Parcelle ed obblighi dei geometri

Costo di un GeometraDi solito quando dobbiamo vendere o comprare casa optiamo per prendere un geometra che magari conosciamo, un amico di un amico o semplicemente il geometra ‘di famiglia’. Il geometra infatti dovrebbe assolvere delle pratiche e dei lavori inerenti la compravendita che non sempre sappiamo quantificare eindividuare nella procedura standard. In molti casi le persone si lamentano dell’operato del geometra in quanto non ha assolto tutte le pratiche necessarie, ha tempi molto lunghi oppure addirittura non ha fatto quello che doveva o semplicemente ha portato a termine solo una parte del lavoro complessivo. In altri casi invece ci troviamo di fronte ad una parcella che ha tutte le sembianze di ‘ladrocinio’.

In questo articolo cerchiamo di mettere in luce quali sono i diritti ed i doveri dei geometri che seguono un atto di compravendita, le parcelle dei geometri e lasciamo il commento libero a tutti gli utenti in modo che possano tranquillamente raccontare le proprie esperienze, confrontarsi con le esperienze altrui e creare così un punto di riferimento con molti di noi che si trovano a dover pagare un geometra ma che non sanno bene per cosa devono pagarlo…

I principali campi dove un geometra può operare sono i seguenti:

Le costruzioni si rurali, civili, che industriali

  • Offrire una consulenza urbanistica sbrigando pratiche edilizie come Concessioni, Autorizzazione, D.I.A. (dichiarazione di Inizio Attività), Sanatorie, ecc..).
  • Possono progettare e offrire assistenza durante la realizzazione di edifici civili, industriali, agrari che quindi comprendono competenze per quanto riguarda civili abitazioni, capannoni industriali, stalle, fienili, magazzini ecc..
  • Progetti per la ristrutturazione di edifici sia civili che rurali.
  • Offrire assistenza professionalità per quanto riguarda la sicurezza sui cantieri (Decreto Legislativo 494/96 e 528/99).
  • Assistenza per quanto riguarda la progettazione, la direzione e la contabilità nelle opere civili urbane.
  • Eventuale progettazione ed organizzazione di impianti idrosanitari, di fognatura interna all’edificio, elettrici, di riscaldamento (con potenzialità inferiore a 30.000 Kcalh).

Topografia, rilievo topografico e catastale

  • Rilievi di distanze, di altitudini e determinazione delle superfici di un immobile o di un’area.
  • Eventuali frazionamenti catastali in più unità immobiliari.
  • Rilievi catastali di edifici e relativa rappresentazioni tramite programmi CAD.
  • Presentazione e compilazione di eventuali moduli informatici e/o cartacei per denunce varie e variazione catastali.
  • Operazioni topografiche, cartografiche e fotogrammetriche.

Estimoo civile, rurale e industriale

  • Su richiesta (in generale di un’istituto bancario per l’erogazione di un mutuo) servizio di stima di immobili (sia residenziali che fabbricati civili, rurali e industriali).
  • Offrire perizie tecnico-estimative nel caso in cui si anecessaria una divisione, scissione, fusione, di beni mobili ed immobili.
  • Assistenza per la compravendita di terreni, fabbricati ed immobili in generale.
  • Offrie assistenza per quanto riguarda le successioni e le divisioni di beni.
  • Reperire informazioni e documenti da presentare per le locazioni immobiliari.
  • Offrire supporto ed assistenza per le pratiche con gli Enti Pubblici.
  • Assistenza tecnica nei compromessi, contratti preliminari e contratti di compravendita di immobili.

Questi sono in linea di massima i servizi che un geometra può offrire nell’ambito della compravendita immobiliare. La cosa interessante è cercare di raccogliere tutte le testimonianze degli utenti che visitano caseinrete.org in modo da creare pian piano un quadro completo ed esaustivo di quello che possiamo chiedere ad un geometra. E’ interessante raccogliere anche le varie testimonianze sulle parcelle dei geometri; quanto costa fare un rilievo, una perizia o in generale una determinata prestazione.

Se ognuno riporta la propria esperienza questo articolo diventerà un punto di riferimento per tutti coloro che per la prima volta si appoggiano ad un geometra per svolgere le varie operazioni sopra elencate.

5 pensieri riguardo “Parcelle ed obblighi dei geometri

  • 9 marzo 2011 in 15:32
    Permalink

    Io personalmente ho avuto a che fare con 2 geometri di Agliana (provincia di Pistoia).

    Il primo mi ha preso 1600 Euro per una compravendita di immobili dove lui ha soltanto toccato i muri per sentire se erano coibentati, aperto una DIA in comune e ha letto il compromesso. Inoltre non si è nemmeno accorto che nella piantina catastale dell’appartamento c’era una finestra che poi nella realtà non esisteva. Quindi il rapporto illuminante di 1/8 non era rispettato ed ho dovuto chiamare i muratori ed aggiungere la finestra (avevo già montato parquet ed accessori).
    Non è finita qui: mi sono accorto che l’abitabilità del mio appartamento era messa a rischio per un’altezza dell’ingresso e anche in questo caso lui non se n’era nemmeno accorto… Meno male poi è andato tutto bene!

    Sull’altro non voglio spendere troppe parole e troppo tempo perchè non vale nemmeno un piccolo commento…

    Risposta
  • 21 aprile 2011 in 18:25
    Permalink

    Come in ogni settore ci sono i bravi e i cattivi anche nella gloriosa categoria dei geometri

    Risposta
  • 26 aprile 2011 in 13:36
    Permalink

    Intanto devo dire che le competenze dei Geom riportate e descritte sopra non sono assolutamente esatte e devono essere rettificate. Non possono progettare ne edifici civili ne tanto meno quelli industriali. Possono solamente prendere parte quali progettisti ed alla realizzazione di opere rurali di modesta entità e non in cemento armato. Attenzione anche alle competenze in materia di progettazione di impianti idraulici.
    Trattasi di tecnici diplomati e non laureati. Rispettabili e da prendere in considerazione ma in presenza di procedimenti edilizi delicati è meglio rivolgersi a tecnici laureati di chiara fama.

    Risposta
  • 30 gennaio 2012 in 00:00
    Permalink

    Buonasera, mio padre e mio zio (disabile) hanno ricevuto in eredita’ l’appartamento dei miei nonni sito al piano sottostante a quello dove io vivo,io (nipote dell’invalido) mi prendo cura dello zio ma in base alle nuove disposizioni non posso prendere la residenza con lui poiche’ coniugata e in comune mi parlano di “Accatastamento di funzionalita” che mi permetterebbe mi unire le due abitazioni e formare un unico nucleo familiare. Potete darmi informazioni n merito? Rimango in attesa di una vostra cortese risposta, distinti saluti Cristina

    Risposta
  • 29 febbraio 2012 in 23:35
    Permalink

    devo aprire tre finestre sulla parete quanto costa il geometra che deve compilare la D I A ?

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *