Realizzare un acquario in casa

Acquario di acqua dolceRealizzare un acquario in casa richiede regole ben precise, che permetteranno ai nostri pesci di vivere in buona salute per molto tempo. I prezzi negli ultimi anni sono diminuiti notevolmente e allo stesso tempo sono migliorate le tecnologie per la manutenzione e il funzionamento dell’acquario.

Con circa 200 euro potremo allestire un bellissimo acquario tropicale d’acqua dolce ricco di piante e pesci colorati.

Stiamo attenti però, iniziare con il piede sbagliato significa spesso spendere centinaia di euro in medicinali, pesci nuovi da sostituire con quelli morti e acquisti di accessori inutili o pesci molto costosi e delicati.

Basterà seguire alcuni consigli che vi descriveremo in questo articolo e dedicare almeno 30 minuti a settimana per la normale manutenzione.

Funzionamento di un acquario

Capire il funzionamento di un acquario di acqua dolce è estremamente semplice. Al suo interno troviamo una scatola nera (filtro) posizionata su uno dei 4 lati, una pompa che fa circolare l’acqua attraverso dei materiali filtranti e un riscaldatore per mantenere la temperatura costante. I materiali filtranti contenuti nel filtro, hanno la funzione di purificare l’acqua, di renderla cioè il più possibile priva di sostanze che possono risultare tossiche per i pesci, come Nitrati, Nitriti e Ammoniaca.

Ecco quindi le regole principali per un buon allestimento:

Cosa comprare

Oltre all’acquario, è bene acquistare un fondo fertile per acquari e della ghiaia non calcarea che andrà a ricoprire per 3-4 cm il fondo fertile. Inoltre sarà necessario procurarsi delle piante vere e alcuni legni e sassi per la scenografia.

IMPORTANTE: I pesci vanno comprati e inseriti non prima di 10 giorni dall’allestimento.

Allestimento dell’acquario

Laviamo accuratamente la ghiaia e facciamo bollire il più possibile i legni che si sono acquistati. Solo ora potremo inserire lo strato di fondo fertile (che servirà alle piante) e ricopriamolo con la ghiaia che abbiamo appena lavato.

A questo punto versiamo acqua tiepida all’interno dell’acquario, facendo attenzione a non creare buchi nella ghiaia che permettano al fondo fertile di risalire in superficie. Per evitare ciò si può usare una pentola di metallo che appoggeremo sul fondo e sulla quale verseremo l’acqua.

Ora prepariamo la scenografia inserendo i legni, i sassi e le piante. Queste ultime sono fondamentali per l’equilibrio di un acquario perché hanno la funzione di nutrirsi di quelle sostanze che possono essere nocive per i pesci, come ad esempio i nitrati.

Mettiamo in funzione l’acquario

Mettiamo in funzione la pompa, il riscaldatore e le luci dell’acquario, assicurandoci che all’interno del filtro ci siano i materiali filtranti come spugne, lana di perlon e cannolicchi.

Dopo almeno 10 giorni, (tempo necessario al filtro per maturare), si possono inserire i primi pesci iniziando con una quantità di un paio a settimana, fino a raggiungere un limite massimo imposto dalle dimensioni della vasca stessa.

ATTENZIONE: Per ogni due cm di pesce (lunghezza), serve un litro d’acqua.

Manutenzione dell’acquario

Una volta completato l’allestimento dell’acquario, suggeriamo soprattutto per acquari di piccole dimensioni, di cambiare una volta a settimana il 10% dell’acqua.
E’ importante inserire pochi pesci con caratteristiche ben precise che possano cioè convivere tra di loro.

I pesci vanno alimentati due volte al giorno in modo tale che consumino il cibo entro 2-3 minuti al massimo e che sopratutto che tutti riescano a cibarsi in modo corretto, dato che alcune specie sono più fameliche e voraci di altre.

Gli eventuali pesci morti e foglie marcescenti vanno rimossi immediatamente.

Per l’illuminazione è bene prevedere almeno mezzo watt per litro d’acqua. Con un acquario da 100 litri ci vorranno almeno 50 watt di luce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *