebbe ad operare con la pubblicità a settembre – anche se mi ha già portato qualche potenziale acquirente nel mese di luglio). Oggi ho incontrato un cliente che ha visionato l’immobile 11 mesi fa con un altra agenzia e con un altro prezzo e si è dichiarato interessato al nuovo prezzo. Lui vorrebbe contrattare da privato. Come dobbiamo fare per non incorrere in penali o altro? 12 mesi dopo un contratto si può rogitare in privato con un cliente presentato dall’allora agenzia? Come devo regolarmi con quella attuale che partirebbe a breve con la pubblicità fino alla scadenza (30 novembre)? Non vorrei perdere questa occasione di vendita.
    Grazie mille per la vs. sollecita risposta

    Risposta
  • 28 agosto 2010 in 11:55
    Permalink

    Buongiorno, mia suocera a messo in vendita la casa trammite agenzia immobiliare, ha trovato un acquirente che ha firmato il contratto con l’offerta e fatto un assegno di caparra. Mia suocera ha accetteto, dopo 15 giorni l’aquirente si e tirato in dietro.Mia suocera ha diritto alla caparra se si quanto tempo ci va all’agenzia immobiliare a consegnarlo

    Risposta
  • 3 settembre 2010 in 22:58
    Permalink

    Buongiorno,
    ho visionato degli appartamenti con un’agenzia e per via internet ho visto che altre agenzia hanno gli stessi appartamenti ad un prezzo inferiore di cui una mi ha detto che non prende la commissione e mi fa parlare con il costruttore dovro’ pagare lo stesso la commissione alla prima agenzia? inoltre quest’ultima agenzia l’amministratore unico ed il responsabile vendite e’ la stessa persona un geometra …

    Risposta
  • 5 settembre 2010 in 13:02
    Permalink

    salve ho acquistato un appartamento e sono a pochi giorni per rogito notarile , ma ritornando a vedere casa alcuni giorni fa mi sono accorta che il venditore aveva smontato i macchinari per il condizionatore .
    sulla prorposta di acquisto era scritto (che l’immobile viene trasferito con ogni pertinenza, accesori e beni ad esso stabilmente connessi e no espressamente esclusi) con questa clausola il venditore ha diritto di smontare i macchinari di aria condozionata e anche altri parti smontabili tipo porte, sanitari del bagno , o addirittura anche la caldaia?.
    nel mio caso cosa posso fare se il venditore oltre ad aver smontato e portato via i macchinari del condizionatore,nel caso abbia portato via altre cose indispensabili come sopra elencato, quando l’agenzia immobiliare mi ha fatto visionare l’appartamento ha evidenziato che l’appartamento è dotata di aria condizionata completo di split e motori, le finestre con doppio vetro, le porte interne nuove. sulla proposta non è stata fatta specifica che venissero tolti.Infatti io ho accetatto di comprarla perchè mi è piaciuta cosi come lo vista con tutti gli annessi a connessi che la componeva, oltre ovviamento alla zona.
    Inoltre, se il giorno del rogito notarile l’acquirente non presenta tutti i documenti e certificati richiesti, come devo comportare?

    Risposta
  • 5 settembre 2010 in 13:02
    Permalink

    salve ho acquistato un appartamento e sono a pochi giorni per rogito notarile , ma ritornando a vedere casa alcuni giorni fa mi sono accorta che il venditore aveva smontato i macchinari per il condizionatore .
    sulla prorposta di acquisto era scritto (che l’immobile viene trasferito con ogni pertinenza, accesori e beni ad esso stabilmente connessi e no espressamente esclusi) con questa clausola il venditore ha diritto di smontare i macchinari di aria condozionata e anche altri parti smontabili tipo porte, sanitari del bagno , o addirittura anche la caldaia?.
    nel mio caso cosa posso fare se il venditore oltre ad aver smontato e portato via i macchinari del condizionatore,nel caso abbia portato via altre cose indispensabili come sopra elencato, quando l’agenzia immobiliare mi ha fatto visionare l’appartamento ha evidenziato che l’appartamento è dotata di aria condizionata completo di split e motori, le finestre con doppio vetro, le porte interne nuove. sulla proposta non è stata fatta specifica che venissero tolti.Infatti io ho accetatto di comprarla perchè mi è piaciuta cosi come lo vista con tutti gli annessi a connessi che la componeva, oltre ovviamento alla zona.
    Inoltre, se il giorno del rogito notarile l’acquirente non presenta tutti i documenti e certificati richiesti, cosa devo fare?

    Risposta
  • 7 settembre 2010 in 11:15
    Permalink

    Buongiorno,
    una domanda semplice.
    Sto valutando di vendere il mio appartamento e ho contattato una agente immboliare per una quotazione dell’immobile specificando che prima di decidere se vendere o no voglio capire quanto vale.
    L’agente è uscito e dopo la valutazione mi ha addirittura detto che avrebbe già un potenziale acquirente.
    Qualora io decida di far visionare la casa dal potenziale acquirente (come richiestomi dall’agente) incapperei in qualche dovere di “spesa o provvigione” verso l’agente anche se decido di non venderla?
    PREMESSA: non ho firmato nulla, è tutto nato da una iniziale chiacchierata in agenzia.
    Grazie Mille, Francesco

    Risposta
    • 27 settembre 2010 in 18:52
      Permalink

      lei dovrà corrispondere la provvigione all’agente solo al momento in cui firmerà una proposta di acquisto, saluti

      Risposta
  • 7 settembre 2010 in 12:54
    Permalink

    Salve! Io ho visionato un immobile con un agenzia e mi ha fatto firmare una foglio di presa visione dicendo che era per la privacy e che non era vincolante… poco dopo tramite mio padre scopro che un suo ex cliente mette in affitto un immobile e lo vado a visionare e scopro che è lo stesso dell’agenzia! Sono interessata e il proprietario mi dice che possiamo anche fare privatamente perchè lui non ha vincoli con l’agenzia (e anche io pensavo di non averne). concludiamo l’accordo e dopo qualche mese l’agenzia arriva e mi chiede la provvigione!
    Mi dica lei .. è possibile che io debba pagare più di 500 euro per niente?!?! Solo perchè un agente ha girato l’angolo e ci ha messo 10 minuti a farmi vedere una casa? Casa della quale tra l’altro sarei comunque venuta a conoscenza.
    Come mi devo comportare?
    Grazie
    Ruh

    Risposta
    • 27 settembre 2010 in 18:50
      Permalink

      buongiorno Ruh, lei si è rivolto ad un’agenzia, l’agenzia le ha proposto un immobile che le interessa e glielo ha fatto visionare, pertanto, se lei ha acquistato l’immobile è obbligato a corrispondere la provvigione richiesta, questa è la legge. saluti

      Risposta
  • 9 settembre 2010 in 18:20
    Permalink

    Salve, ho appena acquistato un terreno. Per riuscire a chiudere l’affare ho accettato di pagare un prezzo più alto dei valori attuali di mercato applicati nella nostra zona ( + 15/20% )su invito dell’agente immobiliare. A fronte di questa mia disponibilità l’agenzia rinunciava a richiedermi la provvigione di mediazione e richiedendola solamente alla parte venditrice. La rinuncia veniva indicata nella proposta d’acquisto ma sopratutto nel preliminare firmato in banca in presenza della parte venditrice, il funzionario di banca e l’agente stesso. In seguito l’agente durante la stipula del rogito, faceva pervenire a mia insaputa la fattura delle provvigioni allo studio notarile, ed approfittando della mia assenza e di una situazione caotica che si era creata durante la stipula per una serie d’imprecisioni da parte della parte venditrice in merito all’iva che dovevamo pagare ( abbiamo dovuto pagare il 20% mentre il venditore e lo stesso agente ci avevano assicurato che l’aliquota sarebbe stata il 10%)La mia domanda è semplice: se l’agenzia sottoscrive un preliminare in cui rinuncia alla provvigione da parte dell’acquirente può poi rinnegare lo stesso e presentare ugualmente fattura per chiedere le provvigioni. Stò seriamente pensando di rivolgermi ai CC per verificare se questo comportamento sia lecito, anche se mi spiace perchè ritenevo l’agente una persona corretta e con la quale stavamo cercando di concludere alcune operazioni immobiliari. Cordiali saluti

    Risposta
  • 16 settembre 2010 in 23:02
    Permalink

    Salve, domanda semplice semplice. Ho proposta d’acquisto accettata e controfirmata con intermediazione di un’agenzia. Ho trovato in internet il mio futuro alloggio (l’ho riconosciuto dalle foto e dall’indirizzo), ma trattato da un’altra agenzia e a prezzo di gran lunga inferiore. Come devo comportarmi? E’ giusto che qualcosa su cui teoricamente ho diritto d’acquisto, possa essere oggetto d’acquisto anche per altri? Ho diritto a ritrattare il prezzo pattuito??
    Grazie anticipatamente. Saluti

    Risposta
    • 27 settembre 2010 in 18:26
      Permalink

      buongiorno, probabilmente l’annuncio è rimasto su qualche portale, informi il venditore che a sua volta dovrà far si che l’immobile venga tolto dalla pubblicità. saluti

      Risposta
  • 18 settembre 2010 in 01:47
    Permalink

    Salve, volevo chiederle: ho visto sul sito di un’agenzia di udine un appartamento, il giorno dopo sono andato in agenzia per vedere le foto e loro per farmi vedere l’appartamento mi hanno fatto firmare il foglio di visita. Il tutto è successo ieri. Adesso io non voglio essere vincolato per un anno da un agenzia: c’è la possibilità di fare la recessione del foglio di visita? E quindi strappare lo stesso evitando di stare dietro l’agenzia per un anno e se trovo un appartamento con un’altra agenzia devo pagare la parcella ad entrambi?
    Grazie

    Risposta
    • 27 settembre 2010 in 17:57
      Permalink

      buongiorno Giuseppe, il foglio di visita non la vincola per l’acquisto di nessun altro immobile, solo nel caso in cui è interessato a quel determinato appartamento, se mai lo comprerà, dovrà corrispondere all’agenzia la provvigione. saluti

      Risposta
  • 28 settembre 2010 in 20:26
    Permalink

    Salve…se io segnalo una vendita ad un agenzia come agente esterno che percentuale mi spetterebbe? e se l’agenzia dalla mia segnalazione fa una vendita e un aquisto mi spetta la percentuale per entrambi???Grazie 😉

    Risposta
    • 29 settembre 2010 in 17:49
      Permalink

      buongiorno Devid, cosa intende lei per agente esterno? è regolarmente iscritto alla camera di commercio della sua provincia nella sezione degli agenti immobiliari? se si, è un normale contratto di collaborazione tra agenzie dove ciascuna riscuote la provvigione dalla sua parte, saluti

      Risposta
  • 20 ottobre 2010 in 21:51
    Permalink

    Buon giorno,sono Agostino,
    ho visto un immobile con una agenzia,proposta interessante ma ma un pò fuori dal mio budget.
    Incontro il proprietario dell’immobile in privato che mi dice che di lì a giorni scade il mandato con l’agenzia,a mandato scaduto ci accordiamo per la compra vendita ma veniamo a sapere entrambi che l’agenzia chiede lo stesso la provigione anche a mandato scaduto perchè io sono stato in agenzia.
    E’ possibile questo?
    Non capisco perchè se l’agenzia non è riuscita a vendere l’immobile in sei mesi,avvala ancora delle pretese dal proprietario dell’immobile!?!
    Ringrazio anticipatamente,
    distinti saluti,Agostino.

    Risposta
    • 3 novembre 2010 in 12:59
      Permalink

      gentile Agostino, lei ha cercato in accordo con il proprietario di truffare l’agenzia che aveva svolto il suo lavoro così come da mandato, la provvigione spetta di diritto all’agenzia e consigliamo a lei e alla parte venditrice di saldare immediatamente quanto richiesto in quanto, in caso di causa legale dovreste pagare anche le spese aggiuntive, saluti

      Risposta
  • 28 ottobre 2010 in 14:55
    Permalink

    salve! volevo chiedere un’informazione circa la proviggione spettante all’agenzia immobiliare, mediatrice per una vendita di un appartamento. l’immobile è stato affidato ad un’agenzia per un tempo di sei mesi. quasi alla scadenza dello stesso, l’agenzia si presenta con una proposta di acquisto che avrebbe portato oltre i tempi stabiliti dal contratto (per altro a fine luglio…., quando scade il contratto). la proposta viene comunque accettata ma dopo giorni di attesa e relativi tempi scaduti, il contratto non viene rinnovato. affidata la vendita ad altra agenzia, si ripresentano con proposta gli stessi acquirenti dell’agenzia precedente. se la proposta viene accettata, chi restribuisce, se dev’essere retribuita, la prima agenzia? devo pagare due proviggioni? o è la seconda agenzia che deve retribuire la prima? grazie

    Risposta
    • 3 novembre 2010 in 12:08
      Permalink

      E’ scorretto il comportamento degli acquirenti che avrebbero dovuto continuare la trattativa con la prima agenzia, in questo caso la provvigione spetta ad entrambe le agenzie intervenute. saluti

      Risposta
  • 29 ottobre 2010 in 11:55
    Permalink

    Buon Giorno,il quesito è questo:sei mesi fa ho visitato un appartamento tramite due agenzie (firmando regolari fogli di visita) ma essendo il prezzo proposto da entrambe troppo alto ho lasciato perdere.Adesso lo stesso appartamento è proposto ad un prezzo che mi va bene mediante una terza agenzia subentrata alle prime dopo il termine del loro incarico.Se arrivo al preliminare a chi devo la provvigione del 3 % e calcolata su quale importo?
    Grazie

    Risposta
    • 3 novembre 2010 in 12:07
      Permalink

      Buongiorno Lorenzo, ci stupisce il comportamento di così tante persone che visitano lo stesso immobile con più agenzie, in questo caso, addirittura 3. Ci rammarica doverle dire che se lei conclude l’affare, dovrà corrispondere la provvigione a tutte e tre le agenzie, saluti

      Risposta
  • 29 ottobre 2010 in 17:11
    Permalink

    Buongiorno. Espongo brevemente il mio problema; a Giugno ho firmato una proposta d’aquisto irrevocabile per l’acquisto di una villetta. Prima di firmare la proposta chiediamo più volte se l’immobile era privo di vincoli, vizi, sanatorie in corso ecc…L’agente immobiliare ci rassicura dicendo che tutto era a posto. Firmiamo e la proposta viene accettata dal venditore; lasciamo un assegno di 2000 euro come caparra confirmatoria. Il compromesso era stato fissato 20 giorni dopo. Due settimane dopo insieme all’agente immob. torniamo a vedere l’abitazione per parlare anche con il proprietario il quale in quell’occasione ci porta a conoscenza che vi è una sanatoria in corso per degli abusi edilizi esterni (un locale lavatoio, un muro divisorio) e interni (da regolarizzare con DIA). A quel punto,dopo aver chiesto parere ad un notaio (che sconsigliava l’acquisto) decidiamo di non voler più comprare quell’abitazione e di riavere indietro l’assegno in quanto riteniamo che la proposta di acquisto sia da ritenersi nulla per aver taciuto i vizi esistenti e ben conosciuti dall’agente imm. come egli stesso successivamente ammette ma che non ritiene rilevanti ai fini dell’impegno contrattuale assunto con la prop. d’acquisto. Rilevanti invece per noi perchè dovendo chiedere un mutuo per l’acquisto la banca ci aveva informato che non ce lo avrebbe erogato. Lo stesso si rifiuta e pretende la provvigione e nonostante diffida legale conserva l’assegno circ. NT che si doveva versare al compromesso (saltato in quanto la sanatoria è ancora in atto). Dopo 5 mesi stiamo ancora aspettando.E’ legittima secondo un vs. parere la nostra richiesta? Che speranze abbiamo anche in vista di un contenzioso legale? Grazie per la risposta

    Risposta
    • 3 novembre 2010 in 12:04
      Permalink

      gentile Francesca, avete tutti i diritti per pretendere la restituzione dell’assegno e come voi ha diritto l’agente immobiliare a riscuotere la provvigione in quanto il suo lavoro è concluso (la parte acquirente è stata portata a conoscenza dell’accettazione della proposta). La parte inadempiente è il venditore che ha sottoscritto un contratto nel quale garantisce la rgolarità urbanistica dell’immobile, pertanto a voi spetta la restituzione dell’assegno e la risoluzione del contratto per inadempienza del venditore che dovrà sostenere le spese di mediazione.
      questo è quanto emerge dalla vostra descrizione, saluti

      Risposta
  • 31 ottobre 2010 in 10:23
    Permalink

    Gentile Avvocato, in data 9 ottobre 2009 ho firmato un contratto per incarico di vendita della mia abitazione della durata di un anno. Il modulo prestampato è stato compilato,dalla titolare dell ‘agenzia,in mia presenza ma senza il rilascio di una copia.Per mia negligenza ne richiedo la copia solo a pochi giorni dalla scadenza del contratto e mi accorgo che il modulo non è stato firmato dall’agente ed è stata aggiunta una clausola di cui non ero stata avvertita che Le cito testualmente “Il presente incarico si rinnoverà di pari periodo se non perverrà raccomandata entro 30 gg dalla scadenza”.La casa non viene venduta nonostante le numerose visite e io decido che non sono più interessata alla vendita poichè ho nuovi progetti.In data 12-10-2010 viene una coppia che dopo qualche giorno richiede all’agente una seconda visita in data 16-10-2010.Nel frattempo si accordano con l’agente consegnandole un assegno di 10,000 euro e contestualmente avviso l’agente che non desidero più vendere e lo comunico con raccomandate R/R.Vengo invitata presso il suo studio dove mi vengono presentate 2 lettere: N°1 VENDO N°2 se NON VENDO le devo corrispondere circa 15,000 euro derivanti dalla provvigione che le avrei pagato io più quella dei potenziali acquirenti più il mancato guadagno che la banca le corrisponde ad ogni mutuo stipulato presso la stessa.Ora le chiedo:N°1 è valido un contratto firmato solo da me e non dall’agente? N°2 è possibile aggiungere clausole in un secondo tempo?(verificabile dalla calligrafia) n°3 pur sapendo di doverle corrispondere un compenso per il lavoro svolto è giustificata tale cifra?Mi scuso per la prolissità del messaggio e la ringrazio se mi vorrà rispondere.

    Risposta
  • 1 novembre 2010 in 09:02
    Permalink

    buongiorno avvocato. le sottopongo la mia situazione. tramite un amico abbiamo saputo che nel suo viale c’era un appartamento in vendita da privato.
    dato che ci eravamo già rivolti a 2-3 agenzie per la ricerca di un appartamento da acquistare, casualmente una di queste ci ha fatto visionare l’immobile, prima che noi avessimo l’opportunità di visionarlo privatamente.
    ora, nella stessa giornata anche un’altra agenzia immobiliare ci ha fatto visionare lo stesso appartamento.
    il proprietario ha firmato un contratto di tre mesi senza esclusiva (infatti il cartello fuori dall’appartamento ha indicato il telefono del venditore privato,) solo con la seconda agenzia.
    data questa situazione è possibile acquistare regolarmente da privato l’immobile senza incorrere in qualche situazione spiacevole con le agenzie? in fondo noi ne eravamo già a conoscenza dell’immobile in vendita, ma di fatto il primo a farcela visionare è stato un agente, senza mandato firmato.
    grazie molte
    buona giornata

    Risposta
    • 3 novembre 2010 in 11:59
      Permalink

      Buongiorno Vero, il comportamento corretto sarebbe stato il seguente:
      una volta arrivati davanti all’abitazione co la prima agenzia dovevate informare l’agente che stavate prendendo contatti diretti con il proprietario e quindi non dovevate proseguire con la visita.
      La seconda volta poi avreste dovuto informare il secondo agente che avevate già visionato l’immobile, in questo caso, se siete interessati all’appartamento e lo avete visionato con 2 agenzie diverse, sareste obbligati a corrispondere 2 provvigioni, saluti

      Risposta
  • 2 novembre 2010 in 17:59
    Permalink

    Buongiorno,
    ho visionato un immobile trovato su internet con agenzia a 330 mila euro. Chiedo margine di trattativa e mi rispondono qualcosina.per noi era fuori budget e con valutazione eccessiva da parte dell’agenzia.Passa qualche giorno e vedo immobile su internet a 319. L’agenzia si fa viva chiedendo se ero ancora interessata, ci vediamo. La nostra offerta è ancora lontana dal prezzo richiesto,all’ultimo l’agenzia dice che avrebbe fatto un tentativo con i proprietari. Spariscono nuovamente e nel frattempo, dopo 1 sett.vedo stesso immobile su internet con altra agenzia a 300 mila.posso andare a vederlo con qs nuova agenzia e fare la mia proposta senza incorrere in penali?(ho firmato un foglio per presa visione della piantina con la prima agenzia).Grazie

    Risposta
    • 3 novembre 2010 in 11:55
      Permalink

      gentile Viola, lei ha già intrapreso una trattativa con la prima agenzia, pertanto il comportamento da tenere è proseguire con questa, nel caso in cui si rivolga ad un’altra agenzia e chiuda con loro la compravendita, dovrà corrispondere la provvigione anche alla prima. Teniamo a precisare che il prezzo è sempre stabilito dai proprietari, pertanto difformità di prezzo nelle agenzie immobiliari sono spesso dovute a errate o mancate comunicazioni da parte dei proprietari stessi, saluti.

      Risposta
  • 4 novembre 2010 in 19:25
    Permalink

    Buongiorno,
    nel mese di Giugno ho dato mandato in esclusiva ad una agenzia immobiliare (12 mesi), fidandomi di questi (essendo stato accompagnato da un amico), ed è per questo che non ho neanche richiesto copia del mandato, in quanto la firma (da come mi aveva detto l’agente) doveva servire solo a tutelare l’agenzia da eventuali controlli a seguito della pubblicazione delle foto e che non era un mandato in esclusiva.
    Trovata una nuova abitazione, che sarà pronta a Gennaio del 2012, ho avvisato l’agente immobiliare della non disponibilità immediata del mio appartamento così abbiamo concordato la revoca del mandato “Io sottoscritto Di Fazio Emanuele codice fiscale….. revoco il mandato per motivi di salute…” questa revoca è stata firmata solo da me (mentre il mandato porta la firma anche di mia moglia) e dall’agente immobiliare.
    Vorrei sapere se questa revoca è valida e, nel caso in cui lo fosse, se devo corrispondere delle penali anche se non menzionate nella lettera.
    Ci tenevo a precisare che il tutto è stato pilotato dall’agente immobiliare, diversamente io avrei lasciato attivo il mandato,
    saluti Emanuele.

    Risposta
  • 5 novembre 2010 in 20:15
    Permalink

    Grazie per la gentile risposta.
    Vorrei precisare che ho visitato lo stesso immobile più volte in quanto dalla pubblicità delle prime due agenzie non si poteva capire se si trattava dello stesso appartamento.Mi sono rivolto più tardi alla terza,come ho detto,dato il prezzo molto più interessante per me (probabilmente il proprietario non riuscendo a vendere ha abbassato la rischiesta).
    Non è chiaro tuttavia, dalla Sua risposta,se la provvigione andrà DIVISA tra le agenzie coinvolte e si deve calcolare sul prezzo effettivamente concordato per l’acquisto.Esiste,in casi simili una regolamentazione precisa o si tratta di consuetudini?Ho sentito dire che talvolta le diverse agenzie arrivano ad azioni legali tra loro per vedersi riconoscere i loro diritti.Grazie

    Risposta
    • 24 novembre 2010 in 19:06
      Permalink

      gentile Lorenzo, la provvigione spetta a tutte le agenzie intervenute, ciascuna per un importo pari agli usi e consuetudini depositati presso la camera di commercio della provincia, saluti.

      Risposta
  • 9 novembre 2010 in 17:43
    Permalink

    Buongiorno, ho visionato appartamento con agenzia ma non ho firmato nilla. Il proprietario di casa è poi risultato mio conoscente e anche lui non aveva dato nessun mandato all’Agenzia ne firmato nulla. Io ho poi trattato privatamente ed acquistato tale abitazione. Ora mi vedo arrivare x posta lettera di un avvocato della agenzia immobiliare che chiede la commissione a me e al vecchio proprietario….. devo pagare obbligatoriamente? Grazie

    Risposta
  • 11 novembre 2010 in 11:53
    Permalink

    buon giorno, non vorrei agire scorrettamente e il mio quesito e’ questo:
    1)ho messo in vendita la mia casa circa 8 mesi pubblicandola su internet e alcuni agenzie mi hanno contattato ma non volevo dare l’esclusiva a nessuno dicendo che potevano farla visionare comunque…
    2)visto che non si muoveva niente un mese faì ho dato l’esclusiva ad un’agenzia.. il quesito e’ questo:
    posso comunque fare venire le vecchie agenzie con i loro potenziali clienti? E’ scorretto? e’ chiaro che se va in porto con loro dovro’ pagare la penale all’agenzia in esclusiva.

    Risposta
  • 15 novembre 2010 in 23:27
    Permalink

    Buona sera
    vorrei avere un aiuto
    circa dieci mesi fa io e mia moglie abbiamo visionato una casa e fatto una proposta tramite agenzia, la proposta era a mio nome.La trattativa non e’ andata a buon fine .Circa un mese fa ho incontrato per caso il padrone di casa dell’ appartamento a cui eravamo interessati che mi ha confidato di non averlo venduto piu’ ( la procura dell’ agenzia e’ appena scaduta) e che e’ intenzionato ad una trattativa privata.
    Se intesto tutto a mia miglie , visto che la prima proposta era a nome mio , rischio ugualmente la penale ????
    grazie mille

    Risposta
    • 24 novembre 2010 in 19:00
      Permalink

      Gentile Michele, l’agenzia potrà richiederle il pagamento della mediazione, in quanto sarà facilmente dimostrabile che lei andrà a risiedere in quell’immobile, pertanto le consigliamo di rivolgersi nuovamente alla stessa agenzia, saluti.

      Risposta
  • 19 novembre 2010 in 01:31
    Permalink

    Buon giorno,ho visionato un appartamento tramite agenzia che però non mi ha fatto firmare nessun foglio-visita. L’agenzia non ha l’esclusiva.
    L’agenzia aveva anche detto la percentuale della sua provvigione ma,in sede di trattativa,ha parlato di un importo fisso(3000,00 € più IVA)e non più del 2%(a me più conveniente). Posso comprare direttamente dal costruttore o pretendere che l’agenzia rispetti gli accordi(orali) presi precedentemente rigurdo l’ammontare della provvigione? Grazie,Daniela.

    Risposta
    • 24 novembre 2010 in 18:48
      Permalink

      buongiorno Daniela, che lei acquisti o no tramite questa agenzia, questo non cambia rispetto ai suoi obblighi di legge nei confronti dell’agenzia stessa, pertanto tratti l’importo a titolo di provvigione, saluti.

      Risposta
  • 23 novembre 2010 in 20:49
    Permalink

    Buonasera,volevo porvi un quesito.Un agenzia immobiliare mi ha procurato un probabile acquirente,(premetto che la medesima si é “presa” sotto mio consenso verbale la facolta’ di poterla proporre in giro);a ‘sto punto in caso di lieto fine dell’affare devo qualcosa anch’io all’ a.i. o la parcella di mediazione spetta solo a chi compra.In attesa di una vostra (per quanto solerte)risposta Vi ringrazio fin d’ora

    Risposta
    • 24 novembre 2010 in 18:04
      Permalink

      Buongiorno Enrico, la risposta è si, nel caso in cui l’affare vada a buon fine lei dovrà corrispondere l’importo pattuito all’agente immobiliare a titolo di provvigione, idem la parte acquirente, saluti.

      Risposta
  • 27 novembre 2010 in 11:34
    Permalink

    Un’agenzia sta pubblicizzando il mio immobile senza mia autorizzazione, avendola vista una volta con il pretesto di portarmi un cliente interessato. Il prezzo che pubblicizzano è più alto di quanto non accetterei direttamente dall’acquirente. Mi hanno addirittura dato appuntamento per vedere la mia stessa casa, tra l’altro, descrivendomela in un modo che trovo non adeguato. Posso tutelarmi e/o richiedere danni per la loro interferenza?

    Risposta
    • 29 novembre 2010 in 12:39
      Permalink

      Ciao David, puoi andare in agenzia revocando il mandato.

      Risposta
  • 30 novembre 2010 in 23:17
    Permalink

    Gentile Avvocato,
    vorrei sottoporLe una domanda: ho fatto una proposta irrevocabile d’acquisto per acquistare un appartamento in data 26 Novembre; in data 28 novembre il venditore ha compilato una dichiarazione di controfferta.

    Mi sono fatta consegnare copia della controfferta firmata dal venditore che è difforme per la cifra ed i termini di consegna dell’immobile.

    La proposta irrevocabile da me fatta decade in automatico se non accetto la controfferta o devo aspettare la scadenza dei termini’.
    Certa di una Sua cortese risposta, Le invio Cordiali Saluti

    Risposta
  • 1 dicembre 2010 in 02:08
    Permalink

    Buona sera, mi chiamo Nicoletta….ho incaricato un agenzia alla vendita di una casa lasciatami in eredità insieme ad altre sorelle di discreto valore. Quello che vorrei sapere è questo: E’ normale che l’agenzia che ha in esclusiva la casa mi chieda le spese per un geometra richiesto da un potenziale acquirente per alcune verifiche a cui l’agenzia non sa rispondere.. Nel contratto leggo che avendo dato l’esclusiva, l’agenzia si impegna a non farsi rimborsare eventuali spese per portare a termine la trattativa.
    Grazie se potra’ avrei bisogno di una risposta in poco tempo.
    Un saluto.

    Risposta
    • 1 dicembre 2010 in 12:05
      Permalink

      Buongiorno Nicoletta, in questo caso fa fede quello che lei ha sottoscritto nel contratto di esclusiva.

      Ciao

      Risposta
    • 1 dicembre 2010 in 18:14
      Permalink

      gentile Nicoletta, fa fede quello che ha sottoscritto nel contratto di mandato di vendita. saluti

      Risposta
  • 1 dicembre 2010 in 14:12
    Permalink

    Gnt.mo Avv.
    in data 27 maggio 2010 ho dato l’incarico in semiesclusività ad un agenzia per vendere il mio appartamento. Avendo in seguito avuta la percezione che quell’agenzia non era all’altezza dell’incarico in data 24 giugno 2010 ho contattato un’altra agenzia dicendo loro che però avevo gia dato incarico alla precedente. Alla risposta che non c’erano problemi ho incaricato quest’ultima di procedere in esclusività. Dopo l’estate ho avuto una proposta di acquisto dalla prima che ho accettato. La seconda mi ha fatto qualche giorno prima della scadenza dell’incarico una proposta in ribasso da me rifiutata.1° domanda: devo corrispondere la provvigione anche a quest’ultima? 2° domanda: posso chiedere copia della proposta?
    Cordialmente.

    Risposta
    • 1 dicembre 2010 in 18:00
      Permalink

      Ciao Stefano, cosa intendi per semiesclusività? il mandato o è esclusivo o non esclusivo.. Comunque devi controllare il contratto da te sottoscritto con la seconda agenzia, generalmente il contratto di esclusiva prevede delle penali nel caso l’immobile venga venduto privatamente o tramite altri canali.

      Risposta
  • 1 dicembre 2010 in 15:49
    Permalink

    Gentile Avvocato,
    vorrei sottoporLe una domanda: ho fatto una proposta irrevocabile d’acquisto per acquistare un appartamento in data 26 Novembre; in data 28 novembre il venditore ha compilato una dichiarazione di controfferta.

    Mi sono fatta consegnare copia della controfferta firmata dal venditore che è difforme per la cifra ed i termini di consegna dell’immobile.

    La proposta irrevocabile da me fatta decade in automatico se non accetto la controfferta o devo aspettare la scadenza dei termini’.
    Certa di una Sua cortese risposta, Le invio Cordiali Saluti

    Risposta
    • 1 dicembre 2010 in 17:47
      Permalink

      Ciao Chiara, la proposta irrevocabile decade allo scadere dei temini da te inseriti al momento della sottoscrizione.

      Ciao

      Risposta
  • 3 dicembre 2010 in 02:42
    Permalink

    Gentilissimo Marco sono Nicoletta, la signora che ha mandato il messaggio il 1 dicembre numerato 190.
    Dopo aver mandato un messagio all’agenzia dicendogli che dopo essermi informata in base a quanto scritto sul contratto non dobbiamo essere noi a pagare il geometra..questo è quanto mi ha risposto..ma puo’ essere valida? Se io devo pagare paghero’ ma mi sembra ingiusto..ecco quanto mi risponde:

    allora Nicoletta dimmi,è stata usata tutta la cubatura nella casa? il piano sottoposto ha l’abitabilità? che altezza ci vuole per avere l’abitabilità? il certificato energetico che il proprietario deve esibire dal notaio?ecc ecc……fammi parlare con l’avvocato,con l’agente immobiliare,le spese non le devi dare a me ma al geometra che sta facendo le indagini per conto vostro obbligatorie per una eventuale vendita ok?? siete 4 eredi e penso che la spesa va divisa x quattro per quel che mi riguarda,se poi non volete rinunciamo alla eventuale vendita,fatemelo sapere ok?….
    Chi ha ragione?

    Risposta
    • 3 dicembre 2010 in 12:16
      Permalink

      Gentile Nicoletta, lei ha l’obbligo in qualità di venditore di garantire la conformità urbanistica del bene messo in vendita; lei pertanto al momento in cui ha dato mandato all’agenzia avrebbe dovuto consegnare loro i seguenti documenti:
      -Atto di provenienza (contratto o successione che attesta la proprietà del bene)
      -Planimetria catastale
      -Certificato di abitabilità la dove presente
      -Certificazioni di conformità degli impianti la dove esistenti.
      Avrebbe dovuto informare inoltre l’agente immobiliare della presenza o meno di abusi edilizi o difformità urbanistiche.
      L’agente una volta effettuato il sopralluogo presso l’abitazione e consultati i documenti sopra elencati avrebbe dovuto segnalarle le difformità riscontrate o presunte. L’agente avrebbe dovuto informarla su tutti gli obblighi spettanti alla parte venditrice primo fra tutti garantire la conformità urbanistica. Se ci sono difformità sull’immobile lei è obbligata a sanarle a sua cura e spese ma ha il diritto di incaricare un professionista di sua fiducia e concordare con lui l’onorario di sua spettanza. L’agente immobiliare pertanto non può imporle la scelta di un tecnico (geometra o architetto abilitati) ne tantomeno il rimborso di spese sostenute per suo conto per le quali lei non ha incaricato personalmente nessuno.
      Riguardo al certificato energetico è obbligata a fornirlo in sede di rogito notarile e non prima, il costo medio applicato dai professionisti del settore per la redazione del suddetto certificato è di circa 400 euro.

      Saluti

      Risposta
  • 3 dicembre 2010 in 13:16
    Permalink

    Buongiorno,
    è scaduto il mandato con l’agenzia alla quale ho affidato la casa.
    L’agente mi ha portato un potenziale acquirente, il quale ha saputo che il mandato è scaduto e vuole acquistare privatamente da me.
    L’acquirente non ha firmato nulla in agenzia.
    Nel contratto che ho firmato c’è una penale del 2% che dovrei riconoscere qualora l’acuisto anche a mandato scaduto lo faccia una persona portata dall’agenzia.
    Questo vale anche se l’ha portato fuori mandato e questi nn ha firmato nulla ?
    Grazie

    Risposta
    • 3 dicembre 2010 in 13:25
      Permalink

      Buongiorno Cristina, se il potenziale acquirente le è stato presentato dall’agenzia dovete entrambi corrispondere all’agenzia immobiliare il compenso di mediazione indipendentemente dalla scadenza del mandato esclusivo.

      Saluti

      Risposta
    • 10 dicembre 2010 in 12:23
      Permalink

      buongiorno Cristina, mi associo a quanto le ha indicato Marco, non ha alcun significato il fatto che sia scaduto il mandato perchè nei fatti, lei ha permesso che la visita venisse effettuata e pertanto ha dato il consenso all’agente di accompagnare questo probabile cliente, pertanto sia lei, sia la parte acquirente siete obbligati a corrispondere all’agente la provvigione di sua spettanza nel caso in cui l’affare venga concluso (vedi articolo 1754 c.c.).
      saluti

      Risposta
  • 3 dicembre 2010 in 14:52
    Permalink

    la ringrazio moltissimo..lei mi è stato molto utile.
    Nicoletta

    Risposta
  • 9 dicembre 2010 in 12:58
    Permalink

    Anche se presentato fuori mandato ?
    (noi nn dobbiamo corrispondere nulla, ma solo l’acquirente con quest’agenzia)
    Grazie sig. Marco

    Risposta
  • 13 dicembre 2010 in 16:58
    Permalink

    Grazie per l’aiuto.
    Siete stati gentilissimi ed efficenti!

    Risposta
  • 14 dicembre 2010 in 10:32
    Permalink

    Buongiorno,
    Volevo un informazione, io stò vendendo l’appartamento e più di un agenzia lo ha pubblicizzato senza esclusiva…Circa un mese e mezzo fa una coppia è venuto tramite un agenzia (la quale li ha trattati male, mandando una persona totalemnte incompetente che non aveve mai visto l’immobile e non sapeva niente, non dando planimetrie anche perché l’unica cosa che ha questa agenzia sono 2 foto senza altri dati)e fin qui tutto ok, ma il probelma è che sebbene contatti telefonici e mail non hanno firmato nessuna visita.Premettiamo che non ho nulla in contrario a riconoscere la provigione a questa angenzia, ma in questo caso questi possibili acquirenti potrebbero trattare direttamente con me saltando l’agenzia visto che non hanno nessua firma con loro?

    Risposta
    • 15 dicembre 2010 in 18:54
      Permalink

      Gentile Nihal, non è la prima a porci questo quesito, ma ribadiamo che il lavoro dell’agenzia è quello di mettere in contatto le parti e questo è regolamentato dal codice civile. Se il comportamento dell’incaricato dell’agenzia non è di suo gradimento è un suo diritto farlo presente al titolare dell’agenzia stessa, ma questo non la esonera dal dover riconoscere la provvigione che spetta all’agenzia nel caso in cui l’affare venga concluso tra lei e questi acquirenti. saluti

      Risposta
  • 16 dicembre 2010 in 11:29
    Permalink

    Buongiorno,
    mi trovo in conflitto con una agenzia e con mio cognato ho pubblicato l’annuncio di vendita della casa di un mio amico che vende il suo appartamento nella città dove abito io ma lui abita altrove a questo annuncio mi si è presentata una agenzia immobiliare che visto l’appartamentomi ha chiesto di firmare con il mio nome e cognome il mandato dicendomi che era solo un documento che attestava il fatto di avere le chiavi per far visionare l’appartamento e poterlo vendere sul loro sito con relative foto.

    Ora con l’inganno hanno l’esclusiva e non riuscendo a venderlo vogliono la provvigione dicendo che gli faccio concorrenza con annunci a prezzo più bassi e che tento di venderlo senza di loro (ma mi avevano detto che quello firmato non era il mandato mentre ora dicono di si in effetti visionandolo lo è e scade il 30/03/2011).
    In conclusione la mia domanda è questa: avendo io firmato pur non essendo proprietaria il mandato è comunque valido?
    Se si possono loro chiedermi la provvigione se non riescono a venderlo o farmi causa per sleale concorrenza?
    Grazie, saluti.
    Loredana

    Risposta
    • 20 dicembre 2010 in 19:45
      Permalink

      Il contratto non è valido in quanto lei avrebbe dovuto presentare delega del proprietario dell’immobile. Nulla spetta all’agenzia, ma le consigliamo comunque di far inviare una lettera sottoscritta dal proprietario all’agenzia stessa che gli impedisce di pubblicizzare e lavorare sul suo immobile e chiede la restituzione delle chiavi a sue mani, saluti

      Risposta
  • 16 dicembre 2010 in 12:36
    Permalink

    Buon giorno,
    volevo spiegare la mia situazione: “Il giorno 17/05/2010 io e mio marito abbiamo deciso di mettere in vendita il nostro alloggio presso un’agenzia dandogli l’esclusiva. Sul contratto era anche scritto che noi dopo la vendita avremmo preso 6 mesi di tempo per cercare un’altra casa. Il 27/09/2010 abbiamo ricevuto una proposta sul quale era scritto che al momento della firma ci avrebbero versato 2000 euro e al momento dell’accetazione mutuo ce ne avrebbero dati un’altra parte e al momento dell’atto notarile ci avrebbero dato la cifra finale. Ci era stato detto che gli acquirenti avevano una certa fretta nell’acquistare l’alloggio perchè avevano già venduto il loro e che quindi il 31/01/2011 avremmo fatto l’atto (non rispettando più i 6 mesi) perchè loro avevano fretta e la cifra che ci davano era buona (secondo loro) perchè noi abitiamo in una palazzina che ha 2 anni di vita e che in ogni caso non potevamo guadagnarci. Poi è successo che per 3/4 volte è stata spostata la data dell’approvazione mutuo agli acquirenti (così ci è stato detto) però la data dell’atto rimaneva invariata. Noi sapevamo che nel giro di 2 mesi non saremmo riusciti a comprare un’altra casa allora abbiamo deciso di prolungare l’atto al 28/02/2011. La mia domanda è: Noi abbiamo accettato la proposta ma la caparra l’ha trattenuta l’agenzia e sono passati 2 mesi per la loro approvazione che fino ad oggi non sappiamo come sta procedendo e sinceramente io e mio marito ci siamo rotti le scatole di andare sempre in agenzia a chiedere e non avere mai risposte quindi non vogliamo più vendere. Possiamo lasciare le cose così come stanno e chiedere il doppio della caparra che ci avrebbero dovuto dare? Oppure cosa possiamo fare?
    Rispondete al più preso per favore
    Grazie Giusy

    Risposta
    • 20 dicembre 2010 in 19:44
      Permalink

      gentile Giusy, il doppio della caparra non vi spetta in nessun caso, se volete risolvere il contratto dovrete proporre un incontro presso l’agenzia e sottoscrivere insieme alla parte aquirente una risoluzione per mutuo consenso. L’importo versato di € 2.000 può essere trattenuto solo se corrisposto a titolo di caparra o acconto prezzo. saluti

      Risposta
  • 21 dicembre 2010 in 18:31
    Permalink

    Buonasera,
    volevo delucidazioni in merito a questo quesito: sono l’acquirente di un immobile il cui preliminare è stato firmare a fine maggio 2010, la stipula era concordata per il 30 settembre 2010 ma il venditore alcuni giorni prima delle stipula ha chiamato l’agenzia che non poteva più vendere il suo immobile perchè la banca non gli concedeva più il mutuo (a sua volta doveva acquistare un altro immobile). Ci siamo rivolti ad un legale che ci ha assicurato che per legge ci spetta il doppio della caparra; il mio quesito era perlopiù però per le spese di agenzia perchè l’agenzia mi ha risposto che siamo noi che dobbiamo rivalerci sul venditore perchè oltre al doppio della caparra dobbiamo chiedere al venditore anche tali spese d’agenzia da noi sostenute; ma l’agenzia non avendo portato a termine il suo lavoro (in definitiva l’immobile non possiamo acquistarlo) non dovrebbe restituirci quanto avevevamo dato e casomai sempre l’agenzia rivalersi sul venditore? Vi ringrazio e spero di essere stata chiara.

    Risposta
  • 28 dicembre 2010 in 23:54
    Permalink

    Buongiorno, abbiamo visionato una casa tramite un’agenzia, quindi è stata fatta una proposta d’acquisto, ma senza firmarla, ne lasciando una caparra. Dopo un mese abbiamo acquistato tale casa da un’altra agenzia.
    Passati 9 mesi, la prima agenzia viene a sapere del nostro acquisto, ed ora tramite il loro avvocato, chiede la provvigione. Possiamo opporci?
    Gazie

    Risposta
    • 21 gennaio 2011 in 18:57
      Permalink

      No Roberto, l’agenzia ha diritto alla provvigione, saluti

      Risposta
  • 3 gennaio 2011 in 22:56
    Permalink

    Gent.mo Avvocato,
    a gennaio 2010 ho dato incarico ad una agenzia di vendere la mia casa. Al termine dell’incarico (6 mesi) mi hanno mandato una lista con i nomi delle persone che avevano visitato l’appartamento. Adesso ho messo in vendita l’appartamento privatamente e mi ha contattato una coppia che quando è venuta a visitare la casa mi ha detto di averla già vista con l’agenzia ma che quando li avevano richiamati (il mandato era già scaduto)questi gli hanno risposto che l’appartamento era già stato venduto (addirittura loro pensavano che si trattasse di un altro immobile nel medesimo stabile). A questo punto, se dovessi concludere con queste persone, devo in ogni caso corrispondere la provvigione all’agenzia dal momento che i probabili acquirenti sono venuti a conoscenza che l’immobile è ancora in vendita grazie all’annuncio che ho pubblicato io privatamente? Esiste un tempo massimo oltre il quale questo vincolo decade?
    Grazie,
    Saluti. Laura

    Risposta
    • 21 gennaio 2011 in 18:49
      Permalink

      Il diritto alla provvigione si prescrive in un anno, nel suo caso, l’agenzia ha diritto alla mediazione, saluti

      Risposta
  • 4 gennaio 2011 in 22:01
    Permalink

    Buongiorno è vero che per legge un contratto di vendita con un’agenzia immobiliare non può superare i 6 mesi di mandato? Se sì, posso disdire questo contratto senza incorrere al pagamento della penale?
    Grazie saluti
    Gianfranco

    Risposta
    • 21 gennaio 2011 in 18:48
      Permalink

      Non ci risulta nessun tipo di “legge”in merito, saluti

      Risposta
  • 20 gennaio 2011 in 21:49
    Permalink

    Chiamando un’agenzia per avere info su una casa (agenzia che ha solo il mio nome, non cognome, e numero di telefono da precedenti contatti informativi su altri immobili) intuisco subito che già la conosco, quindi dico subito all’agenzia di non essere interessata.
    Ora: se cambiassi idea e comprassi la casa privatamente (il proprietario non ha dato l’esclusiva), l’agenzia, solo per avermi descritto telefonicamente la casa, potrebbe rivalersi facendomi pagare la sua percentuale? Io ne dubito dato che la casa con l’agenzia non l’ho mai vista, non ho mai firmato nulla, e oltre al contatto telefonico non c’è stato altro.

    Risposta
    • 21 gennaio 2011 in 18:15
      Permalink

      da quello che ci dice, l’agenzia non può vantare alcun diritto alla provvigione. saluti

      Risposta
  • 22 gennaio 2011 in 13:32
    Permalink

    Gentile Avvocato, vorrei una risposta in merito a un quesito posto anche da altri ma a cui non ho letto una risposta precisa o per lo meno da me di facile comprensione. Visonando una casa con un’agenzia e non acqistandola nè firmando alcunchè (fogli visita, proposte d’acquisto), c’è un tempo oltre il quale poi si può comprare lo stesso immobile direttamente dal privato senza dover pagare l’agenzia? Oppure, anche dopo 10 anni sarò sempre costretto a pagare la provvigione? Una volta che si vede una casa con l’agenzia non si potrà mica esserle legate a vita! O sbaglio?

    Risposta
  • 31 gennaio 2011 in 13:15
    Permalink

    Gentile Avvocato, avrei un dubbio, domani ho un appuntamento con il broker ,per fare una proposta di mutuo (senza avere ancora trovato casa), è una cosa legale? se in tal caso non dovessi trovare una casa adatta con l’agenzia in questione , devo pagare qualche penale?? grazie per la gentile risposta
    Cordiali Saluti

    Risposta
  • 31 gennaio 2011 in 22:19
    Permalink

    Gentile Avvocato,sto vendendo casa tramite agenzia e anche privatamente con due acquirenti diversi.Dal privato ho avuto un offerta maggiore rispetto a quella dell’agenzia,ma i tempi per il rogito sono lunghi ed ho fretta di vendere.Gli acquirenti che mi ha portato l’agenzia mi hanno contattato privatamente subito dopo aver visionato l’immobile.Comprerebbero la casa allo stesso prezzo di quello che mi ha offerto il privato con dei tempi più consoni alle mie esigenze.Sono disposti a comprare a patto che l’agenzia gli abbassi la provvigione per compensare la differenza.L’agenzia si rifiuta e quindi rischio di perdere questo cliente.In questo caso posso vendere l’immobile allo stesso acquirente privatamente?….Cordiali saluti Andrea

    Risposta
  • 1 febbraio 2011 in 20:48
    Permalink

    Ho messo in vendita un appartamento tramite agenzia ma ora voglio ritirarmi. Devo pagare una penale? Se si a quanto ammonta?

    Risposta
  • 1 febbraio 2011 in 23:33
    Permalink

    Buonasera,
    volevo sapere se sono obbligata a far fare le foto alla mia casa ( da me abitata) dal tecnico della banca che dovrà concedere il mutuo agli acquirenti??
    Non viene così violata la mia privacy?Ad esempio ho foto ed oggetti personali essendo ancora abitata da me…posso dunque rifiutarmi??
    Ringrazio chiunque mi darà una risposta e mi indicherà anche la legge da citare.
    Distinti saluti

    Risposta
  • 2 febbraio 2011 in 13:24
    Permalink

    Buongiorno Avvocato,
    ho letto la maggior parte dei commenti per cui indicativamente la risposta purtroppo già la conosco, ma volevo comunque porLe il mio caso per alcune particolarità differenti dagli altri casi visionati.
    Ad agosto 2010 la mia ragazza visiona un appartamento con un’Agenzia firmando il foglio di presa visione, il prezzo proposto di € 240.000+ commissione è troppo alto e pertanto rinunciamo subito dopo.
    A distanza di 8 mesi noto che il propietario ha messo il cartello vendesi in quanto gli è scaduto il mandato con l’agenzia e ha deciso di rivenderlo privatamente.
    Lo chiamo e la nuova proposta di € 200.000 ci sembra soddisfacente.
    In tutta onestà io non è che voglia fregare l’agenzia che 8 mesi prima aveva fatto vedere l’appartamento alla mia ragazza, ad oggi acquisterei l’appartamento semplicemente perchè 200.000 euro non sono certo 240.000!la ragione fondamentale è che a distanza di 8 mesi sono notevolmente cambiate le condioni economiche!!
    Non avendo io visionato l’appartamento con l’agenzia ed intestandomi l’immobile e non avendo al momento alcun vincolo di parentela con la mia ragazza, l’agenzia può rivalersi su di me?
    Nel caso in cui la risposta sia “si deve pagare l’agenzia sia lei che il proprietario” questo significa che paradossalmente se quella casa me l’avesse venduta a 100 euro io avrei dovuto comunque corrispondere la provviggione all’agenzia?voglio dire dov’è la concorrenza in questo mercato immobiliare?
    Nel ringraziarLa anticipatamente per la disponibilità Le porgo i miei cordiali saluti.

    Risposta
  • 8 febbraio 2011 in 16:35
    Permalink

    Buonasera, io ho sottroscritto un’incarico di vendita in esclusiva con un’agenzia immobiliare, la cosa strana è che nel contratto non è stata scritta la provvigione da pagare in caso di vendita, e soprattutto la penale è del 100 %… Domanda: ma il 100% di che cosa, visto che la provvigione non è stata citata! Volevo sapere se in questo caso l’incarico di vendita si può ritenere nullo!
    Aspetto vostre notizie, buona giornata.

    Risposta
    • 21 febbraio 2011 in 18:56
      Permalink

      No Marco, l’incarico è comunque valido, la penale probabilmente ha il significato che, anche nel caso in cui lei trovasse da vendere l’immobile privatamente, dovrebbe corrispondere all’agenzia, la provvigione. saluti

      Risposta
  • 8 febbraio 2011 in 21:50
    Permalink

    Gentile Avvocato ancora un quesito.
    L’agenzia ha in mano appartamenti e casette di un medesimo costruttore. Ho visto e firmato il foglio visita per 1 appatrtamento (non di mio gusto), ma le casette con l’agenzia non le ho mai viste nè firmato alcunchè (le casette si trovano vicine all’ appartamento). Volessi vederle col costruttore e magari decidere per l’acquisto, dovrei pagare la provvigione all’agenzia con la quale ho visto solo l’appartamento?
    Grazie mille.

    Risposta
    • 21 febbraio 2011 in 18:56
      Permalink

      si Laila, trattandosi di un cantiere, l’agenzia è stato il “mezzo” che l’ha messa in contatto con il cantiere stesso, saluti

      Risposta
  • 17 febbraio 2011 in 10:04
    Permalink

    Ho firmato una proposta d’acquisto vincolata al mutuo in agenzia per l’acquisto della prima casa , ho inoltrato richiesta in banca , hanno fatta la perizia l’ho pagata , ma adesso mia moglie ha individuato un’altra casa che piace di più cosa posso fare e se si può fare qualcosa per annullare la prima richiesta in agenzia e in banca?
    grazie

    Risposta
    • 21 febbraio 2011 in 18:27
      Permalink

      Gentile Domenico, consigliamo sempre, prima di sottoscrivere un contratto, di essere ben sicuri di quello a cui si va incontro. Lei si è impegnato ad acquistare un immobile, pertanto, la parte venditrice, se si verificheranno tutte le condizioni che sospendono gli effetti del contratto (mutuo), potrà obbligarvi a procedere con l’acquisto. saluti

      Risposta
  • 21 febbraio 2011 in 22:54
    Permalink

    Salve, ho messo in vendita il mio appartamento tramite un Agenzia Immobiliare. A fine mandato ho inviato una raccomandata per non rinnovare il mandato nei tempi previsti. Dopo 15 giorni ho chiesto la lista dei possibili acquirenti che hanno visionato la casa, mi e’ stato risposto che la stavano preparando e che non tutti i nomi mi sarebbero stati dati se non c’erano i consensi sulla privacy.
    Quello che le chiedo se e’ corretto quello che mi si dice, oppure devo pretendere la lista completa di tutti i possibili acquirenti, anche in funzione di di mettere di nuovo in vendita la casa.
    Ringraziandola le invio cordiali saluti
    Nazareno

    Risposta
    • 25 febbraio 2011 in 10:51
      Permalink

      Buongiorno Nazareno, si faccia consegnare l’elenco anche parziale e continui a proporre in vendita il suo immobile, non vediamo alcun impedimento in merito. saluti

      Risposta
  • 23 febbraio 2011 in 22:10
    Permalink

    Salve sono un agente immobiliare da un mese (neofita) ho preso un incarico di alcune case in sardegna vicino Olbia per conto del proprietario che vive a vicenza… Prendo una provvigione del 3% dal proprietario e zero dall’acquirente (per agevolare la vendita) dopo un’attenta verifica si evince (cose che non sapevo alla presa d’incarico) che queste case hanno delle incongruenze dalla realta’… Aalle visure catastali Es il giardino non e’ dichiarato ma esiste, l’abitabilita’ non esiste, la sistemazione dei vani e’ diversa dalle visure… Il passato burrascoso di queste case tra fallimenti sequestri errori di trascrizione dei ctu e del tribunale etc etc mi fanno venire il mal di testa.
    Il proprietario mi dice che e’ mio compito risolvere tutte queste questioni? Vi chiedo gentilmente in questi casi cosi incasinati e torbidi di chi e’ il DOVERE di normalizzare gli atti? Premetto che non ho l’esclusiva!
    1000 grazie a chi e’ cosi paziente da rispondermi …..

    Risposta
    • 25 febbraio 2011 in 10:48
      Permalink

      Buongiorno Gianni, lei è responsabile che la compravendita di qusti immobili venga effettuata secondo le normative di Legge e ha già fatto il suo dovere informando il proprietario sui problemi riscontrati che vanno ad intaccare la commerciabilità dei beni stessi. La conformità catastale, urbanistica, ipotecaria deve essere garantita dal venditore, lei non può e non deve fare niente. Le consigliamo di aspettare che queste difformità vengano risolte prima di proporre gli immobili in vendita, saluti.

      Risposta
  • 26 febbraio 2011 in 10:31
    Permalink

    Puo’ essere ritenuta valida una proposta d’acquisto immobile nella quale sono indicati i nominativi dei due propietari firmata dall’acquirente e solo da uno dei propietari?

    Risposta
    • 28 febbraio 2011 in 12:00
      Permalink

      No Paolo, manca un requisito essenziale, saluti

      Risposta
  • 2 marzo 2011 in 16:01
    Permalink

    Buongiorno, a gennaio 2011 ho visionato un appartamento con un’Agenzia e ho deciso di sottoscrivere un offerta di acquisto che non è stata accettata dai proprietari.
    A distanza di poco più di 1 mese noto che il propietario ha messo il cartello vendesi in quanto gli è scaduto il mandato con l’agenzia e ha deciso di rivenderlo privatamente.
    Chiamo i proprietari e mi propongono di acquistare l’appartamento al prezzo di vendita iniziale ma risparmiando in tal modo le spese di agenzia.
    La proposta mi sembra vantaggiosa in quanto l’appartamento mi piace.
    Avendo io visionato l’appartamento con l’agenzia, può l’agenzia rivalersi su di me?
    Se si, dovrei corrisponderle l’importo intero della commissione, come stabilito da contratto, pari al 3% + Iva o si aggiunge una penale?
    Ma esiste un tempo oltre il quale l’agenzia non ha più potere di rivalsa?
    Nel ringraziarLa anticipatamente per la disponibilità Le porgo i miei cordiali saluti. Giusy

    Risposta
    • 2 marzo 2011 in 17:41
      Permalink

      si Giusy, l’agenzia ha il diritto di richiedere la mediazione a lei e al venditore che in questo modo le sta proponendo di attuare un illecito. saluti

      Risposta
  • 2 marzo 2011 in 16:34
    Permalink

    Buon giorno, il mio caso è il seguente:
    il 27/06/2010 ho sottoscritto un mandato, irrevocabile ed esclusivo, di vendita immobiliare della mia abitazione, la cui scadenza era fissata al 30/09/2010. Da alcuni consigli ricevuti, mi è stato detto che per poter disdire il mandato devo, comunque, darne una regolare comunicazione all’agenzia. Vorrei sapere, gentilmente, se ciò è vero e in che termini scrivere.
    Grazie per l’attenzione
    Debora

    Risposta
    • 2 marzo 2011 in 17:40
      Permalink

      si Debora, è preferibile che il mandato venga revocato per iscritto, consegni una raccomandata a mano all’agenzia e si faccia firmare una copia per ricevuta, saluti

      Risposta
  • 2 marzo 2011 in 18:11
    Permalink

    Grazie per la risposta.
    Un’ultima domanda: se io la lettera la consegno domani, quando scadrà il mandato?
    Ricordo che il primo mandato era stato sottoscritto il 26/07/2010 e scadente il 30/09/2010.
    Grazie ancora
    Debora

    Risposta
  • 3 marzo 2011 in 10:38
    Permalink

    Buongiorno.
    Ho un quesito a porvi. Ho comprato casa da qualche mese. Ho visto la casa per tre volte insieme a un’agenzia immobiliare ( ho firmato l’uscita dell’agenzia per visionare l’appartamento), poi però ho conosciuto la proprietaria per caircostanze esterne e casuali, e lei ha voluto vendere baipassando l’agenzia con la quale non aveva mai firmato nessun accordo. Neanceh io ho mai firmato una proposta di compravendita.
    L’agenzia si è ripresentata adesso dopo mesi a chiedermi dei soldi, dicendo che chiamerà un avvocato in mancanza di accordo. Può farlo? Le spetta qualcosa?

    Risposta
  • 7 marzo 2011 in 02:24
    Permalink

    buonasera. sono in regime di separazione con mio marito, ma con un po di paziena sono riuscita a fargli firmare un contratto di vendita dell’immobile presso un’agenzia immobiliare.
    Premetto che non vivo in casa ma mi sono trasferita a casa dei miei genitori.
    La scorsa settimana e venuta una coppia a visionare l’immobile ed eravamo tutti d’accordo marito compreso.
    I porenziali compratori si sono fatti risentire con la nostra agenzia manifestando la gran voglia di rivedere casa con il padre di uno dei 2 perche seriamente intenzionati a comprare.
    Mio marito ha cominciato a dare di matto e non intende far entrare in casa la coppia.
    La mia domanda e questa.
    Come devo comportarmi?
    C’e una legge che mi tuteli nel voler vendere la casa?
    Puo essere lui soggetto a denuncia da parte dell’agenzia per inadempimento contrattuale?
    Come deve comportarsi l’agenzia davanti ad un rifiuto nel far vedere l’appartamento?
    Grazie atteendo vostra gradita risposta.
    Buonasera.

    Risposta
  • 16 marzo 2011 in 18:11
    Permalink

    Buongiorno, avrei bisogno di un consiglio. Ho affidato la casa in vendita a un’agenzia con l’autorizzazione alla promozione di vendita, firmato ad ottobre 2010 scadrà il 30 aprile 2011. Il problema nasce nel senso che ahimè mi sono resa conto a cose fatte che la casa non è stata assolutamente pubblicizzata: in internet non ve ne è traccia in nessun sito, senza parlare del fatto che dubito anche che l’abbia fatta vedere a due persone…
    Quindi vorrei capire se posso interrompere tale cosa e se incorro in penali…manca un mese ma ho già perso abbastanza tempo e non vorrei perderne altro per inadempienze di tale agenzia. Non vi sono clausole riferite a questo ma ha l’esclusiva dell’immobile.
    Grazie cordiali saluti.

    Risposta
  • 21 marzo 2011 in 14:23
    Permalink

    Buongiorno, ho messo in vendita la casa in cui risiedo. Se trovo un acquirente quanto tempo ho per lasciarla libera in attesa di trovarmi un altro alloggio?
    Grazie per la risposta.

    Risposta
  • 23 marzo 2011 in 18:05
    Permalink

    Ho dato in vendita esclusiva la mia casa ad una agenzia che NON si è prodigata molto , per circa 3 mesi non si sono fatti vivi,adesso che manca 1 mese alla scadenza del mandato hanno trovato un cliente che mi ha fatto una proposta giusta per il prezzo,ma io voglio importi maggiori come acconto.Sul mandato il mediatore ha indicato 10/20/30% come acconti quindi io posso dire che la proposta non è conforme e rifiutarla anche se il prezzo è OK.Devo pagare la penale se non accetto?Altro problema: la casa è intestata a me e mia mamma al 50%, il mandato è stato sottoscritto da me e il mediatore per mia mamma mi ha fatto indicare “firma per delega” e il nome di mia mamma, ma io la delega non ce l’ho.Quindi DEVO ritenere il mandato nullo???
    Se durante il mandato in esclusiva ,vista la carenza dell’agente, è venuta altra gente di altra agenzia a visionare la casa, senza aver firmato alcun mandato con loro, incorro in qualche penale?Preciso che non ho concluso alcuna vendita con i suddetti.Il mandato dice che devo corrispondere la penale se vendo privatamente e con altra agenzia la casa…ma se non è successo non devo niente a nessuno?
    GRAZIE

    Risposta
  • 29 marzo 2011 in 17:04
    Permalink

    Buongiorno sto per acquistare una casa di nuova costruzione; l’impresa costruttrice vende anche direttamente ma, un anno fa, avevo visto l’appartamento con l’agenzia. Quindi continuo la trattativa con l’agenzia, ma vorrei chiedere (o pretendere) uno sconto perchè secondo me si sono comportati in modo molto poco professionale: hanno riso quando parlavo di offerte più basse, poi mi hanno richiamato per spingermi a fare un’offerta, alla fine se ne sono usciti con 10mila euro di spese per allacciamenti che mi avevano detto erano inclusi nel prezzo, hanno cambiato versione più di una volta. La casa è ferma da quasi 2 anni e non riescono a venderla, io ora però posso proporre il prezzo pieno. Qual è il giusto modo per “pretendere” uno sconto sulla provvigione?
    grazie

    Risposta
    • 8 aprile 2011 in 11:27
      Permalink

      gentile Alessia, la provvigione è stabilita dagli usi e consuetudini della sua provincia, eventuali sconti non si possono pretendere ma contrattare, saluti

      Risposta
  • 31 marzo 2011 in 15:56
    Permalink

    abbiamo comprato casa tramite agenzia immobiliare, richiedendo un appartamento senza amministratore. L’agenzia ci ha sempre rassicurato che non c’era, invece al momento del rogito il venditore ha sostenuto che c’era l’amministratore e che l’aveva sempre detto all’agenzia. Cosa posso fare?
    Inoltre, abbiamo scoperto che il venditore non aveva nemmeno finito di pagare i suoi debiti con il condominio…

    Risposta
    • 8 aprile 2011 in 11:22
      Permalink

      1129 c.c. recita: “Quando i condomini sono più di quattro, l’assemblea nomina un amministratore. Se l’assemblea non provvede, la nomina è fatta dall’autorità giudiziaria, su ricorso di uno o più condomini.” Una volta che un condominio è composto da cinque condomini (intendendo per condomini cinque diversi proprietari di distinte unità immobiliari), questi devono riunirsi in assemblea per nominare un amministratore
      Questi sono obblighi stabiliti dalla legge, pertanto se avete visionato un fabbricato composto da più unità immobiliari, è sottinteso che qualora i proprietari siano più di 4, l’obbligo sussiste. saluti

      Risposta
  • 3 aprile 2011 in 22:05
    Permalink

    Ho messo in vendita un bilocale già da qualche anno a questa parte, sia tramite agenzie senza mandato che privatamente.
    Una di queste agenzie circa 2 mesi fà mi presenta una proposta di aquisto molto al di sotto addirittura del prezzo che l’avevo pagata qualche anno prima, e fino a quà ci possiamo pure stare, ma dopo un paio di giorni che avevo firmato l’agente mi contatta e mi chiede addirittura se posso liquidare l’agenzia al preliminare con una caparra dello stesso valore che spetta a loro come provigione e non contenti se ero anche così gentile da fargli avere le chiavi perchè il futuro aquirente avrebbe dovuto iniziare da subito i lavori di sistemazione e non contenti se avessi potuto spostare la data del rogito dal 15/04/2011 al 31/06/2001 per aggevolare ulteriormente il loro compratore. Non voglio dilungarmi troppo perche la storia è infinita, in sostanza tra 11 giorni scade la proposta perche l’atto si sarebbe dovuto fare al 15 di questo mese e non si è ancora fatto neanche il preliminare, e loro non sono ancora pronti ne con la banca ne con il notaio, ma se io gli dicessi che dopo la data pattuita sulla proposta non vendo devo dare la provigione ugualmente all’agenzia? Rispondetemi prima che potete grazie mille paolo

    Risposta
    • 8 aprile 2011 in 11:14
      Permalink

      no Paolo, se l’acquirente non rispetta le date stabilite lei dovrà inviare tramite raccomandata con ricevuta di ritorno all’acquirente stesso, una diffida ad adempiere nei 15 giorni successivi, trascorso inutilmente tale termine, la parte acquirente sarà dichiarata inadempiente e il contratto si scioglierà per sua colpa, pertanto a lei non spetta sostenere alcuna spesa, saluti

      Risposta
  • 6 aprile 2011 in 19:23
    Permalink

    Buongiorno, devo vendere una casa e volevo sapere se è meglio dare l’esclusiva ad una agenzia oppure incaricarne più di una?
    Quali sono le differenze a cui vado incontro?
    Grazie

    Risposta
    • 8 aprile 2011 in 11:03
      Permalink

      non consigliamo di stipulare contratti in esclusiva a lunga scadenza e nemmeno dare mandato a vendere a più di 5 agenzie, questo dipende anche dalle dimensioni della città in cui si trova l’immobile. In genere dare un mandato di non esclusiva a 2-3 agenzie è più che sufficiente. saluti

      Risposta
  • 6 aprile 2011 in 21:54
    Permalink

    Ad Agosto 2010 vado a vedere un immobile poi torno a rivederla con mio padre ed il giorno dopo (da solo) faccio una proposta a nome mio, mi viene rifiutata quindi ci rinuncio. Passano i mesi ed incontro il venditore dell’appartamento che si trova nel mio stesso palazzo e mi dice che vende ancora la casa ma è scaduto il mandato con l’agenzia. Gli dico che non posso più comprarla e parlando con mio padre decide di comprarla lui. A fine febbraio di quest’anno la compra e l’agenzia mi chiama dicendomi che gli devo i soldi della provvigione. La mia domanda è: per quale motivo devo pagare l’agenzia se non ho acquistato io la casa? mio padre non ha mai fatto proposte o firmato per la visione della casa, quindi non gli deve niente neanche lui…come mi devo comportare??? grazie aspetto una vostra risposta

    Risposta
    • 8 aprile 2011 in 11:02
      Permalink

      Gentile Stefano, è obbligato a corrispondere la provvigione all’agenzia in quanto l’acquisto a nome di suo padre non la scioglie dal vincolo che ha a suo tempo stabilito tramite sottoscrizione di una proposta di acquisto con l’agenzia stessa, è e sarà facilmente dimostrabile in sede legale il legame tra lei e suo padre. saluti

      Risposta
  • 16 aprile 2011 in 16:35
    Permalink

    saluti a tutti
    vi raccomto il mio dubbio,cerco su internet una prima casa da aquistare per viverci,trovo un agenzia che espone prezzo e foto della casa contatto l’agente immobiliare e fisso un appuntamento ci troviamo sul posto e prima di farmi visionare la casa mi fa firmare un foglio su un blocchetto dove sopra la mia firma ce ne altre 8/10 ovviamente ho ripetuto senza nessun impegno e l’agente mi ha detto di stare tranquillo niente impegno.adesso mi sorge un dubbio non vorrei che firmando accetto l’aquisto della casa perche non sono interessato,gentilmente un esperto mi dica qualche consiglio vado incontro a via legale o sono solo miei dubbi;ho trovato su un sito questa scritta:
    “Un agente immobiliare professionista, prima di accompagnare un cliente in casa vostra fa firmare allo stesso una dichiarazione di presa visione dell’immobile, così anche voi potrete sapere chi e quando è venuto a visionare il vostro immobile e con i relativi commenti della visita”

    ancora una cosa e’ un mio diritto chiedere una copia di quello che firmo perche non ho pensato di chiederla e vorrei arlo..10 lode alla risposta migliore

    Risposta
    • 20 aprile 2011 in 17:46
      Permalink

      gentile Gianni, prima cosa le consigliamo di chiedere sempre una copia di quello che sottoscrive, in secondo luogo, la tranquillizziamo dicendole che per acquistare un immobile la procedura non è così sbrigativa, pertanto lei avrà sottoscritto un semplice foglio di presa visione della casa. saluti

      Risposta
  • 17 aprile 2011 in 00:02
    Permalink

    Mi raccomando definite prima le provvigioni!

    Risposta
  • 18 aprile 2011 in 14:30
    Permalink

    Buongiorno, una ventina di giorni fa su internet trovo l’annuncio di un appartamento che potrebbe interessarmi e chiamo l’agenzia per andarlo a vedere. Passa una settimana e mi contatta l’agente immobiliare per sapere se avevo deciso qualcosa e io gli rispondo che vorrei tornare a visitarlo per farlo vedere alla mia famiglia e prendo appuntamento dopo 2-3 giorni. Nel frattempo su internet vedo che c’è un nuovo annuncio (anche sul sito della stessa agenzia)con una richiesta più bassa di 10000€. Arriva il giorno della 2ª visita e parlando l’agente immobiliare dice qual’è la richiesta e con mia grande sorpresa noto che è quella vecchia più alta, quando gli faccio presente che ho visto l’annuncio con il prezzo ribassato lui prima mi risponde che non è lo stesso appartamento, ma quando io insisto che lo è dice che probabilmente si è sbagliata la segretaria dell’agenzia. La mia domanda è: se io volessi procedere con la proposta di acquisto quale prezzo di base dovrei considerare, e se è giusto il comportamento dell’agente. Grazie infinite

    Risposta
    • 20 aprile 2011 in 17:40
      Permalink

      buongiorno Maura, il prezzo è quello che le ha richiesto l’agente e che viene pubblicizzato, può capitare che ci siano errori in tal senso. saluti

      Risposta
  • 21 aprile 2011 in 09:16
    Permalink

    Volevo sapere se formulata un’offerta di acquisto, l’agente immobiliare può anoora far vedere la casa ad altri potenziali compratori, nell’attesa della risposta dei venditori. Infatti abbiamo formulato una proposta e l’agente sta temporeggiando e sta continuando a fare appuntamenti per far vedere la casa. Posso tutelarmi in qualche modo?

    Risposta
    • 21 aprile 2011 in 10:39
      Permalink

      Gentile Valentina, probabilmente l’agente sa’ che la proposta non verrà accettata, le consigliamo, nel caso di prossime eventuali proposte di acquisto, di dare una scadenza breve, 4-5 giorni al massimo. saluti

      Risposta
  • 1 maggio 2011 in 10:59
    Permalink

    Buongiorno,
    devo vendere un appartamento e avrei giaà trovato l’acquirente il quale é già a conoscenza dell’importo da me richiesto per la compravendita della casa.
    Non avendo il tempo di poter seguire personalmente tutto il proseguio della pratica avrei intenzione di far fare il tutto ad un’agenzia alla quale chiederò di torvarmi un appartamento in affitto. Quale potrebbe essere il costo da pagare all’agenzia per il perfezionamento della compravendita? .
    Grazie

    Risposta
  • 8 maggio 2011 in 10:14
    Permalink

    Salve, il quesito che vorrei porre è questo: se sono interessato ad una casa vista sul sito di un’agenzia e successivamente visionata (firmando il foglio di visione) e la stessa ad un certo punto non è più in vendita, posso contattare direttamente la parte venditrice per chiedere se è interessata ad una trattativa privata? In questo caso che tipo di obblighi ho, se li ho, nei confronti dell’agenzia? Devo pagare penali nel caso l’affare si concludesse? E sono soltanto io a doverle pagare o anche la parte venditrice? Di che entità sono le penali? Come si concludere l’affare senza incorrere in penali? E’ del tutto insensato attendere dodici mesi per la scadenza del diritto di provvigione provvedendo intanto a stipulare un compromesso opportunamente registrato e quindi concludendo l’atto allo scadere dei dodici mesi o converrebbe che entrambi le parti si accordassero con l’agenzia? Grazie

    Risposta
  • 13 maggio 2011 in 13:50
    Permalink

    Ho dato mandato di vendere la mia casa a tecnocasa.Per svariati motivi ho deciso di recedere dal contratto prima della sua naturale scadenza. Vi chiedo , siccome mi sono accorto che la firma sull’ incarico di mediazione è falsa, cioè ha firmato PIPPO scrivendo CICCIO, dove CICCIO è il solo iscritto al ruolo degli agenti. Inoltre Pippo non ha neppure il patentino. Ho anche come testimone mia moglie.
    Vi chiedo , per questo motivo si puo’ ritenere nullo il contratto?

    Risposta
  • 16 maggio 2011 in 20:19
    Permalink

    devo comprare casa la scadenza è fissata per 15 giugno ora si viene a sapere che alla persona che deve venderci la casa manca il foglio di successione,secondo lei quanto tempo ci va per ottenerlo? spero di essermi espressa bene

    Risposta
  • 19 maggio 2011 in 09:25
    Permalink

    Buongiorno,
    cerco di essere il più breve ma esaudiente possibile.
    Un mesetto fa ho visto un immobile (villetta a schiera) tramite un agente immobiliare il quale ha fatto solamente firmare il foglio privacy al mio compagno.
    Essendo interessati all’immobile abbiamo richiesto direttamente all’agenzia tutta la documentazione, onde poterla far visionare al nostro geometra ma niente da fare: solo dopo la ns. firma contrattuale vuole farcele avere!
    Giorni dopo, guardando su internet, ho letto l’annuncio dello stesso immobile con recapiti non dell’agenzia ma direttamente del costruttore al ché ho preso appuntamento con il costruttore il quale mi riferisce di non aver vincoli con l’agenzia.. ma come posso esserne certa? Il documento che ha firmato il mio compagno ha valore? possono rivalersi su di noi oppure no? La firma è stata fatta dal mio compagno non da me, non siamo sposati ma penso che poco importa..
    Che fare? Devo tassativamente procedere con l’agenzia o posso accordarmi con il costruttore?
    Mi dispiacerebbe procedere con il costruttore e poi trovarmi avvocato con l’agenzia fra qualche mese..
    Attendo una Vs. risposta!
    Grazie mille…

    Risposta
  • 25 maggio 2011 in 08:38
    Permalink

    Buongiorno,
    vi chiedo questa informazione.
    Ho effettuato una proposta di una casa ma l’agenzia si è “dimenticata” di dirmi che la casa è in donazione.
    Mi aveva detto che era una cosa da niente e che bastava far firmare un foglio al proprietario precedente ma non mi ha spiegato nulla dei rischi che potevano verificarsi.
    A 5 giorni dall’atto siamo venuti a sapere che la lavanderia posta di fronte la casa non era accatastata ed è stata accatastata ad una settimana dall’atto, facendoci rischiare delle azioni da parte della banca che ci ha erogato il mutuo.
    Siamo stati noi a trovare la soluzione con il notaio in quanto l’agenzia ha detto che non era a conoscenza di cosa comportava una casa in donazione.
    E’ normale che l’agenzia non si preoccupi di verificare cartine catastali e che ometta delle informazioni così importanti prima di una proposta o prima dell’atto?
    Si può trattare il compenso in questo modo?
    Grazie

    Risposta
  • 25 maggio 2011 in 15:32
    Permalink

    2 anni fa visionai un appartamento con un agente immobiliare. In tale occasione l’agente non mi fece firmare alcun foglio visita o altro, ed eravamo solo io, il mio compagno e lui. L’appartamentto è ancora invenduto e l’agenzia in questione non ne ha più nemmeno l’incarico. Possiamo contattare il proprietario e intraprendere una trattativa privata senza incorrere in problemi con l’agenzia?

    Risposta
  • 28 maggio 2011 in 17:12
    Permalink

    Buongiorno,
    nel mese di febbraio del 2007,incarico un’ agenzia per vendere il mio appartamento con un regolare contratto della durata di 10 mesi.Trascorsi 3 mesi a causa di danni all’appartamento decido con l’ agenzia di sospendere l’incarico firmato da entrambe le parti con la clausula che se lo avessi rimesso in vendita lo avrei rifatto con loro.
    Passati 4 anni (maggio 2011) ho rimesso in vendita l’ appartamento con un’ altra agenzia. Quasi subito mi ha contattato la vecchia agenzia ricordandomi che avevo firmato con loro il foglio di sospensione e ricordandomi le penali a cui sarei andato incontro.La mia domanda è: ma non essendoci una data riportata sul foglio di sospensione firmato da entrambi è possibile che trascorsi 4 anni abbia ancora validità.
    Grazie per la risposta.

    Risposta
  • 5 giugno 2011 in 23:49
    Permalink

    Ho dato incarico ad una agenzia di vendere un immobile i cui proprietari siamo 4 fratelli. A firmare l’incarico siamo stati solo in due. L’agenzia ha trovato il compratore alle condizioni pattuite ma un coproprietario (la cui firma manca nell’incarico) ha deciso di non vendere più sostenendo che il mandato firmato non ha valore in quanto manca la delega sua e dell’altro fratello. E’ corretto ciò che afferma? Come ci si deve comportare con l’agenzia? Grazie aticipatamente per la risposta.

    Risposta
  • 18 giugno 2011 in 07:55
    Permalink

    Buongiorno,
    a fine gennaio 2011, ho dato mandato ad un agente immobiliare, presentatomi da parenti, per la vendita di un immobile intestato ad entrambi i coniugi ma firmato solo da me. Ad oggi la stessa agenzia non mi ha mai contattato neanche per comunicarmi se ci sono state delle visite o meno. Tramite conoscenti, amici ed inserzioni ho sparso la voce della vendita. Vorrei sapere se dovessi eventualmente concludere tramite questi canali senza l’ausilio dell’agenzia, sono tenuto a corrispondere la provvigione alla stessa agenzia? ed in quale maniera? Inoltre,erroneamente, non ho ritirato copia del contratto del mandato. Come devo comportarmi?

    Risposta
  • 22 giugno 2011 in 15:46
    Permalink

    Salve, un mio amico ha venduto la mia casa firmando il compromesso per mio conto. Volevo sapere cosa gli spetta per legge dato che non abbiamo preso nessun accordo economico preliminare. La ringrazio in anticipo per la risposta.

    Risposta
  • 6 luglio 2011 in 17:58
    Permalink

    buona sera, a maggio 2011 ho venduto la mia prima abitazione per acquistarne una più grande.mi sono rivolta ad una agenzia la quale mi ha sottoposto un immobile che mi sembrava interessante. dissi all’agente che avevo fretta di acquistare e fare il rogito perchè la prima casa la dovevo lasciare entro fine giugno. mi disse che non ci sarebbero stati problemi. mi sono fidata ho fatto il compromesso mettendo come data del rogito 15 luglio, anche se avevo chiesto di farlo molto prima. mi risposero che non ci sarebbero stati problemi. ad oggi 6 luglio il rogito non è stato fatto perchè :il posto auto non era accatastato, c’erano sull’immobile 2 ipoteche (problema risolto ma che mi hanno fatto perdere tempo)e che il proprietario aveva nei confronti del condomio dei debiti. posso denunciare l’agenzia per informazioni non corrette, tutela solo del cliente che ci sta vendendo l’immobile e ritardo rogito? grazie

    Risposta
  • 21 luglio 2011 in 20:32
    Permalink

    Buonasera, un mesetto fa io e il mio ragazzo abbiamo firmato una proposta previa accettazione del mutuo, in cui in conclusione vi è scritto:”Se entro 30 luglio 2011 la parte acquirente non avrà ottenuto delibera scritta del mutuo richiesto la presente proposta si ritiene nulla con la conseguente restituzione dell’assegno della caparra”. L’immobile è una mansarda con altezza minima piuttosto bassa (90 cm). Vi erano delle incoerenze sulla piantina (presenza di muri a perimetro dell’area più alta non esistenti in realtà)per le quali abbiamo chiesto spiegazioni e che hanno creato problemi in fase di perizia. In pratica l’immobile risulta non in regola e bisognerebbe fare una sanatoria che la proprietaria si rifiuta di fare proponendosi invece di alzare i muri (riducendo la metratura da 60 a circa 35 mq). A questo punto non se ne fa più nulla, ma ci chiedevamo se avessimo diritto alla restituzione del doppio della caparra (l’assegno della caparra non è stato ancora incassato dalla proprietaria) visto che la proprietaria risulta inadempiente nel non voler regolarizzare l’immobile così come a noi proposto. Nel caso questo diritto decade dopo la scadenza del 30 luglio? E come dovremmo comportarci perché ciò non avvenga?

    Cordiali Saluti
    Grazie
    Irene e Marco

    Risposta
  • 25 luglio 2011 in 23:05
    Permalink

    Salve, ho dato amdato ad un’agenzia per la vendita del mio appartamento a 110.000. L’agenzia lo ha pubblicizzato sul suo sito a 108.000 e, dopo una visita, mi è arrivata una proposta di 104.000. L’agente, visti i tempi che corrono, mi pressa per accettare, sostenendo che a 110.000 non lo venderò mai. Solo che 110.000 è il prezzo concordato insieme! Come comportarsi? Posso chiedere all’agenzia, visto l’atteggiamento, che la stessa receda dal contratto rimborsandomi di quanto pattuito ossia il 4%?
    grazie

    Risposta
  • 21 agosto 2011 in 21:07
    Permalink

    buongiorno ,ho dato da vendere la mia casa ad una agenzia con diritto di esclusiva per sei mesi, il contratto scadrà alla fine di ottobre, volevo chiedere se io nel frattempo posso metterla in vendita su un sito internet,specificando che fino alla fine di ottobre io sono legata all’agenzia?

    Risposta
  • 23 agosto 2011 in 17:54
    Permalink

    Mi trovo in una situazione assurda. Da un anno due conoscenti che lavorano in una agenzia mi hanno fatto firmare un foglio che è anni luce lontano da un contratto per acquistare una casa.infatti volevano che stracciassi la fotocopia (che non ho fatto). A sentir loro avevano agganci attraverso banche per ottenere il mutuo, e dopo un anno hanno detto che di solito non trattano i mutui. Fatto sta che la casa che devo acquistare è della ex moglie del mio compagno. Hanno voluto un assegno da 1000,00 euro come deposito per la controparte e in più vogliono una cospicua somma fuori via. Ora sto cercando da sola di avere il mutuo,e come segugi pretendono i soldi. Che devo fare?

    Risposta
  • 8 settembre 2011 in 11:32
    Permalink

    sono stato chiamato ad una agenzia per vedere una casa, lo vista e ho firmato una carta con l’agenzia per la visione della casa.Vorrei sapere quando scade il rapporto con l’agenzia, i propietari della casa non hanno nessun contratto con l’agenzia e vorrei comprarla direttamente.Quanto posso aspettare perche l’agenzia non possa rivalersi?

    Risposta
  • 8 settembre 2011 in 14:24
    Permalink

    Salve, gentilmente vorrei sapere chi deve pagare le provvigioni per l’agente immobiliare, il padrone della cssa che si affitta o chi la prende in affitto? Grazie.Infiniti saluti.

    Risposta
  • 14 settembre 2011 in 11:58
    Permalink

    buongiorno. io sto vendendo un appartamento e nel frattempo vorrei comprarne un piu grande, posso pagare solo la provvigione sull aquisto del nuovo immobile? grazie.il mediatore mi ha fatto un fax che dice che è d accordo . posso ritenerlo valido il cartaceo?grazie

    Risposta
  • 16 settembre 2011 in 11:25
    Permalink

    Buongiorno,
    ho firmato un mandato di affitto del mio appartamento con una agenzia immobiliare,sono passati quasi cinque mesi dalla stipula del contratto ma dal’agenzia ancora nessuna notizia .A quasto punto, visto che mancano pochi giorni alla fine del mandato , tra l’altro già dismesso tramite raccomandata prima dei 15 gg previsti, posso rifiutare evntuale proposta anche se il locatore accettasse tutte le condizioni previste senza dare nulla all’agenzia ?
    In pratica , visto che ora è una questione di principio con l’agenzia da cui non ho avuto mai ripeto mai , nessun risconro in questi mesi, , posso decidere chi mettere nel mio appartamento ?
    Grazie

    Sal Coppola

    Risposta
  • 16 settembre 2011 in 13:29
    Permalink

    Salve, sto vendendo una casa da privato. Qualche mese fa un agente di intermediazione immobiliare si offre di mostrare la mia casa senza spesa alcuna a suoi clienti che intendono procedere all’acquisto. Anche se mi è noto che la foto della mia casa è pubblicata sul sito internet dell’agenzia, io non ho rilasciato alcuna autorizzazione scritta alla pubblicizzazione. Dopo qualche tempo mi presenta una proposta di acquisto con un prezzo inferiore a quanto richiesto e mi chiede una provvigione di 4mila euro. Rifiuto di ricevere la proposta, perchè mi aveva assicurato che avrebbe preso una provvigione solo da parte acquirente e anche perchè non ho firmato alcun incarico di vendita.
    Qualche giorno dopo vengo contatto direttamente dall’acquirente che mi offre un prezzo superiore e senza agenzia, visto che non ho mai dato le chiavi dell’appartamente all’agente e quindi ha potuto rintracciarmi direttamente. Che rischio c’è per me e per l’acquirente che l’agenzia pretenda entro un anno dal rogito di venire pagata per un’opera di mediazione di cui comunque non ha ricevuto alcun incarico e anzi dimostra di non aver mantenuto fede alla parola data? Grazie

    Risposta
  • 23 settembre 2011 in 08:14
    Permalink

    salve,ho firmato un mandato di vendita con un’agenzia immobiliare di 6 mesi,passati 3 mesi senza che l’agenzia mi abbia portato nessun acquirente o visitatore posso annullare il mandato di vendita senza pagare alcuna penale?grazie

    Risposta
  • 26 settembre 2011 in 21:04
    Permalink

    Il 07 maggio 2011 ho stipulato tramite agenzia una proposta d’acquisto per un’immobile.Il 15 Maggio il venditore mi accetta la proposta a 60gg vincolata a dei permessi di frazionamento dell’immobile,ed io all’accettazione del mutuo. La domanda: Oggi a proposta scaduta,posso farla di nuovo ma con un’altra agenzia? (con la complicità del venditore).Purtroppo le chiedo questo per la poca serietà e proffessionalità dell’agenzia.Grazie MARCO

    Risposta
  • 1 ottobre 2011 in 00:48
    Permalink

    Buonasera,il mandato con il nostro agente immobiliare per la vendita del nostro attuale appartamento è scaduto oggi (era iniziato il 31/05/2010) senza che si sia riusciti a vendere casa. Noi abbiamo già comprato sempre tramite lui (compromesso fatto l’anno scorso) e la nuova casa ci verrà consegnata a luglio 2012.Possiamo ritente risolto il contratto? Quando abbiamo firmato la proposta di acquisto/vendita, ci è stato specificato che avremmo pagato la provvigione solo sulla vendita della nostra casa (probabilmente perchè la percentuale sull’acquisto era già stata intascata direttamente dall’impresa costruttrice). Ho ancora degli obblighi nei confronti dell’agenzia? Posso decidere di vendere da privato o affidandomi a più agenzie senza dare l’esclusiva?
    Grazie

    Risposta
  • 8 ottobre 2011 in 19:31
    Permalink

    Gentile Avvocato,
    Avrei bisogno del suo aiuto.
    Sto cercando la mia prima casa e durante le mie ricerche quotidiane vedo su un sito internet due appartamenti che mi potrebbero interessare, contatto l’agenzia e organizzo un appuntamento nel loro ufficio per visionare le planimetrie.
    Passo in agenzia lo stesso giorno, mi fanno visionare le planimetrie e le foto dei due appartamenti, ma scopro che non hanno le caratteristiche da me ricercate.
    Dato che ero in agenzia mi propongono altre soluzioni, tra le quali un appartamento all’interno di un complesso immobiliare in costruzione che nel giro di alcuni mesi sarà completato. Mi accorgo dalla planimetria che è un complesso immobiliare che conosco e sono già daccordo con il costruttore di visionarlo la prossima settimana. Dopo aver scoperto questo, interrompo i discorsi dicendo che non mi interessa perchè è posizionato in un quartiere non di mio interesse evitando cosi di proseguire con i discorsi e di andare a vederlo in cantiere.
    Le chiedo, dopo aver visto la planimetria di un appartamento all’interno di quel complesso immobiliare con un agenzia ma non essendo andato a vederlo in cantiere con la stessa e non avendo firmato nessun documento, mi devo considerare legato con l’agenzia immobiliare o no? dato che ho già organizzato in precedenza un sopralluogo in cantiere con il costruttore che ho conosciuto personalmente non tramite l’agenzia.
    La ringrazio anticipatamente

    Risposta
  • 13 ottobre 2011 in 18:57
    Permalink

    buonasera avvocato sono responsabile di un agenzia immobiliare ma è la prima volta che mi capita una cosa del genere e vorrei un vostro commento al riguardo
    una mia ciente in data 3/12/2010 diede incarico di vendita ad un immobiliare questo incarico fù conferito in esclusiva per una durata di mesi sei…
    dopodiche si sarebbe rinnovato con questa clausola

    “la durata del presente incarico è di mesi …sei ( sei scritto a penna) (poi tutto prestampato sussegue) esso è tacitamente rinnovato per un periodo di novanta giorni e così di seguito se non viene disdetto con raccomandata R.R da voi ricevuta almeno trenta gg prima.”

    premesso che oggi è 16/10/2011 e la mia cliente non ha mai mandato nessuna raccomandata in quanto persona anziana.
    può essa cliente disdire senza adempiere nei termini della sopracitata clausola????

    ad oggi è scaduto ogggi questo mandato oppureeffettivamente a vita natural durante se non vi è disdetta a mezzo raccomandata?????
    è legale questo tipo di clausola usata da questo collega???

    Risposta
  • 16 ottobre 2011 in 18:04
    Permalink

    salve
    volevo sapere se io venditore,firmo una proposta d’acquisto tramite agenzia, di una ragazza che vuole comprare casa mia ,ma io non ho dato nessun mandato all’agenzia e tanto meno nella proposta c’è scritto che la mediazione e riconosciuta solo dalla ragazza,devo riconoscere la proviggione?(nella proposta stampata non fa nessun riferimento al venditore che parli di proviggione)

    Risposta
  • 16 ottobre 2011 in 21:03
    Permalink

    buongiorno,
    io e mio marito abbiamo incaricato un’agenzia x vendita casa in esclusiva. per conto nostro abbiamo trovato un privato interessato; visto che abbiamo violato la clausole dell’esclusiva (l’unica persona interessata all’acquisto della nostra casa tramite agenzia proponeva 10.000 euro in meno del privato) è possibile chiedere una riduzione della penale da loro prevista e l’annullamento dell’incarico (da incarico da noi firmato indicavano penale pari alla percentuale ovvero 3%)per inadempienza da parte dell’agenzia ovvero per i seguenti motivi:
    – ritardata comunicazione obbligo certificazione energetica
    – mancata specificazione e offerta di servizi legati all’esclusiva (annuncio in siti internet, foto interni ed esterni abitazione con l’annuncio, resoconto clienti ect…)
    – richiesta di penale pari alla percentuale (per legge deve essere inferiore)
    – mancata comunicazione all’acquirente interessato di un punto da noi richiesto (consegna casa due-tre mesi dopo rogito)
    che dite? provare con una penale dell’1%?
    grazie Laura

    Risposta
  • 21 ottobre 2011 in 18:15
    Permalink

    Salve, vorrei chiederle se è corretto il comportamento dell’agenzia nel seguente caso: il 15/10, mio marito ha fatto una proposta per un appartamento, la proposta era più bassa del prezzo della casa richiesta nell’annuncio, quindi attendevamo con ansia la risposta del proprietario. Ieri siamo stati convocati in ufficio dell’agenzia. L’agente immobiliare ci ha fatto vedere la proposta firmata dal proprietario (senza lasciarci una copia), ma nello stesso tempo ci diceva che il proprietario non è disposto a vendere se non a 15 mila euro in più di quanto ne abbiamo offerto noi. La situazione ci è sembrata un po’ strana e comunque non volendo accettare un aumento di prezzo rispetto alla nostra offerta, non abbiamo fimato nulla. Mi chiedevo se la contr’offerta non dovrebbe essere fatta per iscritto, ed eventualmente accetata dalla parte acquirente? E essendo la nostra proposta firmata dal proprietario non è quello il prezzo della casa?
    Grazie

    Risposta
  • 22 ottobre 2011 in 11:33
    Permalink

    Buongiorno, ho firmato un contratto con una agenzia purtroppo nell’ignoranza con clausola di irrevocabilità e esclusività. Dopo 4 giorni ho chiesto la revoca consensuale del mandato. L’agenzia non ha acconsentito. Ho inviato raccomandata con specifica richiesta e mi hanno risposto con raccomandata di un legale chiedendomi la quota del 1,9% sul prezzo di vendita più rimborso spese per 300,00 euro. L’agenzia non ha nemmeno visionato l’immobile prima della firma del mandato. Posso tutelarmi in qualche modo? A chi posso rivolgermi per far fronte a tutto questo?
    Grazie

    Risposta
  • 27 ottobre 2011 in 12:43
    Permalink

    Buongiorno! ieri siamo stati chiamati dall’agenzia immobiliare io (aquirente) ed il propietario della casa. in poche parole abbiamo saputo che l’agenzia gli ha comunicato al propietario che era tutto apposto e che la casa è stata “venduta” a me, che era tutto ok insomma, mentre io cascavo dalle nuvole che ancora non ho avuto esiti bancari e nemmeno arrivato il perito, PRATICAMENTE IN ALTO MARE… SE MI ACCETTANO IL MUTUO O MENO!!! in sindesi abbiamo deciso sia io che il propietario (visto che la cosa ci puzza un po con questa agenzia immobiliare) di concludere l’affare tra di noi in privato. COME POSSIAMO DISDIRE AMICHEVOLMENTE L’AGENZIA IMMOBILIARE SENZA PERDERE ENTRAMBI LA CAPARRA E NON PAGARE NESSUNA PENALE????

    Risposta
  • 8 novembre 2011 in 14:07
    Permalink

    Ho stipulato un contratto di vendita di una cantina con un agenzia immobiliare,il cartello è dal 20 di ottobre che non c’è,non ostante i nostri solleciti di riporre il cartello ad oggi non si vede nessuno affigerlo (l’agente passa spesso sotto casa)posso annullare il contratto ? per il menefregrismo dell’agenzia ?nell’attesa di una risposta vi porgo i miei più cordiali saluti ringraziandovi anticipatamente.

    Risposta
  • 15 novembre 2011 in 13:32
    Permalink

    salve io ero in cerca di un appartamento sono andato da un agenzia mi hanno fatto vedere un appartamento mi pare gia visto senza firmare il foglio di visita l appartamento mi piace e faccio una proposta di acquisto ,ma nella proposta non scrivono i dati dell agenzia la planimetria e sbagliano pure l intestazione del titolare .il giorno dopo capisco che l appartamento e in esclusiva con un altra agenzia e quindi vado da loro per rifare tutto tra l altro lo stesso appartamento l ho visto prima con quest ultima agenzia .a chi devo la provvigione ?

    Risposta
  • 17 novembre 2011 in 15:07
    Permalink

    buongiorno
    due eredi sono realmente impegnati con un’agenzia immobiliare per la vendita di un immobile nel caso in cui solamente uno dei due eredi abbia sottoscritto il contratto con l’agenzia?
    ci sono penali da pagare?
    grazie
    mg

    Risposta
  • 21 novembre 2011 in 17:30
    Permalink

    Salve, ho firmato una proposta di acquisto irrevocabile, cambiando varie volte il prezzo, al terzo tentativo ci siamo accordati con la parte venditrice sul prezzo tramite agenzia.Il propietario, ha preteso che firmassi una nota allegata dove riportava le cause ancora in atto come :citazione in giudizio nei confronti del vecchio ammnistratore per pagamnti di utenze da loro pagate e mai effettuate dallo stesso amministratore e il mancato pagamento da parte del propietario di oneri mensili (dieci anni)ad un consorzio ove nell’atto di provenienza è un obbligo farne parte. Io ho chiesto un deposito cauzionale al momento del rogito. il mandato dell’agenzia è scaduto e non è stato rinnovato dalla parte venditrice.La proposta è stata firmata de me medesimo. Vorrei sapere se posso comprare la casa senza pagare nessun onore all’agenzia come acquirente, lo stesso dicasi per il venditore intestandola alle mie due figlie.

    Risposta
  • 21 novembre 2011 in 17:54
    Permalink

    Scusami sono sempre Pasquale,ho dimenticato di dirti che la parte venditrice ha promosso azione legale anche nei confronti dell’INPDAP per il rimborso dell’8% sul prezzo di acquisto. La nota che è stata aggiunta è la sewguente: la parte promettente venditrice si obbliga irrevocabilmente a depositare nelle mani del Notaio rogante contestualmente alla stipula dell’atto definitivo di compravendita un assegno circolare all’ordine del notaio stesso della somma € ……
    quale deposito cauzionale a garanzia della debitoria quietanza. Ti rammanto che il venditore ha messo in vendita la casa senza la mediazione dell’agenzia prchè i termini sono scaduti posso comprarla senza pagare nessuna penale. L’agenzia sostiene il contrario.

    Risposta
  • 22 novembre 2011 in 17:26
    Permalink

    Buonasera Avvocato,
    Circa un mese fa ho dato mandato in esclusiva ad una agenzia immobiliare per vendere un villino in comproprietà con mia madre al 50%….al momento della firma ho fatto presente che mia madre malata di Alzheimer non è in grado di intendere e volere, ma l’agenzia mi ha fatto firmare ugualmente anche per lei..ora è stato trovato un acquirente e sono sorti problemi perchè è necessario nominare un amministratore da parte del giudice per mia madre…a questo punto mi domando se è possibile recedere dal conferimento dell’incarico fatto con l’agenzia e vendere privatamente all’acquirente in questione dato che la firma di mia madre era fasulla.
    La ringrazio fin da ora per la risposta che vorrà darmi.

    Risposta
  • 24 novembre 2011 in 20:14
    Permalink

    Buona sera, abbiamo firmato una proposta d’acquisto di una casa a 100.000 euro tramite agenzia immobiliare,ma nella proposta ,non risulta presente l’agenzia,e neanche il fatto che l’immobile abbia un’ipoteca!Ora siamo vicino alla data del rogito, e l’agenzia vuole essere pagata,3%da entrambe le parti,ma entrambe le parti sono d’accordo che l’agenzia oltre a essere cara rispetto a tutte le altre agenzie,non ha fatto niente per meritarsi 3.000euro+iva da entrambe le parti,oltre a non comparire nella proposta,nel fatto che ha omesso di scrivere che la casa ha un’ipoteca,e che non ha neanche registrato la proposta! Dopo un po di trattative l’agenzia ha deciso di scendere di prezzo,da 3.000 a 2.500,fatturando solo 1.200 euro ed il resto in nero!Cosa mi consigliate di fare,pagare 2.500 euro,continuare con la trattativa,includerla nell’atto e pagare 3.000euro+iva,o assumere un’avvocato?

    Risposta
  • 27 novembre 2011 in 12:38
    Permalink

    buongiorno, vorrei sapere se le agenzie a cui si afida in esclusiva un mandato oltre a descrivere i mezzi che adottera per promuovere la vendita, debba anche rispettalrli…e se non lo fa se esiste pena di nulita del contratto o la possibilita di recederlo senza penali,
    grazie
    saluti
    francesco

    Risposta
  • 29 novembre 2011 in 12:23
    Permalink

    Buongiorno,
    vorrei farVi i complimenti, più che meritati, per l’enorme utilità dei consigli che fornite sulla materia.
    Intanto approfitto per chiedere quale sia la formula migliore di contratto con un’Agenzia Immobiliare per conferle un incarico di Vendita del proprio immobile.
    Mi sembrava di capire che NON deve trattarsi di:
    – MANDATO
    – PROCURA
    che darebbero diritto all’Agenzia di pretendere un compenso anche in caso di mancata conclusione dell’affare.
    Quindi, quale precisa intitolazione/intestazione deve avere esattamente un documento di incarico, che si conferisce all’Agenzia per vendere il proprio immobile e che la stessa Agenzia ci farà sottoscrivere?
    Intendo la formula migliore per non incappare in future pretese non tanto lecite da parte di una Agenzia.

    Grazie infinite

    Risposta
  • 29 novembre 2011 in 13:22
    Permalink

    Buongiorno,
    è lecito richiedere all’Agenzia Immobiliare, prima della firma del documento di conferimento dell’Incarico di vendita del proprio immobile, una bozza (da visionare relativamente alle condizioni/opzioni proposte) della Lettera di Incarico Professionale?
    Oppure l’Agenzia si può rifiutare?

    Grazie

    Risposta
  • 30 novembre 2011 in 21:51
    Permalink

    buona sera volevo porvi questo quesito, mesi fa avevo contattato un agenza la quale mi ha fatto vedere vari appartamenti tra qui quello che oggi ho comprato
    premetto non ho fatto ne firmato nessun accordo con loro ho solo visitato queste palazzine, loro mi avevano mandato solo delle planimetrie del appartamento a titolo illustrativo(premetto non corrispondono neanche alla mia palazzina).
    qualche settimana dopo passando per il paese ho visto (su un appartamento che non ho mai visitato ne conosco un numero privato di telefono con scritto vendesi,allora ho chiamato e preso appuntamento con questo privato (che dopo ho capito che era il costruttore).
    praticamente ci siamo tovati non davanti allo stabile con il cartello ma davanti a questa nuova palazzina di cui lui era il costruttore che fatalita era la stessa che mi aveva proposto l’agenzia.
    nonmi ricordo se lo ho avvisato che io la avevo gia visitata con l’agenzia ma mi ricordo bene che lui mi ha detto che potevamo fare delle trattative private.
    cosi abbiamo fatto e ho comprato.
    oggi mi è arrivata a casa la parcella del agenzia da pagare
    devo pagarla?
    io non sapevo niente di questo anche perche loro non mi hanno messo in contatto con nesun costruttore mi hanno solo fatto vedere degli appartamenti vari
    cosa devo fare?
    per piacere aiutatemi
    grazie
    roberto

    Risposta
  • 2 dicembre 2011 in 11:53
    Permalink

    ho comprato una casa all’asta e lho messa in vendita. questa casa ha però una parte del salone da condonare (ho presentato domanda al comune entro i tempi previsti di 120 giorni). mi hanno presentato tramite l’agenzia una proposta d’acquisto dove io vendevo entro gennaio 2012 e nel frattempo avri condonato il tutto.
    ora a metà novembre 2011 l’acquirente non vuole piu casa per vari motivi e vuole essere risarcito del doppio della caparra a me versata all’inizio. la domanda è la seguente : potevo mettere in vendita casa anche se ancora non avevo condonato? è legale?

    Risposta
  • 11 dicembre 2011 in 11:51
    Permalink

    Per la vendita di un attività commerciale trammite un’agenzia immobiliare, il venditore deve avere prima un contratto scritto con l’agenzia immobiliare?

    Risposta
  • 11 dicembre 2011 in 12:33
    Permalink

    Buongiorno, ho disogno delle informazioni.
    Sono il proprietario di un’attività commerciale e ho firmato una contro proposta di cessione dell’attività tramite un agenzia immobiliare. E ho deciso di non vendere più. Non ho stipulato nessun contratto scritto con la presente agenzia. Ora l’agenzia mi chiede comunque di pagare la caparra. E valido o no la mia firma? Visto che non ho nessun contratto scritto con l’agenzia?
    Grazie.

    Risposta
  • 13 dicembre 2011 in 17:29
    Permalink

    Buonasera,
    sto per dare un incarico ad una agenzia per la vendita del mio appartamento, mi sono fatto dare la bozza di contratto da sottoscrivere si parla di “valore congruente” dell’immobile cosa intendono? se mi fanno avere un’offerta la devo accettare comunque o pagare la commissione comunque.
    grazie
    Giorgio

    Risposta
  • 15 dicembre 2011 in 18:24
    Permalink

    Buonasera, ho un problema con un presunto agente immobiliare.

    Qualche mese fa ho accompaganto mia madre a vedere una casa; l’abbiamo visitata, ci è piaciuta ma il prezzo era troppo alto per noi. Non ci ha fatto firmare nessun foglio visita nè tarttamenti alla privacy. Dopo qualche giorno alla telefonata del presunto agente lo abbiamo ringraziato e cmq detto che per noi il prezzo era troppo alto e alla ns. domanda se si potesse trattare qualcosa questi ha riposto che non c’erano molte possibilità.
    Qualche giorno dopo mio padre (che non c’era alla visita) senza dirmi nulla e senza sapere quala casa avessimo visitato (ovvio non c’era) ha preso direttamente appuntamento con il costruttore guarda caso della stessa casa (premetto inoltre che al di fuori della casa c’è solo l’annuncio della immobiliare); mio padre acquista la casa direttamente dal costruttore tra l’altro con uno sconto di circa il 25% (su un prezzo di circa 450.000 euro!!!) e intesta per motivi fiscali la casa a me: da quel momento sono letteralmente molestato dall’Agente chè è venuto a sapere di tutto ciò; ma io ho scoperto che questo personaggio NON e’ iscritto al registro intermediari ed Agenti, QUINDI NON E’ MIA INTENZIONE PAGARLO, a costo di finire in causa, come sta per fare l’agenzia: di lui nel frattempo ho perso le su tracce ora è l’agenzia che mi fa scrivere direttamente dall’avvocato. E dire che questo FALSO AGENTE è cosocio dell’Agenzia….
    Grazie mille!

    Risposta
  • 15 dicembre 2011 in 18:25
    Permalink

    Buonasera, ho un problema con un presunto agente immobiliare.

    Qualche mese fa ho accompaganto mia madre a vedere una casa; l’abbiamo visitata, ci è piaciuta ma il prezzo era troppo alto per noi. Non ci ha fatto firmare nessun foglio visita nè tarttamenti alla privacy. Dopo qualche giorno alla telefonata del presunto agente lo abbiamo ringraziato e cmq detto che per noi il prezzo era troppo alto e alla ns. domanda se si potesse trattare qualcosa questi ha riposto che non c’erano molte possibilità.
    Qualche giorno dopo mio padre (che non c’era alla visita) senza dirmi nulla e senza sapere quala casa avessimo visitato (ovvio non c’era) ha preso direttamente appuntamento con il costruttore guarda caso della stessa casa (premetto inoltre che al di fuori della casa c’è solo l’annuncio della immobiliare); mio padre acquista la casa direttamente dal costruttore tra l’altro con uno sconto di circa il 25% (su un prezzo di circa 450.000 euro!!!) e intesta per motivi fiscali la casa a me: da quel momento sono letteralmente molestato dall’Agente chè è venuto a sapere di tutto ciò; ma io ho scoperto che questo personaggio non e’ iscritto al registro intermediari ed Agenti, quindi non è mia intenzione pagarlo, a costo di finire in causa, come sta per fare l’agenzia: di lui nel frattempo ho perso le su tracce ora è l’agenzia che mi fa scrivere direttamente dall’avvocato. E dire che questo falso è cosocio dell’Agenzia….
    Grazie mille!

    Risposta
  • 17 dicembre 2011 in 12:12
    Permalink

    Salve,
    sono un agente immobiliare novello, ho un problema con una compravendita. La proposta è accettata da entrambi con una subordinazione al buon esito del mutuo, ho fatto firmare all’acquirente anche il ritiro della proposta accettata ma il venditore non ha incassato un soldo e nemmeno io provvigioni. Essendo un immobile datato e molto ampio, il venditore decise di creare due appartamenti (ora gli immobili sono completamente ristrutturati e certificati). Il problema è che: al catasto risultano due unità immobiliari differenti, quindi c’è un frazionamento catastale, ma non è stato fatto un frazionamento urbanistico. Mi son recato al comune per avere informazioni dettagliate. Al comune risultano due appartamenti con progetto approvato e bollato da loro. Il fatto è che l’acquirente vuole il certificato di agibilità, che a quanto pare è quasi impossibile che il comune lo rilasci perchè manca questo frazionamento urbanistico (parole del tecnico che si occupò del frazionamento). Ora sto temporeggiando con l’acquirente, non so cosa fare anche perchè mi ha detto che in caso ci siano problemi, mi mette l’avvocato. La mia domanda è : come posso chiudere questa compravendita? o più semplicemente: come posso far decadere la proposta d’acquisto e quindi liberarmi dell’acquirente??

    Risposta
  • 17 dicembre 2011 in 16:35
    Permalink

    Tempo fa ho dato l’incarico in esclusiva per la vendita del mio immobile ad un’agenzia. E’ venuto un signore a casa mia perchè interessato all’acquisto, di cui era venuto a conoscenza tramite il custode. Ho invitato il Signore a rivolgersi all’agenzia, che ha fatto visitare l’alloggio e fatto firmare il solito foglio. Ora è da tempo scaduto l’incarico con l’agenzia e il signore in questione vorrebbe acquistare l’appartamento. In tal caso dobbiamo lo stesso le provvigioni all’agenzia visto che comunque ai tempi avevo io inviato il cliente all’agenzia? Grazie L. R.

    Risposta
  • 19 dicembre 2011 in 22:10
    Permalink

    Buongiorno,
    stiamo sottoscrivendo un preliminare per l’acquisto di un immobile privato di cui proprietari sono 4 persone fisiche.
    Al preliminare non potrà essere presente uno degli eredi che intende delegare con una scritura privata (alla quale allegherà D.I. C.F.) il fratello. E’ sufficente una delega in carta semplice o occorre necessariamente una procura notarile?
    Grazie per l’attenzione.

    Risposta
  • 3 gennaio 2012 in 22:02
    Permalink

    domani dovrei stipulare un atto tra agenzia e acquirente della mia casa, cosa dovrei far inserire nel compromesso?? per tutelarmi da spiacevoli equivoci…ah dovrei acquistare una nuova con i soldi intascati dalla vendita della vecchia..cnsigliatemi grazie

    Risposta
  • 12 gennaio 2012 in 20:38
    Permalink

    Sei mesi fa io e mia moglie(entrambi proprietari) abbiamo dato mandato ad un’agenzia per la vendita della casa, il mandato è scaduto il 31 Dicembre, senza nessun esito positivo. Ieri 11 Gennaio mi sono messo in contatto con un altra agenzia ed ho firmato per altri sei mesi ma ho firmato solo io (mia moglie era assente). Oggi mi ha telefonato la vecchia agenzia dicendomi che uno degli ultimi clienti venuti a vedere la casa, sarebbe interessato all’aquisto. Vorrei sapere se il contratto firmato da me solo è nullo o se è possibile recedere visto che sono passati solo due giorni oppure datemi voi un consiglio, grazie.

    Risposta
  • 13 gennaio 2012 in 13:56
    Permalink

    buongiorno sono morena ho visitato un appartamento a dicembre del 2009 con un agenzia A e ho firmato il cedolino della visita. La sera stessa il mio fidanzato legge un annuncio immobiliare sul giornale e quando visita l ‘ immobile con l’agenzia B decide di acquistarlo. Siamo andati a convivere nell’appartamento che per caso avevamo visionato entrambe. Dopo due anni l’agenzia A pretende da noi la provvigione. Secondo me non ha diritto a niente dato che con l’agenzia A ho firmato io e con l’agenzia B ha concluso lui . Noi non siamo nemmeno sposati . Aspetto vostra risposta grazie

    Risposta
  • 13 gennaio 2012 in 16:50
    Permalink

    gentile Avvocato, ho firmato un documento di presa visione con l’agenzia. la casa mi piace. la casa verrà acquistata da mia moglie e cosi come il mutuo sarà intestato a mia moglie. mia moglie non ha firmato il documento di presa visione. posso non riconoscere la commissione all’agenzia?
    grazie cordiali saluti

    Risposta
  • 14 gennaio 2012 in 18:37
    Permalink

    Buongiorno,
    lo scorso marzo ho firmato per la presa visione di un immobile con un’agenzia che aveva un rapporto non esclusivo con il proprietario (scaduto il contratto di esclusiva, c’era un accordo tra loro per cui sia l’agenzia che il proprietario avrebbero potuto vendere l’immobile). Ho fatto una proposta di acquisto informale che è stata informalmente rifiutata dal proprietario. Nel frattempo, e a tutt’oggi, quest’ultimo si è rivolto ad altra agenzia. Tramite la prima agenzia abbiamo provato a ricontattare il proprietario facendo una seconda proposta (scritta questa volta), informalmente rifiutata dal proprietario, nonostante l’agenzia mi avesse assicurato che si sarebbe concluso. Non sono affatto soddisfatta del lavoro svolto dall’agenzia, considerato che la mia proposta era di poco al di sotto dell’ammontare dell’immobile. Mi è stato detto che allo scadere di un anno dalla firma per la presa visione potrei prendere contatti direttamente col proprietario (o con l’altra agenzia se in rapporto esclusivo) senza dover pagare i diritti di agenzia (della prima agenzia) è così? e il vincolo di un anno è valido anche per il proprietario dell’immobile?
    Grazie
    Luna

    Risposta
  • 17 gennaio 2012 in 00:49
    Permalink

    Salve, ho dato mandato ad una agenzia di vendere casa. Contratto a 8 mesi. Vorrei sapere:
    1. Se loro mi presentano un compratore disposto a pagare quanto deciso al momento del mandato sono costretto a vendere o posso tirarmi indietro pagando una qualche penale?
    2. Posso annullare il mandato quando voglio pagando la penale?
    Grazie

    Risposta
  • 17 gennaio 2012 in 12:32
    Permalink

    qualche tempo fa mio padre ha visionato un immobile tramite un’agenzia che ho successivamente acquistato io. l’agenzia immobiliare adesso chiede il pagemnto della provvigione a me e a mio padre, coobbligati in solido in quanto mio padre avrebbe agito in nome proprio e nel mio interesse ed io ho usufruito dell’attività dell’agenzia.
    Come mi comporto?

    Risposta
  • 18 gennaio 2012 in 21:40
    Permalink

    Buonasera,nel mese di marzo(circa)2011 vado a vedere diversi appartamenti in vendita con l’agenzia immobiliare,non mi colpisce nessuno(sia per il prezzo eccessivo che per il loro aspetto).Dopo qualche mese mi capita che visionando altri appartamenti mi capita uno gia visto in precedenza con un’altra agenzia.Questa volta l’offerta mi attira perchè il prezzo è molto più basso di quando io lo vidi in marzo.Faccio subito presente alla nuova agenzia immobiliare che era gia stato da me visionato con un’altra agenzia e mi viene risposto che non c’è problema.Faccio l’offerta e mi viene accettata.Naturalmente pago le spese di mediazione all’agenzia visto che ho concluso il tutto.Dopo circa 5 mesi mi contatta la prima agenzia che mi fece vedere l’immobile chiedendomi il compenso, perchè venuti a sapere che l’immobile è stato venduto anche se da un’altra agenzia.Cosa faccio pago 2 volte la mediazione?(premetto che il prezzo dell’immobile da me comprato è ben diverso da quello proposto dalla prima agenzia e che non ho mai avanzato una proposta con i primi).Scusate se mi sono dilungato.Ciao.

    Risposta
  • 20 gennaio 2012 in 20:47
    Permalink

    Buonasera. La siruazione è un po’ complicata.
    Abbimo ereditato una casa da una zia(7 nipoti) e l’abbiamo data ad un’agenzia per la vendita.
    A sett. ott. 2011 è stata venduta e chi l’ha acquistata ha versato la caparra: 20.000 euro. Poi, è risultao che un bagnetto(un solo sanitario) nello sgabuzzino lavanderia, finestrato, non era registrato al catasto.
    L’acquirente ci ha richiesto il doppio della caparra. L’agente immobiliare intanto aveva preteso subito i suoi soldi, in contanti, senza rilasciare fattura.
    Abbiamo preso un avvocato che ci ha rassicurato che non dovevamo rendere niente, , continuava a dire di non preoccuparci…Però, adesso, dopo i ns. numerosi solleciti all’avvocato e al geometra e dopo aver pagato una bella sanzione al comune, l’acquirente dice che siamo in ritardo.L’avvocato aveva riferito a mia sorella che sarebbe arrivata un’ingiunzione, ma di non preoccauparci. E’ notizia fresca che i tempi sono scaduti, che l’avvocato dice di aver sbagliato e ora ho rendiamo il doppio della caparra o la vendiamo sempre allo stesso acquirente scontata…Ma quel cretino di avvocato non sapeva che andavano rispettati i tempi??? Anzi continua a dire che s’informerà se il legale della controparte ha ragione….Possiamo denunciare l’avvocato e l’agente immobiliare che per altro non si è mai interessato minimamente alla ns. questione?
    Cordiali saluti.

    Risposta
  • 22 gennaio 2012 in 02:23
    Permalink

    Buona sera! volevo chiederle: io a luglio 2011 ho firmato una proposta d’aquisto tramite una agenzia secondo me furbetta e dovevamo rogitare per il 31 ottobbre, il fatto che non ho fatto intempo con la banca, che non ho trovato banca adatta alla mia portata il signore dell’agenzia ci ha fatto firmare a me ed il propietario un semplicissimo foglio con una proroga fino al 30giugno 2012. adesso sinceramente vorrei uscirmene e non comprare + anche perchè oggi come oggi con questi spread è un casino. la mia domanda è: ma se mi facessi sordo e non mi farei più sentire dall’agenzia e farei scadere il tutto??? posso svincolarmi così??? ho paura che questo furbetto mi chiede di pagargli il lavoro che ha fatto che poi non ha fatto propio nulla….. lo dico perchè gli avevo detto che non ce la faccio ad ottenere un mutuo e lui mi ha buttato questa battutuna: NON ABBIAMO LAVORATO INUTILMENTE, IO VORREI PAGATO LE SPESE QUALORA TI RITIRASSI + LA CAPARRA AL PROPIETARIO. cosa mi consigliate??? vi prego aiutatemi!!!!!

    Risposta
  • 26 gennaio 2012 in 13:24
    Permalink

    Buongiorno,
    ho visto una casa con un’agenzia e ho deciso che poteva valere la pensa fare una proposta d’acquisto. Ho chiesto di vederla più volte, perchè in fase di ristrutturazione, e volevo verificare che i lavori che venivano fatti fossero davvero di pregio, come detto dall’agenzia. Ho quindi visto la casa con una mia amica architetto che mi ha fatto una valutazione tecnica e ho parlato con il proprietario (sempre tramite l’agenzia e con la presenza dell’agente). Decido di fare la proposta e prendo appuntamento in agenzia. Arrivo in agenzia pronta a compilare il modulo e firmare l’assegno, e propongo all’agenzia una cifra (che è di 10mila euro inferiore rispetto alla cifra richiesta): ovviamente tento di ribassare, e contrattare, come farebbe chiunque (il mercato!). L’agenzia mi impedisce di fare la proposta, dicendomi che non aveva intenzione di perdere tempo e farmi perdere tempo (nonostante io avessi sempre detto, anche durante le visite, che avevo intenzione di proporre una cifra inferiore alla richiesta, di circa 10mila euro). Insisto, chiedo all’agenzia di fare un tentativo. L’agenzia chiama il proprietario, che ovviamente mantiene la sua richiesta (l’avrei fatto anche io) … chiedo comunque di provare a fare la proposta d’acquisto per iscritto, per ufficializzare la mia proposta… ma niente, mi viene vietato! Saluto l’agenzia, sottolineando che a quella casa ci tenevo e mi era dispiaciuto non poter avere la possibilità di provare ad acquistarla. Mi reco in un’altra agenzia, per vedere le opportunità e questa seconda agenzia mi dice dello stesso immobile. Racconto i fatti alla seconda agenzia, dicendo che non avevo potuto fare la proposta, ma che ero interessara, per quella cifra, a provarci. La second agenzia mi darà l’opportunità di fare la proposta d’acquisto. Adesso però, leggendo su internet vari commenti, mi viene il dubbio di incorrere in sanzioni o provvigioni che non ho preventivato. Se concludo l’affare con la seconda agenzia, cosa devo alla prima, che mi ha impedito di fare la proposta? Mi sembra ingiusto dover pagare la provvigione ad un’agenzia che mi ha vietato la proposta d’acquisto … grazie, saluti

    Risposta
  • 30 gennaio 2012 in 14:39
    Permalink

    Salve,
    ho un contratto con un’agenzia immobiliare per la vendita del mio immobile. Il 31 di gennaio 2012 cioè domani scade automaticamente senza dover dare disdetta, ma l’agenzia ha stipulato un contratto con un cliente che ha fatto una proposta di acquisto da me giudicata insufficiente, prima di questa data, che avrà durata fino al 3 febbraio 2012. Quello che desidero sapere, sono comunque vincolata con l’agenzia se trovo io un acquirente a partire dal 1 febbraio o posso vendere tranquillamente?

    In attesa di un Vs riscontro Vi saluto buona giornata e buon lavoro

    Andrea

    Risposta
  • 31 gennaio 2012 in 23:20
    Permalink

    ho acquistato casa tramite un’agenzia immobiliare…ho già firmato il compromesso e ho già dato la caparra!devo pagare qualcosa all’agenzia perchè fino ad ora non si è ancora parlato di questo in agenzia…io comunque non ho firmato niente da loro! grazie

    Risposta
  • 1 febbraio 2012 in 15:42
    Permalink

    Ciao,

    Abbiamo fatto una proposta di acquisto, tre mesi fa, tramite una agenzia che non e stata accetata. Adesso questo appartamento e in vendita con due agenzie, e noi vogliamo fare un altra proposta ma non con la stessa agenzia. Volelo sapere se magari il proprietario acceta questa offerta la prima, agenzia a dirritto alla provvigione? E da chi? Da noi o dal proprietario? Grazie

    Risposta
  • 2 febbraio 2012 in 13:07
    Permalink

    Buongiorno,
    a settembre 2009 ho stipulato un contratto in esclusiva con un’agenzia immobiliare, con scadenza 31/12/2012, per la vendita del mio appartamento.
    Da allora, ho ricevuto solo una proposta a ventimila euro meno rispetto al prezzo indicato sul contratto. A seguito del mio rifiuto, l’agente verbalmente dichiara di volersi sollevare dall’incarico. Affida la vendita a suoi colleghi della stessa agenzia, ma fino ad ora nessuna proposta. Motivano il tutto con le mutate condizioni di mercato e quindi il prezzo elevato.
    Domande:
    1. E’ professionale e ragionevole stipulare un contratto in esclusiva per tutto questo periodo?
    2. Posso chiedere la rinegoziazione del contratto modificandone le condizioni, avvalendomi quindi delle mutate condizioni di mercato?
    3. Posso ritenere la loro proposta non congrua al mandato e rescindere dal contratto?
    Grazie.
    Arrivederci.
    (vi chiedo di non pubblicare l’indirizzo e-mail)

    Risposta
  • 3 febbraio 2012 in 11:57
    Permalink

    Nell’agosto 2011 ho affidato la vendita del mio immobile ad un’agenzia: non vi sono ancora trattative,ma ieri l’agente immobiliare mi ha comunicato che una recente normativa obbliga il venditore a produrre la certificazione energetica già in agenzia. E’ vero? Grazie.

    Risposta
  • 3 febbraio 2012 in 12:45
    Permalink

    buon giorno,

    i miei genitori stanno per vendere una casa tramite un agenzia. la mia domanda e, da qual punto dice la legge che vengano date le chiavi al nuovo proprietario? si puo aspettare sin quando vengono versati i soldi sul conto bancario dei miei genitori? grazie per la risposta.

    Risposta
  • 5 febbraio 2012 in 20:50
    Permalink

    Salve volevo dei chiarimenti in merito ad uan spiacevole vicenda accaduta a mia cognata.
    Mia cognata firma un compromesso dando la caparra a un venditore che precedentemente avendo parlato con il costruttore le accordano una riduzione sull’immobilequalche ora dopo chiama l’agenzia immobiliare per far presente che non erano in diritto di abbassare il prezzo e che il “contratto” e’ nullo e che per tanto possono andare a riprendersi l’assegno.Adesso mi chiedo e’ normale che un agenzia “scavalchi” un costruttore?? ed in piu’ che diritto hanno di farlo??
    Grazie

    Risposta
  • 6 febbraio 2012 in 14:42
    Permalink

    salve , nel 2011 , aprile con esatezza , ho visto una casa tramite un’agenzia senza firmare nessun tipo di accordo o altro , poi per diversi motivi ho deciso di non concludere l’affare , ripeto senza alcun tipo di impegno cartaceo , ad oggi non ho più risentito il titolare dell’agenzia il tutto è finito con un arrivederci , La mia domanda : se volessi comprare ora la casa vista ad aprile , ho degli impegni , obblighi , con quell’agenzia ? grazie Giancarlo

    Risposta
  • 6 febbraio 2012 in 18:02
    Permalink

    Boun Giorno,

    Ho fatto una proposta irrecavile di acquisto con delivera del mutuo. Non ho riuscito a fare il mutuo per la quantita richiesta come da contrato. Adeso la immobiliaria non vuole ritorname il deposito. Che poso fare?

    1 Non ho mai recivuto la rispota positiva del venditore o communicazione di aceptazion.
    2 Ho inviato la disdetta tramite racomandata con la negativa al mutuo.

    Scusate gli errori sono estraniero.

    Risposta
  • 6 febbraio 2012 in 22:49
    Permalink

    Buonasera,
    ho disdetto entro itermini un contratto in esclusiva di 6 mesi per la vendita del mio appartamento con un’agenzia, ora la sudetta dopo pochi giorni dalla desdetta mi mandano una raccomandata, dicendomi che hanno diritto alla provvigione nel caso in cui io venda la casa ad un condomino del mio palazzo perche il sudetto condomino è venuto aconoscenza della vendita mediante i loro mezzi pubblicitari e lettere nelle cassette postali e quindi chiedono la provvigione sia da me che ad eventuale condomino che aquisti il mio appartamento. Io in effetti sto vendendo casa ad un condomino ed ho anche fatto il compromesso, ovviamente dopo la scadenza del contratto, ed il condomino era gia da me messo al corrente della vendita prima di fara il contratto con l’agenzia e lo stesso condomino non si è mai rivolto ho preso contatti con l’agenzia anche solo telefonicamente.
    grazie fin d’ora

    Risposta
  • 9 febbraio 2012 in 19:49
    Permalink

    Buongiorno,
    quali punti bisogna ben definire per poter dare un mandato di vendita a due agenzie, senza incorrere in futuri problemi?
    Noi abbiamo dato un incarico di vendita ad una agenzia con esclusiva per acquirenti di una determinata zona e libera per tutto il resto. Dal momento che da oltre un anno nulla si muove pensavamo di coinvolgere una seconda agenzia che possa proporre l’immobile in zone diverse da quelle della prima.
    A cosa dobbiamo stare attenti e come dovremmo formulare gli incarichi di vendita?
    Grazie

    Risposta
  • 12 febbraio 2012 in 12:25
    Permalink

    salve,io ho fatto una proposta d’acquisto per una casa ad un agenzia con un assegno dicendomi che serviva solo per bloccar la casa per un mese…i proprietari han rilanciato facendo una controproposta io a mia volta ho rilanciato..ma volevo sapere se l ‘appartamento l’agente immobiliare poi farlo vedere ad altre persone nel mese in cui l’appartamento e bloccato dal mio assegno?

    Risposta
  • 13 febbraio 2012 in 16:39
    Permalink

    Salve, io e mio marito abbiamo sottoscritto una proposta di acquisto per un immobile nello scorso novembre versando 5000 euro la proposta è stata accettata e abbiamo anche ricevuto il telegramma di conferma.L’immobile è un A 10 uso ufficio e c’è quindi da pagare un condono.Nella proposta di acquisto abbiamo specificato che avremmo comprato l’immobile solo dopo che il propietario abbia pagato il condono e solo se ci avessero accettato la richiesta del mutuo.Avevamo messo dicembre come data del compromesso e giugno per il rogito ma poi è stato specificato che le date dipendevano dall’ottenere il foglio di condono visto che senza non possiamo richiedere il mutuo.Oggi febbraio 2012 la proprietaria ha avuto il conteggio del condono da pagare intorno ai 15.ooo euro ma non ha i soldi per pagarlo.La proposta di acquisto ha una durata?In caso la proprietaria non pagasse il condono e come se lo disdicesse e mi deve ridare i 5000 eruro o il doppio come penale?l’agenzia vorrebbe farci fare il compromesso versare l’anticipo che volevamo darle cioe 25000 e cosi la proprietaria paga il condono e se ilmutuo non ci venisse concesso?mi sembra un azzardo.
    Ps.. i 5000 euro della caparra non sono stati incassati ancora dal proprietario ma l’assegno è stato emesso

    Risposta
  • 15 febbraio 2012 in 15:14
    Permalink

    ho avuto per un anno un immobile in vendita in agenzia firmando l’esclusiva.da due mesi ho tolto l’incarico.cosa rischio se vendo l’immobile a una persona che aveva già visto l’immobile tramite l’agenzia?vorrei una risposta….grazie

    Risposta
  • 20 febbraio 2012 in 11:39
    Permalink

    Buongiorno, io ho fatto un’offerta due settimane fa per un’immobile tramite l’agenzia immobiliare. Dopo due giorni dall’offerta ci viene comunicato dall’agenzia che l’offerta è rifiutata perchè troppo bassa rispetto a quello che chiedono i proprietari di casa e che soprattutto l’importo che offriamo non copre i debiti che hanno in essere i proprietari di casa. Abbiamo chiesto poi una firma per rifiuto offerta da parte dei proprietari che ci è stata rifiutata. Pertanto ci siamo recati a casa dei proprietari di casa i quali ci dicono che non hanno visto la nostra offerta. E’ legale tutto questo? Noi possiamo incorrere in problemi da parte dell’agenzia per esserci recati dai proprietari di casa solo per ricevere chiarimenti?
    Grazie.

    Risposta
  • 20 febbraio 2012 in 21:27
    Permalink

    A me personalmente non vanno molto a genio le agenzie immobiliari… Dovrebbero versare una quota al venditore in modo da essere loro stessi incentivati a vendere la casa… Così chiunque potrebbe fare l’agente immobiliare…. Attenzione non sto sminuendo affatto le agenzie immobiliari è semplicemente una considerazione personale.

    Risposta
  • 22 febbraio 2012 in 21:18
    Permalink

    salve,
    mi piace un appartamento in vendita tramite agenzia immobiliare,sarei andato in questi giorni a versare la caparra solo che stasera l’agenzia mi ha avvisato che la propietaria è caduta e si è fatta male.
    vorrei sapere come comportarmi in questo caso e se versassi comunque la caparra e la propietaria non può muoversi cosa succede?grazie

    Risposta
  • 26 febbraio 2012 in 00:01
    Permalink

    Sarei grata di sapere se, visionando un immobile con una agenzia, e solo verbalmente si è parlato di prezzo ,lo stesso immobile il giorno dopo lo trovo a prezzo minore in un altra agenzia cosa posso fare ,posso acquistarlo nella 2 agenzia senza pagare la prima ?

    Risposta
  • 26 febbraio 2012 in 01:37
    Permalink

    Salve,
    vorrei sapere se il conduttore di un’abitazione/appartamento in vendita, che poi esercita il dir. di prelazione sulla vendita (…o meglio sul contr. preliminare/compromesso d’agenzia immobiliare) ha lo stesso obbligo di ‘pagare’ l’agezia (…così come credo ha l’obbligo di fare almeno il locatore/venditore che ha incaricato l’agente imm.)?
    Un pò come nel caso del dir. di prelazione del terreno in vendita da parte del confinante coltivatore diretto.
    Ringrazio anticipatamente…

    Risposta
  • 27 febbraio 2012 in 17:21
    Permalink

    Buongiorno. chiedo scusa perchè ho già letto domande simili nella discussione, ma nessuna è la mia situazione e quindi preferirei avere una risposta specifica. Un anno e mezzo fa ho visto una casa con agenzia. nessuna trattativa e nessuna proposta (costava troppo). Un anno e due mesi fa il proprietario ritira con raccomandata il mandato alla agenzia. Oggi la ha messa in vendita privatamente e adesso potrei acquistarla. La presa visione dovrebbe prescriversi in un anno (e io l’ho vista 18 mesi fa. corretto? ma quale è l’articolo di legge che tutela questo aspetto???), ma io dovrei qualcosa alla agenzia a qualunque titolo? ricordo che il venditore ha esercitato il recesso del contratto oltre dodici mesi fa. ringrazio per la risposta che vorrette darmi, non riuscendo a trovare l’articolo di legge che parla di prescrizione non so se quello del codice civile che cita il diritto al compenso del mediatore valga per sempre dopo la presa visione. grazie per chiarirmi questo dubbio, non vorrei commettere passi falsi.

    Risposta
  • 2 marzo 2012 in 14:18
    Permalink

    Buongiorno,
    tempo fa avevo affidato l’incarico ad un agenzia per la vendita della mia casa, entro la scadenza del mandato con regolare raccomandata ho comunicato che non intendevo rinnovare l’incarico.
    Pochi giorni fa ho venduto la casa ad una coppia che mi ha contattato tramite una conoscenza comune.
    Oggi ricevo la raccomandata dell’agenzia che m’impone il pagamento della provvigione perchè uno dei due aveva visto l’appartamento durante il loro mandato.
    Poichè io non ero assolutamente stato informata della circostanza, sono tenuta al pagamento della provvigione?
    Grazie fin d’ora per l’aiuto che saprete darmi.

    Risposta
  • 2 marzo 2012 in 15:56
    Permalink

    Buongiorno, nel mese di dicembre 2010 cercando casa da acquistare, ho trovato un annuncio privato su un sito. Mi sono messo in contatto per vedere la casa. Nello stesso tempo, poichè dovevo recarmi in Sardegna per visionare la stessa, ho preso altri appuntamenti e fra questi anche con un’agenzia immobiliare.
    Arrivato sul posto l’agenzia mi ha fatto vedere alcune case. Nel pomeriggio avevo appuntamento con il costruttore che avevo contattato in dicembre e con mia grande sorpresa scopro che alcune delle case da lui proposte erano state date anche all’agenzia. La mia scelta ricade su una casa della quale l’agenzia non aveva il mandato ma che si trovava nel contesto delle altre. Più tardi torno in agenzia, dico che il costruttore mi ha fatto vedere delle case e che la mia scelta era ricaduta su una che non era gestita da loro ma che comunque mi sarei avvalso della consulenza. Davanti a me chiamano il costruttore il quale ribadisce che il mandato per quella casa era scaduto e che comunque era d’accordo di procedere con l’agenzia. Ho deciso di avvalermi anche della consulenza dell’agenzia per la richiesta del mutuo. Il costruttore da un termine entro il quale si deve fare tutto. Lascio un assegno a garanzia. Purtroppo la mia domanda di mutuo non va a buon fine e l’agenzia mi restituisce l’assegno. Dopo qualche mese ricontatto il costruttore. La casa non è ancora stata venduta e riprovo a chiedere il mutuo (per conto mio) che è andato a buon fine. Firmiamo il rogito. Qualche giorno fa l’agenzia mi ha inoltrato una raccomandata con la richiesta di pagamento. Ritengo di non dover pagare nulla in quanto l’agenzia non ha fatto più nulla e mi aveva addirittura restituito l’assegno. Ribadisco che la casa l’avevo trovata per conto mio ed io stesso avevo tirato in mezzo, maledettamente, l’agenzia. Come mi devo comportare? Mi potete rispondere presto? Mi hanno dato 5 giorni di tempo per pagare.
    In attesa di un gradito cenno di riscontro, porgo distinti saluti.

    Risposta
  • 4 marzo 2012 in 21:19
    Permalink

    Salve,
    Mi chiamo moreno, io e altri due miei fratelli abbiamo deciso di vender casa, solo che per l’esclusiva abbiamo firmato in due.
    Ora ci troviamo male con codesta agenzia e vogliamo rescindere la cosa, è valido appellarsi alla terza firma mancante per la legittimità del contratto?

    Risposta
  • 6 marzo 2012 in 15:44
    Permalink

    Salve, ho sottoscritto una proposta irrevocabile di acquisto di un immobile mediante agenzia immobiliare la quale è stata accettata dal venditore. Successivamente quando ci siamo incontrati in agenzia, il venditore ha ritrattato il prezzo dell’immobile e ha sciolto il contratto firmato qualche giorno prima. Il venditore mi ha contattato successivamente e mi ha proposto di concludere la compravendita di nascosto aggiungendo la provvigione dell’agenzia al prezzo di vendita dell’immobile e dicendomi che avrebbe sistemato tutto personalmente con il titolare dell’agenzia immobiliare. Se dovessi accettare la sua proposta, un domani l’agenzia potrebbe richiedermi il pagamento della provvigione pur non avendo io colpa dell’annullamento del contratto? Cosa potrei fare per tutelarmi dal pagamento della provvigione all’agenzia? Sarebbe opportuno far rilasciare una dichiarazione di rinuncia di pagamento provvigione? Grazie

    Risposta
  • 7 marzo 2012 in 09:20
    Permalink

    Buongiorno. Possiedo 2 appartamenti, entrambi messi in vendita senza conferire alcun mandato scritto a nessuna agenzia, bensì avvalendomi della collaborazione di alcune agenzie (3-4), che, se ottengono la vendita di uno dei 2 appartamenti, riceveranno da me le provvigioni richiestemi. Detto questo, uno dei 2 appartamenti é occupato da me, e intendo venderlo per ultimo, in quanto dopo la vendita traslocherò in una nuova casa già fermata. L’altro appartamento é libero, ed era stato fermato con una proposta di acquisto da un’agenzia a dicembre. Purtroppo, la possibile acquirente si é ritirata, per cui, non volendo essa pagarci quanto aveva sottoscritto nella proposta da lei firmata, abbiamo avviato causa nei suoi confronti. Ora questo appartamento é tornato vendibile, nel frattempo però un’altra agenzia ha richiesto che io potessi fare vedere loro l’appartamento occupato da me. Io pur precisando loro le mie intenzioni di venderlo per ultimo, ho comunque fatto vedere l’appartamento a loro, e quindi ad un loro cliente. Successivamente questa agenzia ha ritirato una proposta scritta da questo cliente. Ora, dovendo rifiutare questa proposta non avendone ancora nessuna per il primo appartamento da vendere (e quindi, non volendo correre il rischio di non avere più ad un certo punto un tetto sopra la testa…), l’agenzia che ha ritirato questa proposta, al mio rifiuto di accettarla può pretendere qualche sorta di adempimento a provvigioni che avrebbero potuto prendere dal cliente che ha fatto la proposta, o comunque possono chiedermi dei danni? Ribadisco che detta agenzia non ha nessuna impegnativa firmata dal sottoscritto. Vi ringrazio molto, e mi scuso per la lungaggine della domanda. Cordialmente, Giovanni.

    Risposta
  • 7 marzo 2012 in 22:27
    Permalink

    Mi è capitato di acquistare una casa, vista con diverse agenzie, ma anche con intermediari occasionali. Dopo aver infine scoperto dal legittimo proprietario che il mandato di cui una delle tante agenzie aveva per iscritto, era stato firmato da un nipote ,senza procura, e non appunto dal venditore. A questo punto ho deciso di non pagare nessuno visto l’irregolarità della cosa,oggi mi viene però chiesta una mediazione dall’agenzia x che dimosttra di avere questa sorta di mandato, ma non firmato dal proprietario, bensì da questo parente.Cosa devo fare?Secondo voi cè un’illeggittimità nel chiedermi una provviggione se in assenza di un valido mandato?

    Risposta
  • 13 marzo 2012 in 08:40
    Permalink

    L’agente immobiliare ha l’obbligo di restituirmi la somma che gli ho versato visto che il compromesso è naufragato a causa della mancata erogazione del mutuo all’acquirente? Io so che l’acquirente ormai non può più richiedere la somma che mi ha dato, ma l’agenzia???? vorrei saperlo al più presto
    grazie

    Risposta
  • 17 marzo 2012 in 22:58
    Permalink

    Volevo chiedere se è normale che un’agenzia immobilare (molto nota) mi chieda due anni di esclusiva per la vendita di una villetta a schiera d’angolo di 250 mq del 1994 con rifiniture di buon livello e molto ben tenuta in splendida posizione a meno di un km dal centro della città giustificando tale richiesta con il fatto che il mercato oggi non offre molte possibiltà e che devono spendere molti soldi in pubblictà.
    Cordiali saluti.
    Franco.

    Risposta
  • 20 marzo 2012 in 15:14
    Permalink

    Buongiorno,
    ho visionato tramite un agenzia un appartamento. Vorrei fare un offerta di acquisto inferiore del 10% del prezzo richiesto ma prima di vincolarmi con un offerta scritta vorrei sapere se il proprietario potrebbe esser interessato e/o eventualmente trattare +/- 5000 euro.

    L’agenzia si rifiuta di muoversi in assenza di una proposta vincolante d’acquisto ma onestamente non vedo perché perdere 2 gg tra banca catasto tavolare etc per poi vedersi respingere immediatamente l’offerta perché troppo bassa.

    L’agenzia immobiliare si sta comportando correttamente o vogliono solo avere qualcosa di scritto in mano per tutelare loro stessi ? (non mi hanno fatto firmare nulla durante le 2 visite)

    Risposta
  • 22 marzo 2012 in 17:17
    Permalink

    Gentile Avvocato

    A luglio 2011 abbiamo dato mandato in esclusiva ad agenzia immobiliare. Ci ha portato clienti fino a novembre e poi più nulla.Purtroppo il mandato scade a luglio.
    Possiamo recidere dal contratto per inadempienza da parte dell’agenzia? Se nel frattempo troviamo noi un venditore come ci dobbiamo comportare?

    Grazie per il vostro aiuto

    Risposta
  • 3 aprile 2012 in 17:28
    Permalink

    Salve, tempo fa ho deciso di vendere la mia casa ed ho interpellato un’agenzia immobiliare. Conclusione riescono a vendermi la casa ma ora pretendono che lasci la casa con faretti condizionatori impianto d’allarme e placche. Sul contratto iniziale non c’era scritto che avrei lasciato tutto ciò; verbalmente era stato detto nella loro sede che avrei lasciato la casa nuda ma completamente funfionale come dovrei comportarmi ora. Che dice la legge? Io mi sento truffato.

    Risposta
  • 4 aprile 2012 in 08:24
    Permalink

    Ho sottoscritto la mia proposta da fare al venditore di una casa, questi dopo qualche giorno ha accettato la mia proposta. In seguito sono stato informato che nella casa in questione oltre al venditore vive una famiglia extra comunitaria di 4 persone che pagano un piccolo affitto di una stanza, inoltre la casa è una donazione fatta dalla madre del venditore allo stesso, questi però ha una sorella che a sua volta ha una figlia. Ho chiesto delle garanzie e cioè una lettera degli inquilini che si impegnano ad uscire al momento del preliminare e una della sorella che attesta non avere nessuna pretesa in merito alla donazione. Ho dato all’agenzia un assegno di 3.000 euro come anticipo dell’attività di mediazione. Dopo quasi 2 mesi da tale consegna vedendo che nessun documento mi veniva consegnato ho deciso di ritirare la mia proposta. L’agenzia mi chiede la provvigione intera che ammonta a 7.550 euro. Sono obbligato a darla? Grazie per la risposta.

    Risposta
  • 10 aprile 2012 in 16:32
    Permalink

    Buon giorno,tramite agenzia immobiliare sto vendendo un piccolo rustico,il mandato per la vendita è in scadenza,ma l’affare non è ancora andato in porto,per colpa della banca dell’acquirente.
    Io l’agenzia immobiliare l’ho già pagata.Nel caso la compravendita non andasse a buon fine l’agenzia mi deve restituire si o no la quota che ho già pagato.Loro mi hanno fatto regolare fattura al momento del compromesso a dicembre 2011.
    Grazie umberto

    Risposta
  • 26 maggio 2012 in 15:58
    Permalink

    buongiorno.
    sono stata contattata dall’agenzia FIMA per la vendita della mia casa. in tempi rapidissimi, vogliono che firmi il contratto di incarico di mediazione.
    Qualcuno ha avuto a che fare con questa agenzia? sono sospettosa.
    grazie!

    Risposta
  • 30 giugno 2012 in 18:43
    Permalink

    Un agente immobiliare pretende provvigione da me in un cantiere dove ha fatto vedere la villetta a schiera n. 8 e la villetta a schiera n. 9 facendomi firmare un foglio di visita con scritto l’indicazione del cantiere senza la precisazione del numero civico.
    Poi io ho scelto la villetta di testa n. 10 comunicando subito all’operatore di agenzia la diversa intenzione di acquisto che ho poi realizzato due mesi dopo direttamente con l’imprenditore edile, curando io personalmente il preliminare e l’acquisto fino a rogito.
    Non mi sembra tanto giusto meriti la provvigione.

    Risposta
  • 18 ottobre 2012 in 17:58
    Permalink

    Buongiorno,
    il mio compagno a marzo ha messo in vendita il suo appartamento con un’agenzia, con un mandato che scade il 30 ottobre 2012. Circa due mesi fa, anche in seguito alla malattia, e poi sopraggiunta morte della madre, lui ha deciso di non vendere più, e il 10 ottobre ha inviato all’agenzia una raccomandata AR (come stabilito nel contratto di mandato) per comunicare che allo scadere del mandato, esso non sarebbe più stato rinnovato. Ora l’agenzia (che pure nei mesi del suo mandato ha ogni tanto organizzato degli appuntamenti, nessuno dei quali ha dato riscontro) continua ad assillarlo di chiamate perchè vuole parlargli di persona e perchè “deve assolutamente fissare un colloquio con dei clienti interessatissimi”. Domanda: se nelle 2 settimane tra la raccomandata di disdetta e la fine del contratto l’agenziariesce a vendere la casa, il mio compagno è tenuto a venderla per forza, o a pagare all’agenzia comunque la provvigione in caso di rifiuto a vendere? Il mio compagno teme che l’agenzia stia facendo di tutto pur di non perdere il suo guadagno. Come ci si può difendere? Grazie per una celere risposta.

    Risposta
  • 25 ottobre 2012 in 16:47
    Permalink

    Buonasera un quesito.Se io firmo un contratto di mandato a vendere ad una agenzia, prima della data di decorrenza ufficiale di quest’ultimo,e decido (sempre prima della data di decorrenza ufficiale del contratto)di vendere per conto mio sono libero di recedere?Grazie

    Risposta
  • 23 gennaio 2013 in 10:15
    Permalink

    Salve,io e mio marito abbiamo deciso di acquistare casa. Abbiamo visto una casa tramite agenzia e ci piace molto. Al momento dell’offerta, in cui dobbiamo versare un importo di € 3.000 come dimostrazione del nostro impegno, chiediamo all’agenzia di mettere all’interno della proposta la clausola: “salvo buon fine mutuo”. L’agenzia si rifiuta, dicendo che non vuole e che la parte venditrice non sarebbe d’accordo in quanto le bloccheremo l’immobile per 15 giorni e che il mutuo qualora non venisse accettato la parte venditrice avrebbe perso solo tempo. Io mi chiedo e perchè io devo invece rischiare di perdere €.3000? Inoltre pochi giorni dopo mio padre navigando in internet trova l’immobile in questione in vendita anche privatamente dalla signora. Quindi mi sono data la rispota alla precedente domanda. L’agenzia non ha voluto mettere la clausola sbf perchè la sig.ra vende anche privatamente. Ora come posso fare io a cautelarmi???? Non posso andare dalla sig.ra perchè ho visto la casa tramite agenzia, devo pagare la commissione di vendita all’agenzia e inoltre rischiare anche 3.000€!!! Grazie aspetto una vostra celere risposta

    Risposta
  • 11 febbraio 2013 in 20:04
    Permalink

    Salve sono Rosy,Volevo sapere da voi se è corretto che un agenzia immobiliare che vende un immobile al di sotto dei 100.000,00 senza aver avuto incarico dal cliente , può chiedere allo stesso una provvigione pari a 3.000,00 euro più iva?
    Vi chiedo questo perchè a mia cugina è successo questo e sinceramente mi ha lasciata un pò perplessa.
    Grazie mille.

    Risposta
  • 19 febbraio 2013 in 22:24
    Permalink

    Buonasera,sette mesi fa mio fratello ha sottoscritto mandato di vendita di un appartamento per la cifra di 190.ooo € ,una settimana fa l’agente si è permesso di abbassare la cifra di 10.000 € senza consultarlo l’ha scoperto per caso su bacheca internet !!!cosa si può
    fare ? si può revocare il mandato per quest scorrettezza ? Grazie in anticipo.

    Risposta
  • 13 marzo 2013 in 15:29
    Permalink

    Buongiorno, ho visionato tramite agenzia immobiliare per due volte un appartamento e non abbiamo concluso la vendita perchè il proprietario non si trovava d’accordo sulla mia offerta verbale: A scadenza del contratto tra il venditore e l’agenzia – due mesi dopo la nostra visita – il proprietario mi ha contattato per l’acquisto tra di noi. Siamo sia io che il proprietario obbligati a riconoscere all’agenzia la mediazione? Per quanto tempo dura l’obbligo?. Se l’acquisto lo dovesse fare mia figlia, rimane comunque l’obbligo della mediazione da parte mia? E’ possibile avere un suggerimento per non dover pagare questa cifra, considerando che nel contratto il venditore si era lasciata libertà di vendere anche privatamente. La ringrazio, sperando le sia possibile una sollecita risposta . Cordialità Francesca
    – ( se la risposta è pubblica la prego di omettere i miei dati grazie ).

    Risposta
  • 15 marzo 2013 in 13:37
    Permalink

    I primi del mese prendo appuntamento con un’agenzia immobiliare per visionare un appartamento. Dalla cifra richiesta io ne ofro una piu bassa ed il mediatore mi dice che farà presente al venditore. Dopo 2 giorni mi invita ad andare in ufficio e portare un assegno. Mi fa firmare un documento secondo cui entro il giorno 10 di questo mese avremmo avuto la risposta. L’agenzia mi richiama il giorno 12 (quindi a tempo scaduto) dicendomi che la proprietaria si riservava di darmi una risposta lunedi 18 perchè doveva parlare con i nipoti. In sostanza cosa devo fare se mi risponde no?

    Risposta
  • 7 aprile 2013 in 15:48
    Permalink

    Buon Giorno

    Volevo sapere per cortesia, in caso una persona firmi un contratto di compravendita e dopo alcuni mesi rilegendo, il contratto si accorge che non e’ stata scritta la data della durata. in questo caso come si stabilisce la durata?

    Risposta
  • 5 maggio 2013 in 18:46
    Permalink

    Buona sera, volevo un vostro cortese consiglio: ho deciso di vendere la mia casa con agenzia, quest’ultima si è presentata con un contratto di incarico solo in esclusiva, dal contratto però non si evince che tipo di servizi offre, nel senso pubblicitò, ecc. in caso di incarico per 4 mesi che si risolva in un nulla di fatto per me sono obbligata a pagargli la cauzione?
    Grazie!

    Risposta
  • 10 maggio 2013 in 11:33
    Permalink

    buongiorno ho un mandato in esclusiva con una agenzia immobiliare che non mi ha portato nessun cliente e il contratto scade a settembre forse riesco a vendere casa per conto mio devo pagare agenzia? inoltre questa cliente e’ una signora che era venuta circa un anno fa con un altra agenzia a cui avevo dato mandato, (poi disdetto regolarmente) non e’ che devo pagare anche lui?

    Risposta
  • 13 giugno 2013 in 07:29
    Permalink

    Buongiorno. Io venditore ho firmato una proposta d’acquisto due mesi fa con caparra confirmatoria, ma legata al mutuo. Era scritto che sarebbe seguito il preliminare e poi il rogito in attesa della successione. Senza nessuna data.
    Subito dopo l’agente ci dice che dobbiamo procedere con la successione a cui sarebbe seguito il preliminare,invece l’agente con la scusa di stare male non è reperibile e gli acquirenti non rispondono alle nostre sollecitazioni circa la data del compromesso ignorandoci.
    Domamnde: Come possiamo recidere dalla proposta senza date? Come procedere? Dobbiamo il doppio della caparra, mai ricevuta perchè depositata dal notaio? Siamo soggetti a un raggiro contro di noi?
    Grazie Michela

    Risposta
  • 13 giugno 2013 in 07:31
    Permalink

    Dimenticavo: una proposta del genere è valida o è nulla data l’assenza di date o siamo legati a vita ad acquirenti fantasma?

    Risposta
  • 23 luglio 2013 in 01:08
    Permalink

    Buonasera, mia sorella ha fatto ad agosto 2012 un compromesso x l’acquisto di una casa sprovvista di condono, se alla data del 31/8 non si fosse sbloccata la situazione condono le parti sarebbero state libere , mia sorella ha già pagato la parcella all’agenzia e la caparra alla proprietaria . L’agenzia comunica che fino al 25/8 non si potranno avere notizie sul l’esito della richiesta di condono quindi non si potrà rispettate i tempi del compromesso quindi mia sorella dice se al 31/8 non si conclude noi rivogliamo i ns soldi e punto. I questi giorni mia sorella rivede l’immobile in vendita. Ripeto che la scadenza del compromesso è 31/8. Lo possono fare?? Come si deve comportare!?? Grazie in anticipo

    Risposta
  • 26 luglio 2013 in 14:51
    Permalink

    Dottore/Dottoressa buonasera,
    ho una bella gatta da pelare da esporvi, e spero tanto che possiate darmi una mano
    io e mia moglie abbiamo trovato la casa dei nostri sogni, anche perche’ avendola presa in piena costruzione abbiamo potuto scegliere ogni materiale,e abbiamo firmato un compromesso di venmdita con data per il rogito (30 maggio 2013), ma ad oggi ancora non siamo riusciti ad entrare il possesso dell’appartamento, tutto’ cio’ perche , i lavori interni sono stati tutti ultimati, ma gli esterni no, per esterni intendo tutta la recinzione di ferro che deve sormontare il muretto e la scala esterna!!!!!
    il venditore continua a slittare la fine dei lavori di 15 giorni in 15 giorni, nel compromesso non sono state messe nessun tipo di clausola inerenti a rimborsi per ritardi, come ci dobbiamo comportare????
    aspetto una Sua risposta in merito
    le porgo i miei piu sinceri saluti

    Alex Pirastru

    Risposta
  • 26 luglio 2013 in 14:55
    Permalink

    dimenticavo, naturalmente nel compromesso, le parti si impegnano a vendere l’appartamento completamente finito, in ogni sua parte!!!

    Risposta
  • 14 ottobre 2013 in 17:44
    Permalink

    buonasera. sto vendendo un appartamento. in tutti i questi mesi varie agenzie lo hanno visionato ma io non ho mai firmato nulla e ho sempre specificato che non avrei dato il mandato a nessuna agenzia. oggi mi ritrovo in internet un annuncio di vendita da parte di un agenzia,del mio appartamento, con delle foto fatte da loro probabilmente mentre qualcun altro mi distraeva. come dovrei reagire? probabilmente hanno compromesso la vendita e ancora non ho capito bene come prendessero accordi visto che non hanno nemmeno le chiavi..

    Risposta
  • 10 novembre 2013 in 08:40
    Permalink

    Buongiorno, desidero sottoporre alla vostra attenzione il mio problema.Sono single e proprietario di un immobile di 140 mq. Nel mese di agosto ho demandato un’agenzia immobiliare per la valutazione e la vendita perchè troppo grande per me.La proposta è stata di 179.000 euro. Dopo circa un mese l’agente mi dice di abbassare il prezzo perchè troppo oneroso abbiamo concordato verbalmente per la cifra di 160.000.Ad oggi non mi è stata fatta nessuna proposta di vendita. In conclusione posso disdire il tacito rinnovo senza dover pagare niente all’agente incaricato e all’agenzia.Grazie.

    Risposta
  • 13 novembre 2013 in 16:28
    Permalink

    Trovandomi in difficoltà con le rate del mutuo,ho deciso a malincuore di mettere in vendita la casa.da poco ho trovato lavoro,per due mesi determinato e poi da gennaio 2014 sarà indeterminato.Posso recedere dal contratto di vendita con agenzia senza pagare penale,considerando che si può cambiare idea?

    Risposta
  • 23 novembre 2013 in 07:57
    Permalink

    Buongiorno, ho firmato un mandato di vendita in esclusiva con una agenzia immobiliare per la vendita della mia casa.Se nel lasso di tempo pattuito per la vendita (6 mesi) avessi un ripensamento e quindi non volessi più vendere la mia casa, ovvero prima della scadenza del termine, incorrerei in spese?
    Grazie Giuseppe

    Risposta
  • 3 dicembre 2013 in 05:56
    Permalink

    Buongiorno, ho firmato un mandato di vendita in esclusiva con una agenzia immobiliare per la vendita della mia casa in data 4/7/2013. Tale mandato prevede il rinnovo tacito per un periodo di tempo pari alla durata dell’ incarico originario; il problema e ‘ che ora in data 2/12/13 avrei deciso di non vendere piu’ il mio immobile. Il mandato all’agenzia e’ ancora valido? Dalla data 4/7/13 quante volte puo’ rinnovarsi tacitamente? Grazie per una Vostra risposta.

    Risposta
  • 2 marzo 2014 in 16:52
    Permalink

    Se un ipotetico acquirente ha visitato un appartamento tramite l’intermediario immobiliare con il quale, da parte del venditore, non c’è nessuno contratto scritto ma solo accordi verbali, dopo quanto tempo può comprare l’appartamento senza che l’agenzia possa rivalersi nei confronti di entrambi (vneditore ed acquirente) per pretendere la quota derivante dall’intermediazione?
    grazie
    marina

    Risposta
  • 6 marzo 2014 in 02:27
    Permalink

    Buongiorno due domande : ho messo in vendita la mia casa cointestata con altre due persone ma la firma sul contratto è solo la mia se gli altri due proprietari non fossero d accordo avendo firmato solo io varrebbe cmq il contratto o potrei disdire???
    2 domanda se io vendessi la casa x conto mio ad un prezzo superiore cosa dovrei dare alla agenzia la cifra pattuita o di più?? Grazie mille

    Risposta
  • 17 marzo 2014 in 13:10
    Permalink

    Buongiorno, un’agenzia pubblicizza vendita di un immobile a eur 200mila. Abbiamo fissato visita in cantiere e l’immobile ci è piaciuto. Al che la stessa agenzia ci dice che in realtà il prezzo è 230mila a rustico (no porte. .no sanitari..no pavimento. .no caldaia) oppure 245mila finita e non raccoglie la nostra offerta a 200mila nè è disposta a tentare trattativa con venditore. Un’altra agenzia (il cantiere si avvale di più agenzie) ci informa che il prezzo è in realtà inferiore (hanno appena venduto immobile identico) ed è disposta a raccogliere offerta. Possiamo pretendere che la trattativa venga svolta dalla seconda agenzia accordandoci su una spartizione delle commissioni tra le due?

    Risposta
  • 24 marzo 2014 in 17:57
    Permalink

    Salve a tutti.
    Vorrei sapere se in presenza di mandato in esclusiva data ad un’agenzia immobiliare io proprietario posso far visitare l’appartamento a persone che mi contattano direttamente che n vogliono passare x l’agenzia. Si badi bene dico solo far visitare xke eventualmente decidessero aspetterei la scadenza sz fare il rinnovo e solo dopo procederei io stessa con la vendita.L’appartamento è locato x cui l’inquilino potrebbe dire all’agenzia dell’eventuale visita. grazie

    Risposta
  • 25 marzo 2014 in 00:38
    Permalink

    Buonasera,le volevo chiedere una delucidazione in merito a un fatto accadutomi di recente.Mi sono rivolta a un agente immobiliare per aiutarmi nella ricerca di un appartamento in affitto(era il mese di settembre). Poco dopo l’agente mi ha proposto un appartamento che ho deciso di confermare(c’è una mail che lo attesta)d’accordo di firmare i primi di dicembre,avendo dato la disdetta per quello in cui abitavo entro il 31-12-2013.il 6dicembre l’agente mi ha chiamato informandomi che l’appartamento non era disponibile in quanto aveva scoperto che era rivendicato dalla ex moglie del proprietario.Oltre alla irriperibilita susseguente dell’agente ho avuto verso la metà di dicembre una proposta di un altro appartamento,dallo stesso agente, che ho accettato e stipulato il contratto a gennaio 2014,dovendo chiedere la proroga all’appartamento precedente. Ora,a seguito di mesi dalla stipula del contratto mi è arrivata la fattura delle spese dell’onorario dell’agente(che equivale a una mensilità)io davo per scontato non me le chiedesse avendo avuto io disagi e avendo dovuto prorogare l’affitto per una sua negligenza nell’informarsi delle case proposte…c’è un modo per evitare di pagare questa somma? Ringrazio già per la risposta è per eventuali delucidazioni

    Risposta
  • 14 aprile 2014 in 11:58
    Permalink

    Intervento da like su facebook. Sull’argomento in di cui scrivi qualche giorno fa ne ho letto tanto, ma penso che questo sia unico.
    Ciao

    Risposta
  • 29 aprile 2014 in 19:06
    Permalink

    Salve,
    avrei un quesito da porre. Tre anni fa ho contattato un’agenzia immobiliare per aiutarmi a vendere un piccolo rustico completamente da riattare. Abbiamo pattuito insieme un importo e firmato un contratto in “esclusiva”.
    Tale contratto sarebbe durato sei mesi, ed io, convinta che invece la durata fosse di un anno, li ho ricontattati dopo tale periodo per chiedere notizie e perchè non avevo ricevuto nessuna proposta d’acquisto.
    Ho così rinnovato il “mandato” tramite P.E.C. (su loro richiesta, essendo io impossibilitata a recarmi presso il loro ufficio).
    Ad oggi non ho di nuovo sentito nessuno e il contratto è nuovamente scaduto.
    Sulla copia a mie mani stipulata tre anni fa, nelle clausole c’è scritto che “in caso di mancata vendita nulla sarà dovuto all’agenzia, fatto salvo quanto previsto dal punto B (cioè l’esclusiva). Un importo pari ai compensi pattuiti sarà tuttavia dovuto a titolo di penale nel caso di mancata vendita per fatto o colpa della sottoscritta; per la revoca dell’incarico prima della scadenza, anche prefatti concludenti o per rifiuto di accettare proposte d’acquisto conformi al presente incarico.
    Io non ho rifiutato nessuna proposta ed ho anche chiesto di abbassare di qualche migliaia di euro il prezzo, ma purtroppo i clienti cercano giardini privati, box e metratura (cosa che questo povero rustico non ha)….
    Ora io vorrei provare di nuovo a cavarmela da sola e a mettere in vendita privatamente l’immobile, però, da brava curiosa ho visto che sul loro sito internet c’è ancora l’annuncio e con il prezzo pattuito nel primo contratto….
    Io non ho mai mandato nessuna raccomandata RR chiedendo loro la rescissione del contratto. Avrei dovuto farlo?
    Se io adesso pubblico privatamente il mio annuncio o applico il cartello “vendesi” sul mio immobile, incorro a penali? Cosa devo fare per evitare che questa agenzia possa chiedermi qualcosa?
    Grazie e saluti.

    Risposta
  • 5 maggio 2014 in 23:02
    Permalink

    Buonasera, io e mia sorella abbiamo un appartamento (affittato con contratto transitorio sino al 31 ottobre) e stiamo considerando l’idea di venderlo. A tal fine abbiamo contattato due agenzie per avere una stima. Gli agenti sono venuti a vedere l’immobile, ma non abbiamo preso impegni, abbiamo solo parlato dell’immobile e per lo più rivolto domande. Entrambi gli agenti però hanno fatto già foto dell’appartamento, a cui abbiamo consentito senza troppo riflettere, più che altro per non dover tornare a disturbare l’inquilino in caso di accordo di incarico. Se non affidiamo loro nessun incarico e decidiamo di vendere per conto nostro, o con un’altra agenzia, potrebbe esserci di intralcio in una futura vendita? Potrebbero dire di avere avuto un incarico verbale e pubblicare le foto e fare pubblicità senza il nostro consenso? Molte grazie

    Risposta
  • 12 maggio 2014 in 15:34
    Permalink

    buongiorno,ho comprato casa tramite ag.immobiliare nel mese di gennaio 2014,con consegna entro il 31 maggio 2014.
    abbiamo fissato rogito 19 maggio 2014.
    la casa ci è stata venduta completa di mobili della cucina, 3 condizionatori e l’impianto dall’allarme,ma non è stato scritto da nessuna parte.oggi ad una settimana dal rogito mi chiama l’agente immobiliare dicendomi che la proprietaria vuole altri soldi per lasciarmi quanto detto sopra.lo può fare?se l’avessi saputo prima avrei scelto altro,e soprattutto,se mi toglie la cucina io come minimo ci metto 2 mesi per averne una nuova.come mi devo comportare?

    Risposta
  • 15 maggio 2014 in 22:39
    Permalink

    Buona sera.
    decidiamo di acquistare tramite agenzia un alloggio lasciato in eredità a più persone . Facciamo una offerta depositando un assegno di 2000 euro. Dopo pochi giorni l’agenzia ci convoca e ci partecipa che il venditore accetta la nostra offerta a patto di riuscire a rintracciare un nipote che risiede all’estero da anni e che sarebbe anch’esso erede della casa. Ci chiediamo: è legittimo che una agenzia metta in vendita una casa senza avere il mandato da tutti i proprietari? E se allo scadere del tempo pattuito l’erede, eventualmente rintracciato, non fosse dell’idea di vendere chi ci ripagherà il tempo durante il quale non abbiamo potuto impegnarci con altri alloggi?
    Grazie per la risposta

    Risposta
  • 20 maggio 2014 in 10:29
    Permalink

    Salve, questo e il mio problema! 1 mese fa mio marito ha dato mandato di vendita ad una agenzia ma lacosa strana e che la casa è intestata al 50%, ma a me non hanno chiesto di firmare. E valido il contratto?? Grazie

    Risposta
  • 30 maggio 2014 in 22:50
    Permalink

    buonasera,ho messo in vendita la mia casa da due anni con l’agenzia,abbiamo visto una casa che vogliamo comprare cosi abbiamo fatto il compromesso specificando che rogitavamo entro fine anno, solo che non siamo riusciti a vendere la nostra.l’agenzia può trattenere comunque la provvigione?la caparra l’abbiamo persa.grazie

    Risposta
  • 3 giugno 2014 in 22:45
    Permalink

    Buongiorno.
    Tre mesi fa ho dato mandato di vendita in esclusiva ad un’agenzia. Dopo un primo periodo di parecchie visite, da un po’ di tempo non portano più nessuno. Posso mettere la casa al contempo in affitto senza dover pagare nessuna penale all’agenzia?
    Grazie per la risposta.

    Risposta
  • 26 giugno 2014 in 18:46
    Permalink

    buongiorno, abito in un condominio dove da 2 anni è esposto un cartello “vendesi” da parte di una agenzia immobiliare ma in realtà non esiste nessun appartamento in vendita. il cartello è stato più volte rimosso dai condomini ma la stessa agenzia lo ha sempre rimesso. Che fare?

    Risposta
  • 15 agosto 2014 in 22:52
    Permalink

    Ho dato mandato ad agenzia più di due anni fa a 350.000,00 euro , in due anni anno portato dieci clienti …nessuno ha acquistato.
    Tre mesi fa ho dato mandato a nuova agenzia a 310.000,00 , uno dei clienti che aveva visitato l’immobile con la prima agenzia due anni fa , visto il prezzo in pubblicità con la nuova , ha contattato la stessa agenzia e, grazie all’operato della seconda agenzia ( vari tira e molla sul prezzo… si partiva da 260.000 eurodi offerta )ha fatto una offerta di 290000 che ho accettato. A chi devo la mediazione ? Nell’elenco della prima agenzia era indicato il cognome del cliente ma il nome era errato? Quest’ultimo aspetto comporta qualcosa? Grazie in anticipo

    Risposta
  • 20 settembre 2014 in 11:39
    Permalink

    Buongiorno.
    Ho un dubbio che riguarda la legittimità del compenso all’agente. Premesso che so che il compenso spetta al mediatore anche dopo la scadenza del mandato in quanto sussiste il nesso di causalità tra la sua attività e il risultato ottenuto, il mio dubbio riguarda il fatto che, nel contratto di adesione, non sia indicato alcun termine che subordina l’applicazione della clausola in esame. Cito: “Il compenso sarà dovuto all’agente anche nel caso di conclusione della compravendita dell’immobile di cui trattasi in un momento successivo alla scadenza del presente incarico, qualora il contratto venga concluso con un soggetto già contatto o segnalato dall’agenzia durante il periodo di validità dell’incarico”. Tengo a ribadire che il mio dubbio non riguarda la legittimità della clausola, ma il fatto che “ad vitam” io sarò costretto a pagare l’importo della provvigione pattuito.

    Un cordiale saluto.

    Risposta
  • 22 settembre 2014 in 16:32
    Permalink

    Buongiorno,
    vorrei sapere per quanto tempo si è vincolati a non vendere una casa a persone che l’hanno vista tramite l’agenzia, dopo la scadenza del mandato.
    Vi ringrazio in anticipo per la risposta
    Roberta

    Risposta
  • 22 settembre 2014 in 18:22
    Permalink

    Buona sera le scrivevo per sottoporle un problema per me un poco “fastidioso”.
    5 mesi fa io e mio marito abbiamo finalmente traslocato nella nostra nuova casa, una villetta a schiera di testa che abbiamo personalizzato secondo i nostri gusti.
    di queste villette a schiera ne rimane una invenduta al grezzo in quanto il costruttore fornisce la possibilità di personalizzarle. Fatta questa premessa arrivo al punto: pochi giorni dopo il trasloco, il costruttore suona alla porta con altre 3 persone dicendomi che sono persone interessate all’acquisto della villetta a schiera rimasta e che volevano visionarne una “finita”. Li invito ad entrare e faccio veder loro la casa ( che per altro era ancora piena di scatoloni del trasloco). Le persone “interessate all’acquisto” erano 3 un ragazzo e una ragazza giovane e una signora. il ragazzo tira fuori il cellulare e si mette a fare foto ovunque, dicendomi che vuole fotografare i pavimenti, le porte e la scala cosi da potersele ricordare e farle vedere a casa, dato che gli piacevano molto.
    Morale ho scoperto che il ragazzo in realtà era un agente immobiliare, e che ha pubblicato le foto degli interni di casa mia sul sito dell’agenzia, sulla loro pagina facebook, e su svariati portali di ricerca casa online.
    come mi devo comportare?
    sottolineo che la cosa che più mi urta in tutta questa questione è l’essere stata presa in giro, non capisco infatti il motivo per cui mi abbiano mentito, bastava chiedere e avrei dato loro il permesso, ma dato che mi sento raggirata posso pretendere che tolgano le foto dal loro sito e dai socialnetworks? Devo agire per vie legali? o la cosa si può risolvere con una telefonata?
    Grazie per l’attenzione
    Chiara

    Risposta
  • 1 ottobre 2014 in 22:23
    Permalink

    salve, ho dato mandato per un anno ad una agenzia per la vend,ita di casa, dopo c.a 5 mesi la suddetta agenzia ha cambiato nome ma , dicono , fa parte sempre dello stesso gruppo immobiliare. posso chiedere lan disdetta del contratto senza pagare la penale ??
    Un’altra domanda mi scusi, nel frattempo ho fatto fare dei lavori migliorativi all’appartamento, vorrei alzare il prezzo di vendita ma la stessa agenzia mi dice che non si puô fare, e verò o c stanno provando ?? Grazie

    Risposta
  • 4 novembre 2014 in 22:48
    Permalink

    Buongiorno
    ho dato mandato di vendita in esclusiva a un’agenzia che però dopo un mese non ha ancora portato nessuno Gli ho detto che avevo deciso di vendere casa per conto mio visto che loro non hanno portato nessuno, però mi hanno risposto che devo comunque pagare il 3% per ritirare il mandato E’ giusto? Se non è giusto devo fargli una raccomandata per ritirare il mandato? Grazie

    Risposta
  • 18 novembre 2014 in 14:46
    Permalink

    Buongiorno
    Tempo fa ho visto una casa, con una agenzia immobiliare, che ha suscitato il mio interesse. Purtroppo, proprio nella settimana in cui ho chiesto di presentare una offerta per l’acquisto, il loro mandato alla vendita è scaduto e il proprietario ha deciso di rivolgersi ad altri operatori del settore. L’agenzia cui mi ero rivolto ha ben pensato di chiudere la cosa, dicendomi che l’immobile era stato venduto mentre ho avuto conferma che la casa è ancora sul mercato. Tralasciando la rabbia e il comportamento poco professionale di questi soggetti, il mio quesito è: Posso pensare di procedere con la nuova agenzia o devo comunque temere una rivalsa nei miei confronti da parte della prima agenzia che, a questo punto non ha più alcun diritto sulla vendita? Ringrazio anticipatamente per i chiarimenti.

    Risposta
  • 9 gennaio 2015 in 11:38
    Permalink

    buon giorno avvocato,vivo in un incubo da quando io e mio marito abbiamo deciso di comprare la casa,su sito internet ho visto un appartamento che ci è piaciuto fissiamo appuntamento con agenzia e andiamo a vedere,agente dice che immobile e di 85mq,prezzo era buono però mi sembrava troppo piccolo come metratura,dopo due giorni andiamo in agenzia chiedo di nuovo metratura mi dice stessa cosa noi facciamo la proposta con ass.di2.000 euro,proposta era vincolata al mutuo,agente faceva sempre pressione su mio marito chiamava quasi tutti i giorni nervoso insistendo di fare compromesso,però noi abbiamo aspettato perito,il giorno quando venuto perito ha detto che risposta manda in banca fra 3,4 giorni,in questo giorno agente ci ha messo tanta pressione che dovevamo fare compromesso Nello stesso giorno dicendo che la casa non può essere valutata di meno che abbiamo offerto e sottolineato che tanto ci sono questi mq,sotto pressione abbiamo ceduto e abbiamo fatto compromesso con assegno di altri 8.000 euro per i proprietari,e altro assegno per agenzia di 5.490 euro dopo aver pagato tutti stavamo aspettando risposta della perizia,dopo tre giorni ci ha contattato la banca dicendo che la perizia e più bassa di 14.000 euro di quello che abbiamo chiesto,chiedendo la risposta della perizia abbiamo saputo che la casa che abbiamo comprato è di 60 mq,ora in banca noi dobbiamo versare la differenza di 5.460 euro che naturalmente non abbiamo,io e mio marito abbiamo chiesto il mutuo a base di mq,siamo andati in agenzia abbiamo dato la nostra perizia e abbiamo chiesto perché ci ha truffato,agente ha risposto che avete vinto cosa avete comprato,compromesso e a corpo e non a misura però noi abbiamo chiesto mutuo a base di mq,ora io e mio marito in molta difficoltà per la differenza i proprietari non vogliono scendere di prezzo al meno per la differenza in modo che noi possiamo proseguire con il rogito,e trovare una somma così alta non ce nessuno che presta,il rogito dobbiamo fare entro 30 marzo ma agente insiste sempre per fare più presto possibile,la mia domanda è se noi interrompiamo il compromesso a cosa andiamo incontro perdo solo la caparra e basta oppure devo risarcire i danni ai venditori e cosa prendono i danni? perché i proprietari hanno trovato la casa,agente in secondo tempo poi ha fornito di una fotocopia del preliminare dal costruttore,che dice che la casa è di 69mq catastali,non capisco catastali sono di più che commerciali?posso impugnare la proprietaria di aver mi venduto mq non esistenti?può proprietaria obbligarmi comunque a comprare la casa per le vie legali?cosa possiamo fare nella nostra situazione,ringrazio moltissimo per la vostra cortese risposta al più presto possibile perché non possiamo più a sopportare la pressione del agente grazie di cuore valentyna

    Risposta
  • 9 gennaio 2015 in 12:05
    Permalink

    dimenticavo che con il preliminare agente ha cancellato la proposta vincolata al mutuo grazie

    Risposta
  • 12 gennaio 2015 in 20:50
    Permalink

    Salve, sono un agente immobiliare , volevo chiedervi cosa posso fare in questa situazione :
    Ho preso in vendita con mandato in esclusiva per un anno un appartamento al prezzo di € 65.000,00 . Dopo neanche un mese mi contatta il proprietario e mi dice che un cliente ( privato ) ha provato tante volte a chiamarmi ma io non rispondevo e che lui ha fatto vedere direttamente la casa , e fin quì tutto bene ( anche se io di telefonate non ne ho ricevute) o chiamarono al fisso mentre io ero assente nonostante sulla tabella ci fosse anche il numero di cellulare .
    Comunque si trova l’accordo , il venditore dice all’acquirente che dovevano recarsi in ufficio perchè vi è il mandato in esclusiva.
    Vengono parliamo e discutiamo di tutto , l’immobile si chiude a 60.000,00 troviamo un accordo sulla provvigione 1.000,00 euro a a corpo cadauno e tutto ok .
    Faccio il preliminare è siccome sotto le feste di natale mi dicono che mi vengono a pagare dopo le vacanze.
    Il venditore puntualmente viene e mi paga .
    L’acquirente , una donna anziana ( che di proposta non ne hò in quanto abbiamo fatto direttamente il preliminare tra le parti , cioè compaiono solo il venditore e l’acquirente , io come agenzia non vengo menzionato in nessun caso ) ora non ne vuole sapere di pagare .
    Ora io come potrei fare per cercare di recuperare i soldi della provvigione ?
    Ho in ufficio da me la copia del preliminare , i documenti e tutto , ho copia dell’assegno .
    Posso in qualche maniera cercare di recuperare la provvigione ?
    Premetto che dal venditore non avanzo nulla e solo l’acquirente , che essendo una donna anziana , mi son fidato di lei è sbadatamente non ho fatto firmare nessun foglio anche perchè non è la prima è non mi hanno mai dato buca ……
    Lei insiste che ha chiamato da solo il proprietario , che io non ho fatto nulla e che non mi deve nulla , ma la disgrazia che non ho ne foglio di visita e ne nulla , avrei solo eventualmente il venditore con la moglie come testimoni …
    Sicuro in un vostro riscontro

    Risposta
  • 28 gennaio 2015 in 02:30
    Permalink

    Buonasera
    Sabato ho stipulato un contratto di vendita con un agenzia spiegando che non siamo in possesso del certificato di agibilità, ieri abbiamo deciso con il condominio di fare causa legale al costruttore per il rilascio di questo certificato.. L agenzia può stracciare il contratto? Premetto che mi aveva già sottolineato che senza agibilità non avrebbero potuto proporla in vendita
    Grazie

    Risposta
  • 12 marzo 2015 in 17:57
    Permalink

    Salve,
    chiedo gentilmente delucidazioni in merito ad una delega esclusiva data ad un tecnico per la vendita di un locale commerciale.In questa delega non è stato indicato il tempo concesso per l’eventuale vendita.
    Chiedo.
    -c’è un tempo stabilito per legge anche se non indicato nello scritto?
    -è valida la delega se non viene indicato il tempo concesso entro cui deve avvenire la vendita?
    In attesa di chiarimenti, la saluto.
    Cordialmente

    Risposta
  • 8 luglio 2015 in 01:18
    Permalink

    Buonasera,lavoro in un’agenzia immobiliare e mi è capitata una spiacevole situazione,mai venuta si a creare prima. Dobbiamo rogito re il 22 di questo mese,il 12 giugno su consenso scritto dei venditori, ho consegnato le chiavi dell Immobile agli acquirenti perché dovevano piastrellare il box auto,inavvertitamente ho lasciato anche le chiavi di casa nel mazzo… e gli acquirenti hanno pensato bene (cioè male!) Di sistemarsi dentro.. ma noi non è eravamo a conoscenza finché non ce l ha comunicato il proprietario il quale l ha sentito dire dai vicini… il proprietario ci ha chiamato Insultandoci e dicendomi che all atto non ci avrebbero pagato le provvigioni perché ci siamo comportati male.. adesso io mi chiedo.. visto che sono disposti a fare l atto.. hanno diritto a non pagare la ns mediazione?ovviamente credo proprio che debbano pagarla.. ma.. che consiglio ci dà? Grazie mille..

    Risposta
  • 6 novembre 2015 in 19:30
    Permalink

    buonasera mi è capitato di dare la casa in vendita ad un agenzia senza mandato allo scadere del mandato ho fermato tutto loro però mi hanno fatto firmare un foglio dove dice che se ci ripenso a venderlo devo andare x forza da loro altrimenti le devo dare dei soldi c’è qualche soluzione? grazie

    Risposta
  • 18 novembre 2015 in 22:01
    Permalink

    Salve, ieri pomeriggio ho firmato un contratto a una agenzia immobiliare con l’ esclusiva per otto mesi per vendere la mia casa …però ci avrei ripensato perché ho visto i prezzi in giro e mi sembra un po svenuta quindi vorrei annullare il contratto. Vorrei sapere se posso e semmai a cosa vado incontro .grazie

    Risposta
  • 4 marzo 2016 in 17:27
    Permalink

    Salve qualche settimana fa ho visitato un immobile con un agente immobiliario, questo non mi ha avvertito di ipoteche gravanti e di una futura asta. Indagando sull’immobile poi sono venuto a conoscenza di un asta che si sarebbe tenuta nei giorni successivi a cui ho partecipato autonomamente facendo una mia offerta. Presupponendo che con l’agente immobiliare non ho firmato nessun foglio o proposta di acquisto questo potrebbe chiedermi comunque una ricopensa?

    Risposta
  • 8 marzo 2016 in 13:50
    Permalink

    Buongiorno vorrei farvi una domanda io go visitato una casa tramite un agente della agenzia mi ha fatto firmare un foglio dove ho visualizzato casa .la casa mi interessa ho avuto la possibilità di parlare direttamente con il proprietario però il contratto Dell agenzia s
    cade alla fine di marzo quanto tempo dovrò ancora aspettare ? O dovrò pagare qualche penale grazie

    Risposta
  • 25 maggio 2016 in 21:45
    Permalink

    buonasrea , vorrei sapere un’informazione , faccio l’esempio, sto vendendo il mio appartamento , l’ho affidato ad un’agenzia per la vendita, il contratto stipulato ha durata di nove mesi.
    ora son passati 4 o 5 mesi , io posso recedere il contratto per qualsiasi motivo ? se si, devo dare dei soldi all’agenzia ? se si può fare e non devo dare dei soldi all’agenzia , posso subito dopo darlo ad un’altra agenzia ?
    grazie cordiali saluti

    Risposta
  • 12 giugno 2016 in 14:23
    Permalink

    Salve, sono un privato e da qualche mese sto cercando di vendere il mio appartamento da sola, vedendo la difficoltà nel venderlo mi sono rivolta ad un’agenzia immobiliare dando a questa l’esclusività nel senso che non ci saranno altre agenzie ma con la possibilità di vendere da privato in caso l’acquirente lo trovassi da sola.

    Ora l’agenzia mi chiede di passare in ufficio a firmare il mandato, è normale?

    Ma se riesco a vendere da privato devo qualcosa all’agenzia?

    Grazie

    Risposta
  • 14 giugno 2016 in 23:41
    Permalink

    Salve,ho messo in vendita una casa ed ho sottoscritto un compromesso attraverso l’agenzia ad una cifra inferiore a quella da me richiesta.(ho accettato la controproposta del compratore). Dopo si è presentata un’altra persona che vorrebbe la casa al un prezzo da me richiesto inizialmente, maggiore di quello sottoscritto da ambedue le parti. Posso vendere alla persona che ha accettato la cifra da me richiesta inizialmente? Grazie.

    Risposta
  • 4 ottobre 2016 in 11:53
    Permalink

    Buon giorno,
    sto per arrivare al rogito di un immobile soggetto a donazione.
    Quando ho firmato il preliminare l’agente immobiliare ha omesso di dirmi che la casa era soggetta a donazione, arrecandomi 3 mesi di problematiche per trovare la banca che mi concedesse il mutuo, perchè ho scoperto in un secondo momento che era anche soggetta ad ipoteca e non corrispondeva alle mappe catastali. Ora, ad una settimana dal rogito l’agenzia mi domanda le provvigioni, che non credo sia giusto pagare perchè i guai me li sono risolti da sola, e l’agente non si è comportato bene dicendomi che si è semplicemente dimenticato di dire queste cose… Posso fare a meno di pagare?

    Risposta
  • 10 ottobre 2016 in 17:44
    Permalink

    Salve,ho messo in vendita con un agenzia l’appartamento,perché volevo saldare la cifra restante del mutuo. Abbiamo scoperto che mio marito deve al Equitalia una cifra più alta del importo chiesto da noi per l’appartamento. A questo punto non si può vendere ma ho paura di dirlo al agenzia per non pagare una penale. Come dovremmo comportarci, grazie.

    Risposta
  • 17 marzo 2017 in 18:57
    Permalink

    Buonasera,
    Ho dato mandato ad una agenzia per la vendita di un immobile.
    L’agenzia,nonostante non abbia ancora nessun acquirente dispposto ad acquistare continua a chiedere copia dell’atto di propietà e copia di tessera identità e codice fiscale.
    Volevo sapere se è diritto dell’agenzia e dovere del venditore fornire tali documenti da subito o la loro visura è subordinata a una reale proposta d’acquisto.
    cordiali saluti armando

    Risposta
  • 23 giugno 2017 in 13:56
    Permalink

    Buongiorno,
    ho comprato casa all’asta tramite agenzia con mandato, ora mi chiedo poiché l’agente mi ha solo fatto visionare l’immobile sempre in presenza del personale addetto ed ha presentato la domanda al posto mio gli è dovuto l’onorario di 4000 euro più Iva? C’è una legge che mi tutela? Grazie

    Risposta
  • 24 giugno 2017 in 17:15
    Permalink

    Buongiorno, qualche nese fa un mio caro amico ha deciso di vendere casa. Ha mostrato il mio interesse ma mi ha detto che aveva dato mandato ad un agenzia per la vendita con l escusiva. Mi ha indirizzato all agenzia con la quale ha fatto una visita alla casa (che per altro gia conoscevo bene essendoci stata molte volte come ospite). Non ho firmato nulla (ne fogli per la privacy, ne per la visione dell immobile). Ora scduto il contratto con l agenzia il proprietario puo vendere direttamente a me senza intermediari?
    Grazie

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *