Progettazione di interni

Cerchiamo alcuni punti fermi per procedere nella progettazione di interni.

  • Individuare una zona giorno e una zona notte, ovvero una zona pubblica e una privata.
  • Guardare se in pianta si vedono punti morti: come corridoi troppo lunghi, aree finali del corridoio non utilizzate o ingressi troppo ampi. A volte basta poco per creare un utile ripostiglio, oppure ampliare o eliminare una porta, o aprire del tutto un tramezzo interno per creare un ambiente spazioso, accogliente e totalmente utilizzabile.
  • Cercare di evitare gli ingressi in abitazioni non molto grandi: che sono la maggioranza in Italia: l’ingresso è uno spazio totalmente inutilizzato, mentre spesso può essere usato per aumentare la superficie della zona giorno; in questo secondo caso non va però pensato come ingresso, con i tipici arredi per questi ambienti, ma come uno spazio giorno dove quindi si può posizionare anche un mobile giorno, una libreria, parte del salotto.
  • Consideriamo la possibilità di piccole opere di muratura.
  • Guardarsi attorno: com’è la luce durante la giornata? Dove sono le finestre? Sono abbastanza grandi? C’è un terrazzo che può ampliare la zona giorno visivamente e, nella bella stagione, anche fisicamente?
  • Controlliamo la posizione degli impianti: luce, acqua, gas, cablaggi vari, scarichi (se abbiamo in programma di spostare i bagni o la cucina), posizione della canna fumaria della caldaia ed eventualmente del camino. Tutte cose da non sottovalutare perché spostarle può portare spese non indifferenti.
  • Individuiamo gli elementi primari: quelli più grandi che delimiteranno gli spazi, lasciando ad un secondo momento le considerazioni
    sugli accessori.
  • Pensare gli spazi in 4 dimensioni: fare lo sforzo di vedere gli spazi in pianta e alzato, in prospettiva e spostarcisi dentro. Un utilissimo esercizio di fantasia che darà i suoi frutti.
  • Non pensare agli arredi solo sul perimetro delle stanze: Se li pensiamo solo sul perimetro la funzione degli arredi sarà principalmente statica, mentre noi vogliamo dargli una funzione dinamica. Pensiamoli quindi anche a centro stanza, con i lati corti appoggiati alle pareti, disposti in modo tale da creare delle aree funzionali senza dovere per forza dividere fisicamente gli ambienti.
    Un esempio tipico è quello del salotto: se lo spazio lo permette, il salotto può essere disposto a centro stanza a formare degli angoli o da solo, rettilineo, o con un tratto contro la parete ed un altro a centro stanza. Questo è un utilizzo dinamico che crea ambienti senza dividere, con lo sguardo che può andare oltre.
    Ancora, la schiena di una libreria, dovutamente nobilitata, può fare da appoggio ad un salotto o da parete trasversale: anche qui la divisione non è totale perché il mobile potrà essere alto 100-160-200 cm e non chiudere totalmente l’ambiente che delimita.

Articolo prelevato dal manuale ufficiale di tokonomaway.com, interior design.

Un pensiero riguardo “Progettazione di interni

  • 20 maggio 2009 in 22:07
    Permalink

    Ottimo lavoro! Sono un lettore frequente di CaseinRete.

    Ho trovato un bello programa di arredamento d’interni gratuito. Si chiama pCon.planner – ed è scaricabile all’indirizzo: pcon-planner.com/it. Mi sembra molto professionale.

    Mi piacereva avere la vostra opinione professionale. Un articolo su questo tema sarebbe interessante.

    Grazie mille,
    Guido Poggi

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *