Il prato all’inglese

Un tipico prato con l’erba tagliata all’inglese

Un prato ex novo richiede terreno zappato a fondo, concimato, livellato e rullato. Qualunque detrito, sasso, pietra, radice, erbe infestanti vanno estirpati ed eliminati (fare attenzione a non interrarli). L’ultima operazione, prima della semina, è quella di rullare il prato, poichè il terreno deve essere ben compresso (è tale se, camminandoci sopra, non si sprofonda). Il prato può essere seminato da marzo a maggio, o da settembre a ottobre, quando la terra è ancora calda, ma non eccessivamente. I semi devono essere molto fini e ben selezionati: si deve scegliere una giornata di tempo bello e seminare molto fitto, il più possibile vicino al suolo. Dopo la semina si rastrella leggermente per coprire i semi, si ricopre con uno strato di terriccio, si rulla e si innaffia leggermente. Il primo taglio va fatto quando l’erba ha raggiunto dieci centimetri di altezza. L’erba tagliata va subito raccolta e successivamente si può effettuare una rullatura del prato. È bene ricordare che più frequenti sono le rasature, più il prato si mantiene bello. Durante la stagione calda e molto secca, è importante che venga innaffiato spesso con irrigatori a pioggia: l’operazione deve essere fatta al mattino presto o alla sera, dopo che il sole è calato da tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *