I finanziamenti

Il fabbisogno finanziario esprime la quantità mi mezzi monetari necessari per acquisire i fattori produttivi che consentono lo svolgimento dell’attività produttiva. La copertura del fabbisogno finanziario si realizza attraverso il ricorso a fonti di finanziamento che possono essere:

  • Con capitale di proprietà
  • Con capitale di credito

Il capitale di proprietà rappresenta il fondo iniziale dell’azienda, essendo costituito dalle risorse apportate dall’imprenditore (capitale di conferimento) e dagli utili generati dalla gestione ma non prelevati (autofinanziamento). Il capitale di proprietà:

  • E’ soggetto al rischio dell’attività aziendale ed è denominato capitale di rischio
  • Non ha remunerazione prefissata
  • E’ destinato a rimanere in azienda per un periodo di tempo illimitato

Il capitale di conferimento è costituito dai mezzi monetari apportati dal proprietario o dai soci nella fase iniziale della vita dell’impresa.

L’autofinanziamento è costituito d utili conseguiti ma non prelevati dall’imprenditore o dai soci. Esso, se non utilizzato, consente di accrescere i mezzi finanziari che rimangono a disposizione dell’azienda e garantisce all’impresa:

  • Il rafforzamento delle potenzialità finanziarie
  • La minore esigenza di contrarre debiti
  • La possibilità di affrontare il futuro andamento della gestione con maggiore tranquillità

Il capitale di credito, o di terzi, ha origine dalle possibili forme di indebitamento che l’impresa può contrarre sul mercato. I finanziamenti vengono concessi all’ azienda da soggetti a essa esterni(fornitori, banche) e sono:

  • Soggetti al rischio d’impresa, ma in misura più limitata rispetto al capitale di conferimento
  • Sono caratterizzati da una remunerazione periodica e prestabilita
  • Devono essere rimborsati alla scadenza che può essere a breve, medio o lungo termine

I finanziamenti con capitale di terzi comprendono debiti di finanziamento e debiti di funzionamento.

I debiti di finanziamento sono costituiti da tutte le forme di prestito con scadenza breve o medio-lunga che l‘impresa contrae con banche o con altri finanziatori. Sono prestiti come ad esempio mutui, prestiti obbligazionari, sovvenzioni.

I debiti di funzionamento, o di regolamento o di fornitura, sostituiscono temporaneamente il denaro nel regolamento degli scambi. Essi sorgono in relazione ad acquisti di fattori produttivi con regolamento differito.

I finanziamenti si possono distinguere in:

  • Finanziamenti interni che comprendono il capitale proveniente dall’autofinanziamento
  • I finanziamenti esterni che sono mezzi finanziari che affluiscono all’azienda da soggetti esterni; comprendono i conferimenti(capitale di conferimento) e i debiti(capitale di credito).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *